Sei abbastanza mentalmente abbastanza?

Quando hai di fronte un vero, "non sono sicuro di averlo in me", una specie di sfida sul lavoro come rispondi? Conosci quei momenti in cui ti senti come se avessi già dato qualcosa al tuo miglior scatto, ma per una ragione o per l'altra non sembra funzionare.

Ti impegni a fare qualcos'altro che sia "davvero" importante? Lo metti nel cestino "troppo duro" e vai avanti? Oppure fai un respiro profondo, chiudi le spalle e inizia a fare ciò che deve davvero essere fatto?

A and N Photography
Fonte: fotografia A e N

Trovare la forza psicologica per affrontare le nostre sfide con coraggio e determinazione e continuare a presentarsi anche di fronte alle avversità estreme – per dimostrare veramente "coraggio" – è qualcosa con cui la maggior parte di noi lotta nel nostro lavoro. Quando ci sembra di aver raggiunto la fine delle nostre risorse psicologiche e fisiche, molti di noi sono disposti a credere che la cosa "sensata" da fare sia rinunciare.

Ma è sempre vero? Vedete gli studi suggeriscono che essere in grado di sopportare il disagio e le emozioni negative – come paura, ansia, rabbia, frustrazione o colpa – che derivano dall'affrontare sfide difficili è ciò che in realtà ci consente di diventare più forti, più saggi, più mentalmente agili e alla fine più felice.

Questo è il motivo per cui istruisco i miei clienti a immaginare i loro sgraditi momenti di avversità al lavoro con un grande fiocco rosso sopra di loro. Potrebbe essere un capo o un cliente eccessivamente esigente, colpire un obiettivo apparentemente impossibile o un'innovazione ad alto rischio che non è mai stata tirata fuori. Questi sono i doni che raramente richiediamo, ma spesso le opportunità di sviluppo di cui abbiamo più bisogno.

Quindi cosa possiamo fare per trovare il coraggio di conquistare sfide scomode?

La ricercatrice e attivista sociale Emilia Lahti suggerisce che mentre la grinta è utile quando si tratta di perseveranza e resilienza a lungo termine che può aiutarci a riprenderci dai nostri problemi, quando ti senti come se fossi alla fine delle tue capacità psicologiche e fisiche, cosa tu la maggior parte di questi momenti è "sisu".

Un costrutto finlandese di 500 anni, sisu è la capacità di sopportare uno stress significativo mentre agisce contro le probabilità apparentemente impossibili e le avversità estreme. È la convinzione che andremo tutto bene anche di fronte a sfide incerte che ci consentono di intraprendere le azioni necessarie per modellare questi risultati in modo da poter resistere, perseverare e crescere. È come i finlandesi spiegano la loro abilità nel tenere a bada l'esercito sovietico durante la Guerra d'Inverno del 1939.

"Sisu è una mentalità d'azione", spiega Emilia. "È un approccio coerente e coraggioso verso le sfide che ci consente di vedere oltre i nostri attuali limiti e in ciò che potrebbe essere. Incoraggia "quello che potrebbe essere" il pensare che ci permette di andare avanti contro ogni previsione, contro ogni logica. "

"Sisu non è tanto una questione di successo, ma piuttosto di immergersi in un'esperienza con ogni fibra del tuo essere e non mollare. Riguarda l'equanimità, la razionalità e una sorta di azione stoicamente silenziosa e implacabile che ti consente di affrontare le tue sfide con coraggio e determinazione ", dice.

Ma se non sei nato in Finlandia, dove il sisu fa parte della cultura nazionale, cosa puoi fare per coltivare più sisu quando si tratta del tuo lavoro?

Mentre la ricerca sul sisu è ancora nelle fasi iniziali, l'83% dei finlandesi intervistati ritiene che sia una qualità psicologica che può essere sviluppata attraverso uno sforzo consapevole.

"Sembra che coltivando il sisu, devi prima determinare le convinzioni che hai su di te e sulle tue capacità di gestire le sfide e le avversità. Poi, se necessario, lavora per stabilire una nuova narrativa che riconosca il potere che devi fare affinché ciò accada ", spiega Emilia.

Lei suggerisce i modi in cui potresti sviluppare il tuo sisu:

Festeggia il tuo passato sisu: trovare la prova della tua capacità di superare le avversità, ti aiuterà a darti fiducia la prossima volta che dovrai affrontare una sfida scomoda. Prenditi un po 'di tempo per riflettere e assaporare i tuoi ricordi sull'uso del tuo sisu da mostrare e su come ti ha fornito un "secondo vento" quando ne hai più bisogno al lavoro.
Cerca opportunità per costruire il tuo sisu: pratica per sentirsi a proprio agio a disagio. Cerca le opportunità per andare al di là di ciò che faresti normalmente – gestisci quel qualcosa in più, affronta qualcosa che ti spaventa, fai quella difficile conversazione che hai rimandato. Ciò che sperimenta in una situazione si traduce in altre parti della tua vita. Come padre della psicologia moderna, William James una volta suggerì: "La maggior parte della gente non corre mai abbastanza lontano al loro primo vento per scoprire di avere un secondo".
Riconosci il sisu negli altri – sei profondamente interconnesso con gli altri, quindi quando vedi qualcuno che lotta davvero cerca di aiutarli a sfruttare il loro sisu in modo che possano trovare un modo per farcela. Riconoscere la forza in loro, far loro sapere che hai visto la loro capacità di superare le difficoltà e incoraggiarli a scavare un po 'più a fondo mentre affrontano la loro sfida attuale.

E poi prendi il tuo sisu nei momenti in cui ne hai più bisogno.

Ovviamente, come qualsiasi abilità psicologica, è importante essere consapevoli della situazione in cui ti trovi e del risultato che stai cercando quando si tratta di applicare il sisu. Troppo sisu in alcune situazioni può portare a pensieri inflessibili, assunzione di rischi inefficaci, ustioni o danni fisici. Per questo motivo suggerisco di applicare sisu mindfully.

Attualmente sta completando il suo dottorato di ricerca, puoi imparare di più sulla ricerca di Emilia e sui modi per applicare il sisu al lavoro su www.emilialahti.com

Dove potresti beneficiare della pratica del sisu nel tuo lavoro?

Solutions Collecting From Web of "Sei abbastanza mentalmente abbastanza?"