Sedotto dai numeri

Di recente stavo guidando in macchina con una buona amica Amy e il suo piccolo Adam, che aveva appena appreso i suoi numeri. Teneva d'occhio il tachimetro della macchina di Amy e chiamava ogni volta che sua madre andava oltre il limite di velocità. Amy è un autista molto buono e sicuro, e ha obbedito alle regole del traffico, ma, a volte, ha dovuto accelerare o decelerare per abbinare la velocità della sua auto al traffico intorno a lei. Il suo bambino, tuttavia, con la sua nuova padronanza dei numeri, conosceva solo un modo per giudicare la sua guida.

Lo facciamo tutti. Siamo sedotti dai numeri. A volte, se sentiamo ripetere ripetutamente la stessa statistica, ci crediamo, anche se non ha senso. Considera la frase spesso ripetuta, "Usiamo solo il 10% del nostro cervello." Da dove viene questa idea? Non regge alle osservazioni scientifiche. Quando gli scienziati usano tecniche di imaging cerebrale per monitorare l'attività del cervello umano, scoprono che aree ampie del cervello sono attive anche quando siamo a riposo o addormentati.

I numeri, in particolare i risultati dei test, ci dicono come facciamo su specifici esami o attività, ma non ci dicono come funzioniamo nella vita reale. Sfortunatamente, nella scienza, nella medicina e nell'educazione, troppo spesso i numeri danno troppo peso.

Quando stavo crescendo, avevo 20/20 acuità in entrambi gli occhi, ma ho fatto male a scuola. Con i miei risultati 20/20 sullo screening della visione scolastica, tutti pensavano che avessi una visione perfetta. Ma ero strabico, quindi i miei occhi non puntavano nello stesso spazio nello spazio. Quando leggiamo, è meglio se puntiamo entrambi gli occhi sulla stessa lettera sulla pagina allo stesso tempo. Tuttavia, il mio occhio sinistro guardava a destra di dove stava guardando il mio occhio destro. Le lettere sulla pagina mi sembravano cambiare e cambiare posizione. Questo problema non è stato rilevato dalla visione della scuola che ha esaminato il modo in cui ciascun occhio ha visto separatamente, ma non quanto i due occhi lavorassero insieme. Quindi, il mio preside era convinto che la mia visione non avesse nulla a che fare con i miei problemi di lettura e con i miei punteggi bassi nei test standardizzati. I numeri non mentono. I miei problemi di lettura sono stati accusati di scarsa intelligenza.

Quando mio marito Dan era un giovane medico riabilitativo, gli fu chiesto di esaminare un uomo anziano che aveva sofferto di poliomelite da bambino. Dan entrò nella sala d'esame e poi esaminò la forza dei muscoli ambulanti di quell'uomo. Li ha classificati molto deboli. Dopo l'esame, un medico anziano chiese a mio marito una semplice domanda: il paziente poteva camminare? Dan non l'aveva testato, ma dai numeri del suo esame aveva assunto che non era possibile. Così il medico anziano e mio marito sono tornati nella stanza degli esami e hanno chiesto all'uomo di camminare. Il signore si alzò dal tavolo esaminatore senza apparente preoccupazione e attraversò la stanza. Fu solo più tardi che mio marito si rese conto che il medico anziano aveva messo le cose per fare un punto. Il paziente aveva davvero muscoli molto deboli, ma aveva sviluppato il suo modo di camminare usando i suoi muscoli sopravvissuti. I risultati dell'esame di mio marito non riguardavano quanto bene questo paziente potesse gestire nella vita reale. Eppure, era importante il suo funzionamento quotidiano.

La vita è molto complicata ed è bello avere numeri, obiettivi e discreti, per aiutare a dare un senso al mondo. Tuttavia, non dovremmo lasciare che i numeri dei risultati dei test ci seducano in un falso senso di fiducia. Dobbiamo continuamente mettere in discussione le nostre ipotesi e chiederci se le statistiche che generiamo da test ed esperimenti riflettono esattamente il modo in cui realizziamo realmente le cose nella vita reale. Anche per gli atti quotidiani come guardare, leggere e camminare, le nostre prestazioni non dovrebbero mai essere ridotte a un semplice insieme di numeri.

Solutions Collecting From Web of "Sedotto dai numeri"