Sedersi in panchina? Non penso così!

"Voglio tutto e lo voglio ora". Quei testi sono stati presentati in una recente pubblicità di carte di credito televisive, ma in realtà sono stati scritti con una certa prescienza ribelle alla fine degli anni '80 dal gruppo rock Queen. Hanno cantato il desiderio di vedere i giovani cogliere l'attimo e marciare coraggiosamente verso un futuro sconosciuto. Poco poteva sapere che Freddy Mercury e Co. sapevano che la loro affermazione un po 'innocente sarebbe diventata un mantra non detto nel nuovo millennio.

La regolarità con cui gli allenatori stanno assistendo alla "I want it now", l'impazienza dei giovani per quanto riguarda i profitti dello sport è diventata nel migliore dei casi un punto di discussione e nel peggiore un mal di testa fastidioso che promette sfide in corso per il prossimo futuro.

Una volta la pazienza era considerata una virtù e l'idea che "le cose buone arrivano a coloro che aspettano" era un truismo popolare che convalidava la capacità dei giovani di posporre ricompense e gratificazioni e di equiparare le idee di duro lavoro e guadagnare ciò che si ottiene.

Nella moderna arena atletica abbiamo a che fare con ragazzi cresciuti e preparati per l'immediatezza; la velocità e l'accesso alle informazioni via Internet; il contatto costante e libero che viene fornito con telefoni cellulari e messaggi di testo; la disponibilità virtuale 24 ore su 24 di quasi tutti i servizi e le risorse immaginabili. Il loro mondo è eccitante, ha un ritmo incalzante ed è sempre nell'ora.
Il problema è che gli sport, a differenza del mondo del lavoro, sono orientati a un ritmo diverso dove costruire le proprie abilità ed esperienze e stabilire credibilità nel corso del tempo sono la norma. Sfortunatamente l'idea di iniziare dal basso, cioè la panchina del sostituto, la squadra della JV o il lavoro di livello base e il lavoro in ascesa sembrano essere alieni e persino offensivi per molti giovani.

Le università si sono trasferite a rottamare gli sport della JV perché gli studenti abituati ad essere premiati con il tempo di gioco e il riconoscimento indipendentemente dal loro livello di abilità preferiscono non giocare se non saranno nella squadra migliore. Vogliono lo stato e i profitti associati ad essere in cima all'albero senza dover necessariamente scalarlo e i giorni dell'atleta JV felice e contento sembrano aver fatto la fine del dinosauro.

L'acquisizione del tempo di gioco immediato e il prestigio e la convalida personale che fornisce sono diventati quasi desiderabili come vincere a molti atleti e più frequentemente gli allenatori si trovano a confrontarsi con bambini le cui azioni suggeriscono "Non mi importa se vinco o no fino a quando Sto giocando il tempo. "Un'esagerazione? Non proprio.

Recentemente ho chiesto ad un gruppo di atleti se preferiscono giocare una partita completa e perdere o giocare dieci minuti e vincere. Prevedibilmente tutti hanno affermato che avrebbero preso l'opzione vittoriosa di dieci minuti. Mentre suona bene in teoria, raramente viene dimostrato in azione e quasi ogni allenatore dirà di bambini che sono compagni di squadra energici, impegnati e zelanti mentre stanno giocando regolarmente, ma che diventano scontrosi, egoisti e sconnessi quando non lo sono, anche se la squadra sta giocando bene e sta vincendo.

Sarebbe semplicistico suggerire che gli atleti dovrebbero essere felici se non stanno giocando, ma la frequenza e il grado di reazione eccessiva di alcuni bambini e delle loro famiglie è preoccupante e le loro risposte vanno dal fare il broncio all'abbandono del team. Se non c'è niente in loro per loro, molti preferiscono prendere la loro proverbiale palla e andare a casa. Per alcuni, sedere sulla panchina di una squadra collegiale può essere la prima volta che si trovano di fronte all'idea che i loro premi sportivi saranno graduali, condizionali e basati interamente sul merito e le prestazioni. In altre parole, non puoi avere tutto e non puoi averlo ora.

Come allenatori, ci viene presentata la sfida di integrare una generazione che vuole gratificazione immediata in un ambiente in cui lentezza e costanza spesso vince la gara. Per noi, vincere la gara è importante e la soddisfazione di un individuo è spesso una considerazione secondaria per il maggior bene della squadra e l'esito del gioco. Tuttavia, non si può fare a meno di pensare che attraverso questa collisione di valori i pali di coaching, insegnamento, gestione e sì, anche genitorialità, si stanno muovendo e dovremo continuare a ricalibrare il nostro obiettivo negli anni a venire.

Solutions Collecting From Web of "Sedersi in panchina? Non penso così!"