Se pensi di non potere … ripensaci: l'influenza dell'efficacia del sé

Henry Ford lo diceva meglio: "Che tu pensi di poter o meno, di solito hai ragione". Ma pochi di noi comprendono la veridicità della sua affermazione. Fortunatamente, c'è una scienza (e un po 'di finzione) per eseguirne il backup, quindi ascolta e impara!

"Credo che posso! Credo che posso!"

Ricorda la storia dei bambini The Little Engine che potrebbe ? Sfidare le probabilità impossibili, il piccolo motore ha fatto! Ma abbiamo in qualche modo perso il messaggio di questa storia? 50 anni sono passati da quando il libro è stato pubblicato per la prima volta, e quando si tenta di superare le difficoltà o perseguire i propri sogni, molti di noi pensano ancora: "Non posso". Suona familiare?

Il termine scientifico è "auto-efficacia" – il fenomeno psicologico "I-think-I-can" che migliora il raggiungimento degli obiettivi. Introdotto dallo psicologo Albert Bandura nel 1977, oltre trent'anni dopo la potenza scientifica persiste (nel mondo accademico). Ma anche con la scienza dalla nostra parte, non l'abbiamo ancora ottenuto. A differenza dell'autostima, l'autoefficacia non riguarda il senso di autostima; si tratta di credere di essere in grado di produrre un risultato desiderato – che tu possa raggiungere i tuoi obiettivi.

La verità è che c'è molto di più per "I think I can" della finzione infantile o di una massima cliché e di benessere.

L'influenza dell'efficienza del Sé

Ognuno ha qualcosa che vorrebbero cambiare o migliorare; ognuno ha degli obiettivi. Pertanto, l'autoefficacia è di attrazione universale e bisogno diffuso. Oltre a ciò, offre alcuni grandi vantaggi per i potenziali acquirenti.

Ad esempio, le persone con un alto livello di autoefficacia si prendono meglio cura di se stesse, considerano i compiti come qualcosa da padroneggiare e si sentono maggiormente responsabilizzati. Non sono controllati dalle circostanze. Vedono le battute d'arresto come sfide da superare e possono affrontare le difficoltà meglio di quelle con bassa auto-efficacia. Imparano dal fallimento e lo canalizzano verso il successo, come Thomas Jefferson, Walt Disney e JK Rowling. Le persone più elevate nell'autoefficacia hanno anche un maggiore senso di motivazione e persistenza.

Forse la cosa più importante, secondo Bandura, l'autoefficacia influenza il modo in cui ci sentiamo, pensiamo e agiamo, e la bassa autoefficacia è stata collegata a impotenza, ansia e depressione. Fortunatamente, se il tuo livello attuale è medio, ampio o assente, proprio come gli attributi fisici, l'autoefficacia può essere migliorata.

Se lo costruisci, arriverà: migliorare l'autoefficacia

Ecco alcuni semplici esercizi che puoi usare per aumentare il tuo senso di auto-efficacia.

Fai un passo alla volta

L'autoefficacia è sviluppata, in parte, attraverso il successo – e anche le piccole conquiste possono dare un pugno potente. Scegli un piccolo cambiamento che vorresti fare e prendilo. Quindi scegli un altro piccolo cambiamento. Poi un altro Rifletti su ogni successo prima di passare al tuo prossimo piccolo obiettivo. Come ogni altro cambiamento, migliorare l'autoefficacia si ottiene al meglio un passo alla volta.

Disegna dal tuo passato

Ricordare i successi del passato può aiutare a stimolare un maggiore senso di autoefficacia. Rifletti sui momenti in cui sei riuscito a realizzare cose che non pensavi di poter fare. Rifletti su quei momenti. Cosa hai realizzato? Come l'hai realizzato? Come possono essere canalizzati questi risultati per aiutarti a raggiungere gli obiettivi futuri? Cosa dicono questi risultati sulla tua capacità di successo?

Vedere per credere

La visualizzazione è uno strumento potente. Non solo è vedere credere, quando si tratta di auto-efficacia, credere è vedere …. risultati. La visualizzazione non solo stimola il tuo cervello al successo e migliora l'autoefficacia, ma ti aiuta anche a vedere i piccoli passi che devi compiere per raggiungere il tuo obiettivo finale.

Trova un modello di ruolo

Ammira il successo di qualcun altro. Quando vedi che qualcun altro ha successo, in particolare qualcuno con cui ti identifichi, sei più propenso a credere che puoi ottenere anche tu. Quindi, avere uno o due buoni modelli di ruolo può rafforzare indirettamente il tuo senso di autoefficacia.

Accetta il dubbio di sé … ma mettilo al suo posto

Gestire i propri dubbi su se stessi è solo un altro modo per mantenere "penso di non poter" i pensieri di far deragliare il tuo successo. Quando i pensieri autodistruttivi si gonfiano, accettali come parte del processo e vai avanti. Questi tipi di pensieri non riflettono necessariamente le tue reali capacità. La chiave è non lasciare che ti impediscano di andare avanti.

Sii felice

Un buon umore può anche aumentare l'autoefficacia mentre un cattivo umore può minarlo. Scrivi tutte le cose che ti sollevano (es. Canzoni speciali, citazioni preferite, ecc.) E usale a tuo vantaggio mentre navighi verso i tuoi obiettivi.

Sollecitare il supporto sociale

Un altro ottimo modo per creare credenze di auto-efficacia è suscitare incoraggiamento da parte di amici e familiari e stare lontano da coloro che ti scoraggiano. Il sostegno sociale di qualità è un ingrediente chiave per l'autoefficacia, la persistenza e infine il successo. Trova i tuoi migliori avvocati e invitali a far parte della tua campagna per il cambiamento.

Materiale di partenza

1. Bandura, A. (1977). Auto-efficacia: verso una teoria unificante del cambiamento comportamentale. Rassegna psicologica , 84, 191-215.

2. Bandura, A. (Ed.) (1995), Auto-efficacia nelle società che cambiano. New York: Cambridge University Press.

Copyright (2010), Angie LeVan

Pubblicato per la prima volta su www.intentionalhappiness.com.

Solutions Collecting From Web of "Se pensi di non potere … ripensaci: l'influenza dell'efficacia del sé"