Se non fosse per il matrimonio, uomini e donne dovrebbero combattere con sconosciuti.

Se riusciamo a identificare quelli che hanno maggiori probabilità di infrangere il nostro cuore e se impariamo quelle caratteristiche del carattere che qualificano le persone per relazioni impegnate ea lungo termine avremo fatto un passo da gigante verso l'assicurazione della nostra futura felicità. Siamo quindi in grado di circondarci di persone che alimenteranno i nostri sforzi per diventare la persona che vogliamo essere aumentando le possibilità che collegheremo il nostro futuro a qualcuno in grado di ricambiare il nostro amore. Ma la natura della relazione che ci aspettiamo di formare è importante da definire.
La visione tradizionale del matrimonio è che è un'istituzione che si basa su un contratto implicito. Prima degli anni '60 lo scambio avveniva grosso modo come segue: la responsabilità dell'uomo era di fornire un reddito familiare adeguato mentre la moglie forniva servizi di pulizia e di educazione dei figli. L'accesso al sesso era una parte accessoria del patto, ma chi ne beneficiava era il più vario. Anche la responsabilità delle decisioni che riguardano la famiglia differiva ampiamente da coppia a coppia, sebbene la posizione di default riflettesse il patriarcato sancito dalla maggior parte delle religioni.
Con l'avvento del movimento delle donne e il crescente vantaggio economico di entrambi i genitori che lavoravano, ci fu un'evoluzione graduale, anche se in gran parte inespressa, dei termini del contratto di matrimonio in direzione dell'uguaglianza di genere. Man mano che le donne diventavano meno sottomesse, l'ideale coniugale si spostava un po ', anche se meno di quanto si possa pensare, nella direzione di condividere le responsabilità familiari, incluso un maggiore coinvolgimento paterno con i bambini. Che questo mutamento delle ipotesi sul matrimonio sia parallelo a un aumento del tasso di divorzio può essere visto come l'inevitabile "buona notizia, cattiva notizia" della maggior parte dei cambiamenti nella vita, sia essa individuale o sociale. L'esercito ha un principio chiamato "unità di comando" (che significa che qualcuno deve essere responsabile), che è considerato essenziale per il successo in guerra. Quando questo principio fu violato nelle relazioni coniugali, il conflitto aumentò.
Ciò che ha sostituito l'ideale del paternalismo benigno nel matrimonio, ciò che è propagandato nella maggior parte dei libri sull'argomento, ciò che è stato accettato è il concetto di negoziazione delle differenze. Questa visione si basa su due ipotesi apparentemente indiscutibili: nessuno è perfetto e tutte le relazioni richiedono "duro lavoro" per svilupparsi e mantenere. (Penso a questo come alla scuola per scavi di consigli matrimoniali.)
Chi può sostenere che quando due esseri umani imperfetti si uniscono alle loro vite ci sono inevitabili differenze in ciò che ciascuno vuole, gode e viene respinto da? Di solito, ci sono compiti in ogni famiglia che devono essere fatti, ma che nessuna delle parti gode: pulizia, bucato, togliere la spazzatura e cambiare pannolini vengono subito in mente. In che modo i partner con lo stesso tempo e lo stesso status decidono chi fa cosa? È naturale aspettarsi che tali questioni saranno negoziate (e rinegoziate) nell'interesse dell'equità e dell'armonia. Si può quindi ritenere che una delle cose che rende difficile qualsiasi relazione sia il duro e autoprotettivo perseguimento di quell'elusivo equilibrio di responsabilità indesiderate.
Si noti che il conflitto su tali questioni è atteso, da cui il truismo che "tutte le coppie combattono", che ha portato a un libro di consigli coniugali intitolato "Come combattere equamente". Quindi la saggezza convenzionale ruota intorno alle idee di risoluzione del conflitto e compromesso . Questo approccio sembra logico, ma il fatto che circa la metà delle coppie sposate non possano sopportarsi dopo alcuni anni di convivenza dovrebbe sollevare alcune domande. Sicuramente la maggior parte di loro era abbastanza intelligente da sapere cosa avrebbero dovuto fare, ma per qualche motivo non riusciva a superare la loro strada da un fatto scomodo: non si amavano più. In effetti, se ciò che accade nella maggior parte dei divorzi è un'indicazione, nella maggior parte dei casi erano venuti a non amarsi attivamente l'un l'altro. E chi tra i loro invitati al matrimonio avrebbe potuto predirlo?
Se credi nella santità del matrimonio, probabilmente suggerirai che "semplicemente non hanno lavorato abbastanza duramente". O mancavano le necessarie capacità di negoziazione. O non hanno mai imparato a combattere in modo equo. Oppure si sono inaspettatamente innamorati di qualcun altro. Oppure "si sono separati". In qualche modo, nessuna di queste spiegazioni sembra davvero catturare ciò che è accaduto in una relazione crollata.
L'unica cosa che possiamo dire su ogni matrimonio fallito è che c'è stato un fallimento delle aspettative da parte di una o di entrambe le parti. (Spesso trascurato è la realtà che, mentre richiede che due persone costruiscano una relazione, richiede solo una persona per distruggerla). E poi c'è la nostra mancanza di lungimiranza. Poche persone prevedono che avranno lo stesso aspetto indefinito delle loro foto di matrimonio, quindi perché siamo così spesso sorpresi che entrambe le persone cambino in altri modi?
Quasi ogni divorzio è segnato da un lungo periodo di graduale alienazione tra le parti. I battibecchi e i disaccordi iniziali spesso precedono il matrimonio. Il fenomeno dei "piedi freddi" nei giorni precedenti alla cerimonia è ben noto. A volte i dubbi assumono la forma di: "Certo, sembravamo combattere molto ed ero preoccupato per il suo bere, ma lui era OK per la maggior parte del tempo e pensavo:" Nessuno è perfetto ". Inoltre, gli inviti sono stati inviati, l'accoglienza è stata pianificata e pagata. Non potevo immaginare di fare retromarcia. Tutti mi hanno detto che abbiamo fatto una grande coppia. "Sono abituato a sentire questa storia da persone di entrambi i sessi che sono nel bel mezzo di un divorzio polemico.
Un matrimonio in declino è un'eccezione alla regola generale che nella vita non otteniamo ciò che meritiamo, ma ciò che ci aspettiamo. All'inizio la maggior parte delle persone ha una visione sentimentalmente ottimistica di come sarà il loro matrimonio. Vivere felici e contenti non è solo la fine di molte fiabe, è la migliore speranza della maggior parte delle coppie nel momento in cui decidono di unirsi alle loro vite "nel bene e nel male". Nessuno si aspetta il peggio, tanto meno il peggio. Anche se molti di noi sono stati testimoni di matrimoni insoddisfacenti, spesso nelle nostre stesse famiglie, tendiamo a pensare che le cose funzioneranno diversamente per noi. (Questa ipotesi mi ricorda sempre le parole attribuite al romanziere William Saroyan sul letto di morte: "Tutti devono morire, ma ho sempre creduto che sarebbe stata fatta un'eccezione nel mio caso"). Come esercizio, prova a contare il numero di Matrimoni "riusciti" che hai incontrato, quelli in cui le persone non solo sono rimaste insieme per un lungo periodo, ma che sembrano sinceramente uguali e si rispettano a vicenda. La cosa davvero sfortunata dei matrimoni che diventa malsana è che c'è stata una speranza illusoria di un intervento: "forse avere figli ci porterà più vicini".
La vita può essere vista come una serie di disillusioni. Abbandoniamo presto la fatina dei denti e Babbo Natale. Le nostre speranze di equità in questo mondo raramente sopravvivono ai nostri anni dell'adolescenza. Ancora molti di noi si aggrappano alla fede nel potere del nostro amore di cambiare le altre persone e sono scioccati quando questo risulta non essere vero. Il successo delle lotterie statali testimonia la convinzione che la ricchezza senza sforzo può essere la nostra. Affine a questo è la fantasia che l'amore della nostra gioventù sopravviverà al passare degli anni. Nessuno ci dice quando siamo giovani che dobbiamo imparare come valutare il carattere di altre persone in modo da poter distinguere coloro di cui ci possiamo fidare. Nessuno indica le "bandiere rosse" che ci segnalano i tratti della personalità che sono segnali di un futuro tradimento. Nessuno descrive in modo sistematico le virtù che dobbiamo sviluppare in noi stessi in modo che possiamo riconoscerle negli altri. E nessuno mette in discussione il modello convenzionale delle relazioni come un lavoro duro e una negoziazione continua.

Solutions Collecting From Web of "Se non fosse per il matrimonio, uomini e donne dovrebbero combattere con sconosciuti."