Se la dipendenza da cibo è reale, come possiamo trattare i disturbi alimentari?

Come promesso, sto dedicando questo post a una conversazione che ho avuto di recente con Chevese Turner, fondatrice e CEO della Binge Eating Disorder Association (BEDA). La Chevese mi ha contattato dopo aver postato sulla cosiddetta dipendenza da zucchero, scrivendo in una email, "Questo è un dibattito in corso nella comunità generale dei disordini alimentari, come sai, e raggiunge regolarmente la febbre nella comunità dei binge eating disorder “.

Come ho discusso qui, stanno emergendo dati per sostenere la possibilità che in alcune persone esista zucchero e / o dipendenza dal punto di vista neurologico. Uno dei motivi per cui l'argomento è così sensibile agli specialisti dei disordini alimentari è che l'astinenza – il trattamento standard per alcol e tossicodipendenti – non è un'opzione raccomandabile per i pazienti con disordini alimentari. Questo è il motivo per cui la Chevese si oppone a programmi che consigliano l'astinenza da zucchero, farina e frumento (compresi alcuni programmi di tipo 12 step come Food Addicts Anonymous). Dice: "Ho un momento difficile intorno al modello della dipendenza da cibo, in cui certi cibi sono demonizzati. Le persone devono imparare come gestire il cibo. "

Turner sa per esperienza che per lei e innumerevoli persone che sono venute in BEDA per il supporto, gli sforzi per l'astinenza spesso si sono ritorti contro. "Le persone si sforzano di non mangiare zucchero e farina bianca, e di continuare a pedalare su e giù per il peso", mi ha detto. "Non affrontano i problemi che li spingono verso il cibo, come traumi o problemi familiari importanti".

Una delle sue preoccupazioni è che la spiegazione neurologica per l'abbuffata ("Guarda, non posso farci niente – il mio cervello è indurito a fare baldoria!") Potrebbe indebolire gli sforzi per comprendere il ruolo dell'ambiente e delle emozioni nel disturbo. Ci sono trattamenti terapeutici efficaci che possono veramente migliorare la qualità della vita, dice Turner; non vede come si possano separare quelle cause ambientali dal modello di dipendenza neurologica. I pazienti devono ottenere supporto per la salute mentale, sia che si tratti di una terapia comportamentale che li aiuterà a spostare lentamente i loro atteggiamenti e comportamenti intorno al cibo, all'immagine corporea e alle dimensioni, o alla terapia tradizionale per aiutare a risolvere i problemi sottostanti.

"So che ci sono stati momenti nella mia vita in cui voglio tutto ciò che riesco a trovare che ha un alto contenuto di grassi e zuccheri", ammette la Chevese. Potrebbero essere i suoi percorsi neuronali a parlare, ma lei sa che affrontare i problemi psicologici / emotivi e lavorare sul cambiamento dei comportamenti negativi l'ha aiutata a diventare più sana.

Per lei, ciò significava stabilizzare i suoi stati d'animo volatili e accettare se stessa e il suo corpo per quello che sono. Perché lei lotta con i disturbi dell'umore, Chevese dice che entrare in contatto con quegli stati d'animo e imparare a separarli dai segnali di fame del suo corpo è stato un primo passo fondamentale. "Come con la maggior parte delle persone con BED, quando c'è un disturbo dell'umore presente e uno va in uno stato depressivo, l'uso del cibo tende ad aumentare", spiega. "Stabilizzare l'umore era fondamentale per stabilizzare il peso." Questo, a sua volta, permise a Chevese di "fare il lavoro di accettare me stesso dov'ero". Quando potevo muovermi più facilmente nel mio corpo ed essere meno autocritico …. Mi permettevo di prendermi cura di me stesso. È un po 'ciclico. "

"Ora ho" abbuffate soggettive ", dice. "Forse mangerò due o tre biscotti Oreo, e mi sentirò come se avessi avuto un'enorme baldoria."

Poiché le sue abbuffate sono diventate più piccole e meno frequenti, Turner dice che il suo peso è sceso da 50 a 60 chili negli ultimi anni e si è stabilizzato. Questo tipo di progresso, dice, "è davvero buono per la salute fisica e mentale." (Noterai anche che ignora completamente la questione se Cheves sia o meno "dipendente" dal cibo).

"La stabilizzazione del peso", piuttosto che la perdita di peso, è una distinzione importante per la Chevese. Gli scienziati dell'obesità, osserva, riconoscono che alcuni binge eater "non saranno in grado di perdere peso ed essere in un intervallo normale … una volta che un gran numero di cellule di grasso sono a posto, vorranno rimanere o tornare lì. Questo porta al fenomeno del corpo che sente di essere affamato e di compensare trattenendo il grasso. "

Al contrario, le "comunità della dipendenza alimentare", dice Turner, tendono a "celebrare la perdita di peso" e farne l'obiettivo. La sua graduale perdita di peso non è dovuta alla dieta e all'ossessione di "calorie in calorie", sottolinea. "Era prestando attenzione a quando avevo fame e quando non lo ero."

Questo porta a un'altra domanda: in che modo l'evidenza della dipendenza da cibo può alterare le aspettative di peso poste ai malati di BED? Chevese afferma che molti binge-mangiatori non possono e non devono sforzarsi di raggiungere un BMI medio per la loro altezza; la ricerca ha dimostrato che per gli obesi, anche una perdita di peso del 5 o 10 percento del peso corporeo totale può migliorare drasticamente la salute. Un modello di dipendenza creerà l'aspettativa che un "tossicodipendente", attraverso l'astinenza dagli alimenti trigger, dovrebbe ottenere maggiori perdite? "Avere tutti sotto un determinato indice di massa corporea," dice Turner, "sarebbe davvero pericoloso." Ancora una volta, questa è una domanda che dovremo aspettare per ottenere le risposte.

Un settore in cui il modello della dipendenza potrebbe essere chiaramente utile è nel ridurre lo stigma legato ai disturbi alimentari, proprio come ha fatto con l'alcol e la tossicodipendenza. "Dobbiamo affrontare lo stigma del peso, altrimenti saremo tenuti in un oscuro luogo vergognoso", dice Chevese.

Studi recenti che mostrano come il cervello promuova comportamenti di dipendenza alimentare possono aiutare a ridurre la vergogna e la colpa spesso associati ai disturbi alimentari, proprio come gli studi che rivelano forti legami genetici ai disturbi alimentari hanno contribuito a ridurre lo stigma. La ricerca attuale ha dimostrato che l'anoressia, la bulimia e il BED non sono disturbi mentali che dipendono da una mancanza di volontà o da una sorta di debolezza morale; sono malattie biologiche e chi soffre ha diritto alla compassione e al trattamento.

Quindi la domanda che dovremmo porci è: che tipo di trattamento è il modello di dipendenza che andrà a promuovere? Una possibilità è che scoraggerà procedure come la chirurgia di bypass gastrico. Un recente studio di Yale che pretendeva di dimostrare l'esistenza della dipendenza da cibo ha rilevato che il bypass gastrico, i cambiamenti comportamentali e persino l'enfasi sulla "responsabilità personale" possono essere solo minimamente efficaci. Sia Chevese che Marcia hanno già visto i limiti dell'intervento di bypass gastrico tra i pazienti sottoposti alla procedura solo per passare all'abuso di alcol o ad altri comportamenti autodistruttivi. Scenderà su una questione di individui geneticamente suscettibili che scelgono la loro dipendenza?

Chevese e io siamo d'accordo sul fatto che, alla fine, ciò che conta davvero per noi, i nostri lettori e membri di BEDA è come il nuovo modello di dipendenza scientifica concettualizza il recupero e come guida il trattamento dei disturbi alimentari. "Continueremo a monitorare questo problema e spero che tu ci faccia sapere dove ti trovi.

Stai attento,

Nancy

Marcia Herrin e Nancy Matsumoto sono coautori di The Parent's Guide to Eating Disorders . Marcia è l'autrice di Nutrition Counseling nel trattamento dei disturbi alimentari

Solutions Collecting From Web of "Se la dipendenza da cibo è reale, come possiamo trattare i disturbi alimentari?"