Se i geni egoisti costruiscono cervelli, perché non siamo tutti solipsisti?

Immagine via Wikimedia Commons

Il modello di coscienza cartesiano che sostenevo in un precedente post incarnato nella famosa deduzione di Descartes, Cogito: ergo sum (penso: quindi sono io) solleva il problema del cosiddetto solipsismo: il   credendo che tu sei l'unica cosa che esiste veramente e che tutto il resto è un'illusione.

Chiaramente, il ragionamento di Cartesio è tutto molto bene in cui è interessata la realtà della propria coscienza. Ma è una questione molto diversa in relazione alle menti degli altri perché non si può sapere direttamente cosa pensano gli altri. Invece, devi dedurlo dal loro comportamento ed espressioni, e questo solleva i problemi riscontrati, ad esempio, nelle controversie riguardanti le macchine pensanti, le menti degli animali o persino il cervello in tini (sopra).

E se ci pensate, la patologia centrale nel disturbo dello spettro autistico (ASD) riduce a molto lo stesso problema: i deficit che l'autistica ha in relazione all'intuire, capire e predire la mente e gli stati mentali di altre persone. Considerato in questo contesto, si potrebbe dire che l'autismo è una sorta di solipsismo comportamentale o implicito. Questo è qualcosa che è implicitamente implicito nell'etimologia del termine, derivato com'è dal greco per il sé, per non parlare dei deficit dell'empatia, delle abilità sociali e della capacità di vedere le cose dal punto di vista degli altri che sono sintomatiche dell'ASD .

Tuttavia, il solipsismo non è una dottrina che viene presa sul serio dalla maggior parte delle persone. Ma perché è così? Sicuramente, il darwinismo avrebbe predetto che, se il sé è poco più che l'agente dei suoi "geni egoisti", dovrebbe essere programmato per agire egoisticamente, e il solipsismo – o almeno l'autismo – sarebbe un risultato inevitabile se anche quel sé fosse cosciente . Perché attribuire la coscienza ad altri che sono agenti di altri geni, in concorrenza con i tuoi per un posto nel futuro? Perché non agire come se fossi l'unica entità cosciente ed evitare tutti i problemi che derivano dall'attribuire la coscienza agli altri – per non parlare del pericolo di permettere ad altre persone di ottenere il controllo della tua coscienza come sembra accadere, per esempio sotto ipnosi, in questo modo -Called "lavaggio del cervello", e in effetti normalmente in quello che in un post precedente ho descritto come cognizione della nube.

La prima parte della risposta è, naturalmente, che il cosiddetto paradigma del "gene egoista" predice altruismo e sacrificio di sé perché i parenti condividono molti geni "egoisti" in comune, e quindi hanno un incentivo a cooperare. E questa è quasi certamente la base evolutiva e genetica delle abilità sociali in particolare e del mentalismo in generale.

Poiché le madri condividono metà dei loro geni con tutti i loro figli, è nell'interesse dei geni materni che i figli di una madre cooperino. Condividere un senso di coscienza come un agente mentale con gli altri è certamente una parte del mentalismo inteso come adattamento per la cooperazione e l'interazione sociale ed è fondamentale per le abilità mentali di base come il monitoraggio dell'attenzione o l'intenzione intuitiva. In effetti, qui si trova l'ultimo bed-rock genetico dell'attenzione condivisa, dell'empatia e della lettura della mente in particolare e del mentalismo nel suo complesso: cervelli costruiti da geni simili genereranno menti e comportamenti analoghi che dovranno essere in grado di riconoscersi reciprocamente e cooperare al loro reciproco vantaggio.

Tuttavia, i geni paterni non hanno bisogno della stessa visione dell'altruismo e della cooperazione dell'individuo. Al contrario, è probabile che il loro interesse genetico sia più discriminante di quello dei geni della madre. A differenza del DNA della madre, il bisogno del padre non è necessariamente presente negli altri figli di una donna. Di conseguenza, potremmo predire che i geni paterni predispongono il sé a essere più individualisti e più interessati al proprio interesse personale. Il DNA del padre fornirebbe un contrappeso genetico interno al mentalismo della madre, spingendo in una direzione più auto-interessata, "autistica" e meccanicistica – proprio come predice la teoria del cervello impresso e come recenti test statistici su larga scala che utilizzano la nascita- la dimensione come proxy dell'espressione di geni parentali in conflitto conferma in modo sorprendente. Secondo questo modo di guardarlo, se i geni materni e pro-sociali salvano la coscienza dall'egoismo e dal solipsismo, i paterni, quelli più individualistici proteggono il sé dallo sfruttamento degli altri e dalla troppa credulità per il beneficio top-down, mentalistico, di gruppo pensiero. Infatti, come ho sottolineato nel post precedente, ci sono ragioni per sospettare una particolare dipendenza paterna da geni espressi nel cervello, e una preponderanza definita dell'espressione genica paterna nel cervello dei topi, e molto probabilmente anche nell'uomo.

Se è così, qui sta forse l'ultima base genetica del sé come un essere separato, indipendente: nel maschile, individualista, pregiudizio meccanicistico del genoma paterno dell'individuo in contrasto con la predisposizione femminile, collettivistica, mentalistica dei geni materni. L'alfabetizzazione può aver dato al sé la sua voce e il suo vocabolario del mentalismo moderno, ma i meccanismi del conflitto genetico alla fine hanno permesso un risultato del genere e lo hanno impresso con l'impronta indelebile del genoma paterno. In effetti, qui possono anche trovarsi le basi dell'Era di Asperger, con il suo culto dell'individualismo, la configurazione cognitiva meccanicistica e la sfiducia nelle ideologie fasciste, tribaliste o collettiviste.

Comédie Francaise, Wikimedia Commons

L'implicazione di ciò è che, nel modello di coscienza del teatro cartesiano che ho sostenuto in un post precedente, il sé non considera semplicemente lo spettacolo sul palcoscenico della mente, ma anche il comportamento del pubblico. Come il pubblico del teatro nel giorno di Cartesio (sopra), gli spettatori che immaginiamo sono una folla indisciplinata, rumorosa, irritabile e ostentata che si offre non solo di vedere, ma di essere vista. Secondo la teoria del cervello impressa, includono una clava genomica colta materna che applaude lo spettacolo olistico e mentalista dalle scatole e il cerchio del vestito, mentre un'opposizione paterna plebea si avvicina alla fossa per uno scioglimento più meccanicistico, Devil-in-the-detail. Di fronte a un simile conflitto mentale interno costruito nel suo stesso cervello, l'io omuncolare scruta dal suo posto in alto negli dei, tanto impegnato dallo spettacolo nel teatro quanto dal dramma sul palcoscenico.

Solutions Collecting From Web of "Se i geni egoisti costruiscono cervelli, perché non siamo tutti solipsisti?"