Se hai un "Big Stick" che parla dolcemente è naturale

Public Domain/Wikimedia Commons
Fonte: pubblico dominio / Wikimedia Commons

Nel mio ultimo blog, il mio omaggio alla fortezza lupin, non sono riuscito a includere un avvertimento. Il cliente che ha spinto la colonna – l'amministratore delegato con "problemi di rabbia" che è torturato dall'ascesa di DJT alla fama nazionale – mi ha invitato.

"Berglas," disse, "accetto la tua analisi di Schwarzenegger perché lui, come il presidente Theodore Roosevelt, parlava sempre sottovoce e portava un grosso bastone." Ricordai al mio cliente che Teddy Roosevelt stava applicando la sua politica del "Big Stick" alle relazioni estere e Schwarzenegger era il governatore della California, ma questo non serviva a scoraggiare il mio cliente. "Destra; certo ", ha detto," ma Trump stava arringando e minacciando i leader stranieri sulla pista della campagna! Perché pensi che [il presidente messicano] Enrique Peña Nieto abbia annullato un incontro con Trump? Non smetti di sminuire un'intera nazione dicendo che stanno mandando "stupratori" qui e giurando: "Il muro salirà, e il Messico comincerà a comportarsi" se vuoi il rispetto dei leader stranieri ".

Il mio cliente era azzeccato, mi sono corretto, e avrei dovuto notare che l'avvertimento a Trump di ritrarre efficacemente un personaggio homo homini lupus è la sua propensione ad andare in giro per un annuncio hominem sulle persone. Fare ciò mina qualsiasi forza provenga dal ritrarre se stesso per essere astuto e coraggioso come un lupo. Più precisamente, nessuno che si senta come se, personalmente, nel profondo della loro psiche, porti un "Big Stick" o in realtà abbia dei veri cojones , parla in questo modo.

Una volta che ho realizzato il mio errore, i ricordi di una sfilza di "dirigenti chiacchieroni" che trasudavano potere non facendo riferimento ai Big Stick in loro possesso mi scorrevano nella mente: Steve Jobs nel suo maglione a collo alto e jeans sbiaditi che parlava di orde adoranti al Moscone di San Francisco Centro; Bill Clinton ci dice: "Sento il tuo dolore" e mentendo, "Non ho fatto sesso con quella donna" e, ovviamente, "No Drama, Obama" che, dopo essere stato accusato di diffamazione a Cambridge, MA, dipartimento di polizia per aver fatto un arresto discutibilmente discutibile del professor Henry Louis Gates, Jr., direttore del Centro per la ricerca africana e afroamericana dell'Università di Harvard, tranquillamente ha calmato le penne arruffate sostenendo di essersi pentito che i suoi commenti fossero sconvolgenti, ad alcuni, e sperava che qualunque cosa le percezioni errate che hanno portato agli eventi in questione potrebbero diventare un "momento insegnabile". Questi dirigenti hanno spinto il loro peso in privato? Le voci dicono che lo hanno fatto. Ma né loro, né alcuno dei dirigenti che riteniamo avere un'auto-stima ben sviluppata sarebbe sorpreso a schernire, minacciare o lanciare una tirata, in pubblico. I più forti dirigenti sanno come le azioni di quel tipo minano la loro potenza percepita.

Perché è così? Perché scuotere un "Big Stick" come una minaccia, si accumula immancabilmente nello svantaggio di un dirigente se il loro obiettivo è quello di far emergere il potere?

In realtà è piuttosto semplice: tutti gli attacchi ad hominem lanciati da coloro che hanno responsabilità esecutive si presentano come un'indignazione morale, e non c'è nulla di così degradante per una persona che insegue qualcuno quando è in preda a un forte sdegno. Come scrisse lo scrittore inglese HG Wells, esperto di storia, politica e, in particolare, regole per i giochi di guerra, "l'indignazione morale è gelosia con un'aureola". Lo psicoanalista e filosofo politico Erich Fromm, era un po 'più duro: "C'è forse nessun fenomeno che contiene sentimenti così distruttivi come "indignazione morale", che permette all'invidia o all'odio di essere recitato sotto le spoglie della virtù. La persona "indignata" ha per una volta la soddisfazione di disprezzare e trattare una creatura come "inferiore", insieme al sentimento della propria superiorità e correttezza ".

Sono certo che lo capisci a livello viscerale: quando vediamo i donatori eccessivamente aggressivi, rabbrividiamo e, quasi in modo riflessivo, proviamo simpatia (o empatia) per gli obiettivi della loro indignazione morale, mentre li condanniamo. Come ha notato Papa Francesco in un discorso estemporaneo agli studenti universitari al campus Roma Tre di Roma (17/02/17), "Insultare è diventato normale … Abbiamo bisogno di abbassare un po 'il volume e dobbiamo parlare di meno e ascoltare di più "Ha aggiunto:" Le guerre iniziano nei nostri cuori, quando non sono in grado di … rispettare gli altri … dialogare con gli altri … "

La biografia di un dirigente, fondatore e presidente di un'importante organizzazione per i diritti civili, è descritta come segue sul sito web dell'organizzazione: [Ha] dedicato la sua vita alla lotta per la giustizia e l'uguaglianza … [Egli] dirige un'organizzazione [che] opera oltre 100 capitoli in tutto il paese … [usando] gli insegnamenti del Rev. Dr. Martin Luther King Jr. e [applicandoli] ad un moderno programma per i diritti civili ".

Impressionato? Sento che non lo sarai quando apprendi che ha detto: "I bianchi erano nelle caverne mentre costruivamo gli imperi …. Abbiamo insegnato filosofia e astrologia [sic] e matematica prima di Socrate e gli omosessuali greci ci hanno mai dato un colpo . "(Enfasi aggiunta). [1] La denigrazione dei filosofi greci, più responsabile della maggior parte del progresso della civiltà occidentale come "omosessualità" rende difficile credere che quest'uomo si senta come se avesse un "Big Stick" a sostegno della sua retorica. Prima di questo, quest'uomo che è presumibilmente dedicato alla "lotta per la giustizia" è stato videoregistrato dando un indirizzo dove ha esortato il suo pubblico ad uccidere i bianchi e gli agenti di polizia ("maiali"). [2]

ZERO7 IMAGES/Flickr
Fonte: ZERO7 IMMAGINI / Flickr

L'uomo a cui mi riferisco, Al Sharpton, la cui biografia potrebbe dire che abbraccia gli insegnamenti del Rev. Dr. Martin Luther King, Jr. – un uomo che portava un enorme bastone – chiaramente non lo fa. In realtà, la prova che l'indignazione morale cronica di Sharpton nasce dalla gelosia e dall'odio inizia con l'osservazione che mentre lui avrebbe voluto essere come il Dr. King – un Reverendo – in verità non lo è.

Martin Luther King, Jr. era un ministro battista americano famoso per il suo ruolo nel progresso dei diritti civili, impiegando gli insegnamenti della teologia cristiana, un orientamento che assumeva naturalmente dopo gli studi al Seminario teologico di Crozer dove raggiunse un B.Div. grado. Più tardi nella vita King si iscrisse all'Università di Boston dove conseguì un dottorato di ricerca. in teologia sistematica.

Secondo Bethany Blankley, in The Christian Post, "Al Sharpton non ha mai finito il college." [3] Nota anche che usa il titolo "Reverendo" quando, come dice lei (una donna bianca), "è tanto un reverendo come io sono un uomo nero. "Sharpton fu soprannominato" Reverendo "perché, a partire dall'età di quattro anni, stava predicando in una chiesa pentecostale, il Tempio di Dio di Washington in Cristo. All'età di 10 anni, il pastore della chiesa, il vescovo Frederick Douglass Washington, "ordinò" Sharpton ma, come osserva Blankley, "[m] i ministri cristiani di massa ottengono una laurea specialistica e hanno imparato le lingue ora non parlate di greco ed ebraico originariamente usate scrivere la Bibbia. Inoltre, il dottorato in teologia richiede fluenza in francese, latino e tedesco per comprendere le traduzioni dai testi originali al vernacolo. [Ma] Sharpton afferma di aver predicato il suo primo sermone all'età di quattro anni: che si trattasse di un vasino di addestramento o di una canzone popolare, non si trattava indubbiamente di Gesù Cristo … [e] i bambini non sanno leggere. Inoltre non hanno la capacità di acquisire conoscenza o saggezza da anni di preghiera e di studio della Scrittura ".

Dato che Roosevelt si è guadagnato la reputazione di Übermensch , la sua politica sui Big Stick è stata miscastosa, nel tempo, a sostegno della belligeranza. In realtà, nonostante i suoi eroi giovanili militari, Roosevelt preferiva lasciare che i nostri militari potessero essere "riconosciuti, ma non ascoltati", mentre lui e altri si impegnavano in una diplomazia soft. Sentiva che il rispetto di tutte le nazioni che capivano, implicitamente, che l'America era una superpotenza, era infinitamente preferibile alla promozione dell'ostilità. Sharpton, al contrario, è registrato come un difensore molto peggiore di un bastone: uccidere poliziotti, per esempio.

Per essere ritenuto degno di ricoprire un ruolo di leadership, come sicuramente è stato Roosevelt, una persona deve mostrare la forza interiore nata dalla grande autostima, un "Big Stick" psicologico. È facile identificare chi non lo fa quando pretende di essere sforzandosi di raggiungere obiettivi nobili, ma lo fa vomitando attacchi moralmente indignati contro gli altri.

Ho perso la barca non qualificando le mie osservazioni sul potenziale esecutivo di Trump. Avrei dovuto notare che le sue tirate sembrano nascere da sentimenti meglio descritti come basati su sentimenti interiori di inadeguatezza. Come ha osservato il famoso psicanalista austriaco Alfred Adler, "È più facile combattere per i propri principi che vivere per loro". Per guadagnarsi il rispetto di coloro che vorrebbe guidare, un dirigente deve camminare prima di parlare (moralmente indignato) parlare.

Solutions Collecting From Web of "Se hai un "Big Stick" che parla dolcemente è naturale"