"Se avessi un cervello migliore!"

Luskin's Learning Psychology Series, No. 8

"Se avessi un cervello migliore!"

Salute del cervello, plasticità, media e apprendimento creano una tempesta perfetta "

Di Dr. Bernard Luskin, LMFT

                                                   

Capire il tuo cervello può cambiare la tua vita

Iniziare un nuovo periodo scolastico stimola pensieri sull'apprendimento e sul successo degli studenti. Nel 2002, ho pubblicato "Casting the Net Over Global Learning". Il libro conteneva un capitolo intitolato "Se avessi solo un cervello". Di seguito è emersa una nuova conoscenza che rafforza la nozione secondo cui l'interesse personale illuminato è fondamentale e l'apprendimento richiede sia una comprensione di come funziona il cervello e di come i media e l'ambiente influenzano l'apprendimento.

Nuova conoscenza

Ora sappiamo che il cervello è notevolmente plastico. Può essere mantenuto e migliorato nella mezza età e può continuare ad adattarsi e apprendere per tutta la vita. Il concetto di neuroplasticità, una teoria che è nata a metà del 1800 è ora sostanzialmente meglio compresa rivelando nuove intuizioni positive sull'apprendimento. Oggi sappiamo anche che l'intelligenza non è fissa. L'intelligenza può continuare la formazione e l'adattamento per tutta la vita. Possiamo continuare ad imparare finché viviamo. L'apprendimento e la vita sono intimamente intrecciati. I nuovi risultati della ricerca nella scienza del cervello influenzano sempre più il modo in cui comprendiamo l'apprendimento, lo sviluppo personale e il miglioramento delle prestazioni.

Che cosa significa Brain Plasticity significa per l'apprendimento?

L'educatrice neurologica Judy Willis, MD osserva che la neuroplasticità può essere definita come l'organizzazione selettiva delle connessioni tra i neuroni nel nostro cervello. Sappiamo ora che quando le persone praticano ripetutamente un'attività o accedono a una memoria, le loro reti neurali, cioè i gruppi di neuroni che sparano insieme, creano percorsi elettrochimici che si modellano in base a quella specifica attività o memoria specifica. Quando la gente smette di praticare nuove cose, il cervello alla fine eliminerà o "potare" le cellule di connessione che formano i percorsi. Usalo o perdilo è un vero fenomeno nella salute del cervello. D'altra parte, l'apprendimento dello psicologo asserisce che "le cellule che si accendono insieme, si collegano". Sappiamo che nel tempo i collegamenti neurologici diventano più spessi dalla ripetizione, stabilendo mappe cerebrali che collegano e collegano varie parti del cervello. Nell'apprendimento, sappiamo che la pratica aumenta la permanenza della memoria. Più volte viene stimolata una rete, più diventa più forte ed efficiente. Poiché questo è il caso, è importante capire che "solo la pratica perfetta rende perfetti, e quindi la ripetizione della pratica imperfetta indelebalizza l'imperfezione. La pratica imperfetta è negativa. La pratica perfetta è positiva.

I nostri cervelli sono soffusi da un vasto numero di reti indipendenti e sinergiche. Tutte le informazioni in entrata vengono elaborate attraverso queste reti. Tutte le informazioni già memorizzate nel nostro cervello influenzano il modo in cui pensiamo e impariamo. L'apprendimento è cumulativo.

Il cervello è un muscolo di apprendimento

Comprendere la natura del miglioramento del cervello a causa della sua neuroplasticità può avere l'effetto di migliorare l'apprendimento motivazionale. Quando gli studenti capiscono che possono migliorare le loro menti attraverso il pensiero, si verifica una maggiore motivazione. Studenti che credono che questo faccia meglio.

Il tuo cervello è sia emotivo (sensoriale) che cognitivo (data centric). Ognuna di queste funzionalità si riferisce direttamente all'apprendimento. Un altro scopo qui è quello di iniziare ad esplorare come Internet e i media influenzano il cervello e facilitano l'apprendimento. L'inserimento di Internet e dei nuovi media come base di discussione offre un nuovo tipo di convergenza che porta a un migliore apprendimento. Il mio punto è che coloro che concepiscono e progettano media e sistemi di apprendimento incentrati su Internet saranno saggi per studiare la fisiologia cerebrale oltre a teorie specifiche nella psicologia dell'apprendimento, in modo che possano costruire programmi utilizzando i fondamenti necessari per prodotti e risultati di apprendimento efficaci.

I fatti veloci ci dicono che:

• Pratica perfetta, pratica perfetta, perfetta pratica rende perfetti – La ripetizione di un'attività, il recupero di una memoria e la revisione del materiale in una varietà di modi aiuta a costruire connessioni più spesse, più forti, più cablate nel cervello. È una forma di esercizio cerebrale.

• Il contesto è fondamentale – L' apprendimento richiede la formazione di connessioni neurali nuove o più forti. È opportuno dare priorità alle attività che aiutano gli studenti a sfruttare percorsi già esistenti. Ad esempio, l'integrazione di materie accademiche o la creazione di progetti di classe rilevanti per la loro vita migliora la comprensione e il ricordo. La scoperta vince la memorizzazione a memoria. "Ogni volta che un nuovo materiale viene presentato in modo tale che gli studenti vedano le relazioni" tra concetti, relazioni Willis ", generano una maggiore attività delle cellule cerebrali e raggiungono una maggiore memoria e recupero a lungo termine della memoria".

• Superare le barriere – Dissipare il mito che l'intelligenza è totalmente predeterminata può alleviare la mente degli studenti e incoraggiarli a usare il loro cervello. Willis osserva che questo è vero, "Soprattutto per gli studenti che credono di non essere intelligenti. La consapevolezza che possono letteralmente cambiare il loro cervello attraverso lo studio e la revisione è autorevole. "

Concetti chiave selezionati nell'apprendimento

1. Pensa al cervello come a un muscolo che può continuare a mantenersi e migliorarsi attraverso l'uso.

2. Comprendi che solo la pratica perfetta rende perfetti – impari l'errore quando pratichi un errore.

3. La ripetizione aumenta la memoria, quindi, ripeti, ripeti, ripeti.

4. Visualizzazione e immaginazione aiutano la memoria.

5. Le analogie mnemoniche aiutano l'apprendimento. Sono disponibili molte tecniche mnemoniche.

6. La psicovisualizzazione è un modo per visualizzare un comportamento perfetto ed è un vantaggio nella formazione.

7. La programmazione neurolinguistica, vale a dire un linguaggio positivo e l'auto-parlare usando parole e pensieri portano a pensieri e comportamenti positivi e al miglioramento. "Devi accentuare il positivo. Elimina il negativo. Aggancia in modo affermativo. Non scherzare con il signor nel mezzo ", cioè, questa canzone di Paul McCartney dice che è meglio.

8. I cicli di attenzione sono normali, fisiologici e si basano sui ritmi del corpo. L'attenzione al ciclismo è normale. L'alta attenzione aumenta la concentrazione, l'assenza di presenza diminuisce la memoria.

9. I risultati dell'apprendimento in classe o dell'apprendimento online mostrano risultati uguali.

10. L'uso effettivo dei media nell'apprendimento è in aumento. Vedi Progetto Professsor Saguta Mitra e "The Hole in the Wall": www.hole-in-the-wall.com/

11. Immaginare l'aula virtuale è una delle metafore di apprendimento più significative del XXI secolo.

Apprendimento nell'aula virtuale

Molti di noi che sono attivi nella Society for Media Psychology and Technology, divisione 46 dell'American Psychological Association, stanno studiando, studiando e insegnando sui nuovi sviluppi nell'apprendimento che usa i media in classe, nell'apprendimento virtuale in classe. Applichiamo la psicologia mediatica dell'apprendimento e studiamo le implicazioni dei social media nell'apprendimento, ognuna delle quali è in prima linea nell'individuare i modi per migliorare l'istruzione in tutto il mondo.

Come psicologo dell'apprendimento, allenatore ed educatore, esorto coloro con cui lavoro a porre continuamente la domanda: "Cosa deve cambiare e cosa deve rimanere uguale?" Nell'esaminare i media e l'apprendimento, le differenze demografiche e generazionali sono ora riconosciute. C'è una differenza tra i nativi digitali e gli immigrati digitali, cioè quelli che usano i media in modo naturale e ne sono nati, e quelli che hanno avuto sempre più sofisticati media infusi nelle loro vite nel corso degli anni. L'assimilazione della tecnica è diversa tra nativi e immigrati.

Uno scopo finale di questo saggio è semplicemente quello di evidenziare l'importanza di comprendere di più su come apprendiamo e condividiamo ciò che sappiamo sull'apprendimento con un pubblico più ampio. Brain Imaging, (MRI), nuove tecniche di valutazione dell'apprendimento e del comportamento, conoscenza avanzata del genoma umano e il fatto che Internet e il cloud sono oltre la tecnologia e possono ora essere pensati come una rete mondiale di pensieri, parole e frasi è un anticipo nel pensare. Il nostro mondo continua a ridursi. Ci stiamo evolvendo in nuovi modi. La conoscenza sta arrivando così velocemente che dobbiamo renderci conto che sappiamo più di quanto comprendiamo. È importante essere positivi e rendersi conto che siamo tutti pionieri in un paese delle meraviglie di opportunità. I tempi semplici sono andati per sempre. Il cervello è il muscolo dell'apprendimento. I media possono essere un miglioramento della scelta. Per creare un ambiente di apprendimento migliore per tutti, dobbiamo continuamente analizzare la domanda, "Cosa deve cambiare e cosa deve rimanere lo stesso?"

Autore

Il dott. Bernard Luskin è cancelliere, distretto della Comunità di Ventura County, in California. È presidente emerito della Society for Media Psychology and Technology, divisione 46 dell'American Psychological Association, da cui ha ricevuto un premio alla carriera per contributi nel campo della psicologia dei media. Bernie Luskin è stato amministratore delegato di otto college e università, presidente del consiglio di amministrazione della American Association of Community College e CEO di divisioni di aziende Fortune 500, tra cui Philips Interactive Media e Jones Education Networks. Ha ricevuto due Emmy per documentari televisivi dall'Academy of Television Arts and Sciences ed è stato produttore esecutivo della prima Sesame Street, della Grolier's Encyclopedia, della Compton's Encyclopedia e di molti altri CD interattivi. È un terapeuta specializzato in matrimonio e famiglia e psicologo scolastico. La sua società di consulenza è: www.LuskinInternational.com, email: BernieLuskin@gmail.com.

Collaboratori: grazie alla dott.ssa Toni Luskin e alla signora Susana Bojorquez per il vostro aiuto nella preparazione e nella pubblicazione di questo articolo.

Riferimenti:

Luskin, BJ (2002). "Se avessi solo un cervello", lancia la rete sull'apprendimento globale (1 ed. Vol. 1). Los Angeles: Griffin.

Luskin, BJ, Friedland, L. (1998). Divisione 46 Studio della task force sulle nuove opportunità di carriera nel campo emergente della psicologia dei media, uno studio sulle nuove opportunità di carriera nel campo emergente della psicologia dei media. Los Angeles, American Psychological Association.

Willis, J. (MD), (2006). Strategie basate sulla ricerca per accendere l'apprendimento degli studenti: approfondimenti da un neurologo / insegnante di classe

Willis, J. (MD), (2007) Strategie di intelligenza del cervello per la classe di inclusione,

###

Solutions Collecting From Web of ""Se avessi un cervello migliore!""