"Scusa, tesoro, non stavo ascoltando. Che cosa hai detto?"

Molte donne intorno alla mia età – che possono essere definite come "troppo vecchie per lo studio del lavoro ma troppo giovani per la cremazione" – sono state sollevate e incoraggiate ad essere buoni ascoltatori e attenti pianificatori.

L'assunto era che saremmo stati testimoni della storia piuttosto che i creatori della storia; l'ipotesi era che potessimo pianificare i nostri matrimoni e le nostre future case, ma non necessariamente creare i nostri destini. C'era una rivista "Brides" ma non una rivista "Boss".

Dovevamo tracciare un percorso verso l'altare e la cucina, ma non scegliere un percorso verso le nostre carriere di successo o vite pubbliche.

Al contrario, una vita romantica sembrava essere qualcosa per la quale avevi pianificato, non qualcosa che ti è successo. Abbiamo fantasticato sul tipo di marito che i poveri ragazzini seduti accanto avrebbero fatto mentre fantasticavano sui camion dei mostri.

Abbiamo pensato a Simon e Garfunkel che cantavano la ragazza dei sogni "vestita in organza" e sapevamo solo che stavano parlando di un matrimonio. I ragazzi hanno detto, con un finale impeccabile e sincero, che non hanno ascoltato le parole anche quando le canzoni gli piacevano.

Forse era questo il problema. La maggior parte dei ragazzi non ascoltava i testi, ma continuammo a cercare di farli analizzare "I Am A Rock, I Am An Island". Erano contenti di suonare l'air-guitar agli assoli.

Questa riluttanza a discutere di questioni emotive si è gradualmente sviluppata in quella che io chiamo sindrome di "Isn't-That-A-Blimp?".

Funziona in questo modo: le donne spingono gli uomini ad avere discussioni lunghe e coinvolte analizzando lo stato della loro relazione, e gli uomini cercano disperatamente l'orizzonte per ogni possibile diversivo, sperando in un disastro naturale o almeno in un'aeronautica inusuale.

"Ehi, tesoro!" Il tuo partner potrebbe dire: "Non intendo interrompere la tua discussione sulla mia mancanza di affetto, ma guarda subito! Non è il dirigibile Goodyear? Wow. Stupefacente. Ora di cosa stavi parlando? "

Dirà la tua attenzione a qualsiasi cosa, eccetto il soggetto in questione, dicendo cose come "Sì, certo che sto ascoltando, ma guarda, non sembra che il cane abbia bisogno di uscire?" O "Solo io muto la tv mentre parliamo così posso vedere quando il tempo si accende. Ti sto prestando attenzione, ma ho bisogno di sapere qual è la previsione per domani, ok? "

"Quando dico a mio marito che penso che dovremmo discutere dei problemi che ha avuto al lavoro", dichiara Connie, un ragioniere sessantaduenne sposato con un ingegnere sessantenne, "sospira come se stesse cedendo e dice ' Okay, quindi parla-come devo fare tutto il parlare dei problemi che sta avendo ".

La frustrazione di Connie non è rara. Anche qualcosa di semplice come parlare ha diverse funzioni per uomini e donne.

Come spiega la linguista Deborah Tannen, "Per le donne, i discorsi creano intimità. Il matrimonio è un'orgia di vicinanza: puoi dire i tuoi sentimenti e pensieri, e comunque essere amato. La paura più grande delle donne viene spinta via. Ma gli uomini vivono in un mondo gerarchico, dove le conversazioni mantengono l'indipendenza e lo status. Sono di guardia per proteggersi dall'essere messi giù e spinti in giro ".

Jean Kerr, uno dei grandi umoristi americani degli anni '60 e autore di Please Do not Eat the Daisies, ha affermato che "le donne parlano perché desiderano parlare, mentre un uomo parla solo quando è spinto a parlare da qualcosa al di fuori di se stesso – come per esempio, non riesce a trovare calzini puliti. "

O quando vede un dirigibile immaginario.

Tutti questi commenti diversivi sono l'equivalente adulto del commento di sesta classe fatto dai ragazzi dopo che hai casualmente chiesto se avessero intenzione di andare alla festa venerdì sera. "Guarda i finti occhi di gomma di Jimmy, non sono schifosi? Ora cosa mi hai chiesto? Hai fatto i compiti di matematica? Posso copiare? "

Tutti i cartelli erano lì, dal momento in cui dicevano di non ascoltare mai le parole alle canzoni, e se ignoravamo i cartelli, era a nostro rischio e pericolo. Questa è una delle migliori ragioni per coltivare le tue amicizie femminili: amiamo il linguaggio, adoriamo la conversazione, abbiamo bisogno di ascoltare tutti i lati della storia e raramente scansioniamo l'orizzonte alla ricerca di dirigibili.

Solutions Collecting From Web of ""Scusa, tesoro, non stavo ascoltando. Che cosa hai detto?""