Scrivere, o non scrivere? (Oppure: cosa Platone non sapeva)

bloggers' dilemma

Solo un sempliciotto, disse Socrate, si sarebbe fidato dei suoi pensieri nello scrivere. Era bravo come la sua parola anche lui. Sappiamo solo quello che ha detto perché è stato scritto dal suo allievo più famoso, Platone. O, almeno, Platone ha annotato ciò che ha detto Socrate. Molte persone sembrano attribuire questi pensieri particolari allo stesso Platone. Li producono, con un sorriso compiaciuto, ogni volta che vogliono scacciare le preoccupazioni degli altri su una nuova tecnologia: "Sì, sì, le persone sono sempre preoccupate per le nuove tecnologie. Perché, Platone stesso era preoccupato che questa nuova attività di scrittura avrebbe fatto sì che i nostri ricordi si fossero atrofizzati! "

Non sono uno studioso di lettere classiche e non tenterei nemmeno di districare i pensieri di Platone da quelli di Socrate. Non mi interessa molto, infatti, i cui pensieri stanno venendo fuori dalla bocca del Socrate di Platone. Quello che mi interessa, con quella strana mescolanza di sentimenti che filtrano quando la crosta dell'ignoranza viene colta (imbarazzo per la conoscenza comune così recentemente sconosciuta, turbinata dal piacere della sua scoperta), è che chiunque sia stato, ha praticamente riassunto una delle tesi principali del mio recente libro. Oltre 2.300 anni fa.

Non voglio dire che penso che solo i simpletons scrivono. La mia autostima è un po 'più alta di quella. Ma Platone / Socrate colpì diversi chiodi sulla testa quando parlò di "proprietà e scorrettezza della scrittura".
Innanzitutto, ha detto che la scrittura non può aiutarci a ricordare , ma solo a ricordarci i nostri pensieri. Anche allora, ha messo in guardia dal mettere troppa fiducia nella futura intelligibilità o inequivocità di ciò che abbiamo scritto in passato. Certo, era convinto che nessun filosofo serio avrebbe tentato di usare la scrittura come mezzo di comunicazione con gli altri, le cui interpretazioni errate e critiche non potevano essere risolte con semplici parole su una pagina.

Quindi ecco tre importanti verità sulla scrittura:

1. La scrittura non aiuta il nostro cervello a ricordare le informazioni. Ricorda le informazioni per noi, rendendole disponibili al nostro cervello quando desideriamo ricordarcelo.

2. La scrittura conserva le informazioni in un codice che deve essere decifrato da un ricevitore umano. L'interpretazione del suo contenuto può quindi variare tra i ricevitori umani, o tra lo stesso ricevitore nelle diverse fasi della sua vita.

3. La scrittura è progettata per preservare le informazioni piuttosto che per comunicarle.

Sono d'accordo con Platone / Socrate su tutti e tre i punti, e in particolare sulle differenze tra scrittura e parola. Non sono d'accordo sul fatto che queste differenze rendano la scrittura inferiore alla parola. Piuttosto, sono ciò che rende la scrittura così preziosa – non come un sostituto per la parola, ma come il suo complemento.

L'evoluzione della cultura umana è stata resa possibile dall'evoluzione dei linguaggi umani. Questi includono linguaggi naturali , come l'inglese, il punjabi e la lingua dei segni nicaraguense, che usano i media di voci umane e gesti. Includono anche ciò che ho soprannominato linguaggi artefatti , come la scrittura, i simboli matematici e la notazione musicale, che usano i media di artefatti umani come carta e inchiostro.

Esistono ora numerose prove che i linguaggi naturali si sono evoluti principalmente per la comunicazione: come mezzo per trasmettere i nostri pensieri alle altre persone. I linguaggi naturali non fanno un lavoro perfetto nel comunicare i nostri pensieri, naturalmente. Dobbiamo integrarli con ogni tipo di comunicazione non verbale e le conversazioni sono condite con tentativi di chiarire il significato dell'altro. Ma il linguaggio naturale non ha bisogno di essere perfetto, fintanto che consente agli esseri umani di comunicare.

Le lingue artefattuali, d'altra parte, si sono evolute principalmente per la rappresentazione. Hanno cominciato a evolversi nel momento in cui l'evoluzione culturale umana si era espansa oltre i limiti di ciò che i nostri cervelli collettivi potevano gestire. Il loro scopo è precisamente quello di fare quello che Platone / Socrate sostiene che la scrittura faccia: non per aiutare il cervello umano a ricordare, ma per conservare le informazioni che il cervello umano non riesce a ricordare. Conservano le informazioni in un codice che è piuttosto meno ambiguo di un linguaggio naturale, sebbene ci sia ancora spazio per l'interpretazione errata e il disaccordo con il loro contenuto. Come mezzo di comunicazione, la scrittura e altri linguaggi artefatti sono limitati: come Platone / Socrate identifica, "se chiedi loro una domanda mantengono un silenzio solenne", e "se sono maltrattati o maltrattati, non hanno genitori per proteggerli ; e non possono proteggersi o difendersi ".

Al momento della stesura, ovviamente, Platone aveva ragione. Le sue parole, una volta impegnate a pieno ritmo, rimasero orfane non appena lasciarono le sue mani. Ma affidando le nostre parole ai media elettronici di oggi, gli scrittori moderni possono tenere d'occhio i loro progressi nel mondo. Questi nuovi media hanno aperto alla parola scritta un potenziale comunicativo che non sfiorerà mai la parola, ma supera di gran lunga quello che Platone / Socrate avrebbero potuto immaginare. Non posso fare a meno di pensare che a lui sarebbe piaciuto un buon blog.

Solutions Collecting From Web of "Scrivere, o non scrivere? (Oppure: cosa Platone non sapeva)"