Scrivere come terapia

La psicoterapia viene spesso chiamata la "medicina parlante". Che tu sia un adleriano, un freudiano, uno junghiano o addirittura un kleiniano fuori moda, la maggior parte della cura comporta conversazioni. Altri sono saliti sulla scala. In effetti esiste una gamma di opzioni terapeutiche per lo più, ma non esclusivamente, che coinvolgono i discorsi.

I cinici indicano un'assoluta mancanza di valore del "terapismo" in cui il più mite contrattempo della vita sembra richiedere un consulente per il trauma, un terapeuta della relazione o un educatore dell'autostima. Le persone imparano a non far fronte da sole. Infatti, il poema preferito dalla Gran Bretagna, "Se" di Kipling, con linee come: "Se puoi incontrare Triumph e Disaster / E trattare questi due impostori allo stesso modo" parla del valore dello stoicismo, non della ricerca della terapia ".

Quindi abbiamo una curiosa serie di persone felici di chiamarsi "Emotion Ventilationist" in terapia per tutto. E nonostante la loro cosiddetta disapprovazione dell'etichettatura, sono felici di descrivere i loro avversari come "negazionisti", così sottilmente, che fanno eco al clima e agli scettici sull'olocausto.

Lo psicologo ha notato una distinzione tra ciò che chiamano "sensibilizzanti" e "repressori". Il primo vede "lasciare che tutto si blocchi" come essenziale per il benessere; il secondo "metterlo fuori di testa e tenersi occupato" è molto più vantaggioso. Questi ultimi argomentano che il primo porta all'autocompiacimento, all'autocommiserazione e alla dipendenza dall'introspezione, mentre i primi vedono i repressori stoici come emotivamente abbottonati e senza contatto con le loro emozioni.

La letteratura di ricerca è altrettanto ugualmente, piuttosto equivoca in cui funziona meglio. È un caso di cavalli per i corsi: dipende dalla persona, dal problema, dal terapeuta e dalla terapia.

Ma c'è un'altra terapia conosciuta da molti nel corso degli anni: scrivere come terapia. I poeti hanno incapsulato un grande dolore e piacere così come lo stupore e l'awefulness in poche parole meravigliosamente elaborate.

Negli ultimi decenni è stato scoperto il potere terapeutico della scrittura. Gli anziani sono incoraggiati prima a imparare a scrivere, ma poi a raccontare la loro storia.

Il compito può richiedere serietà, introspezione: un tentativo di dare un senso al passato. Per esaminarlo da varie angolazioni piuttosto che semplice per cercare di spostare la colpa sugli altri.

Questo è molto più che semplice cercare di scrivere frasi piacevoli. Si tratta di individuare esperienze, eventi e persone che hanno contribuito alla vita di una persona. Vedere causa ed effetto, comprendere i processi psicologici può aumentare significativamente l'autocomprensione. All'improvviso le cose diventano evidenti: i modelli osservano spiegazioni ovvie.

Anche scrivere è spesso redentivo. E aiuta perché quasi sempre implica un certo impegno a cambiare. La scrittura autobiografica riguarda il passato; un altro paese. Un posto dove le cose erano fatte in modo diverso. Un luogo di non ritorno. Da qui il tema del viaggio in tanti racconti. Quindi ora si può andare avanti: cambiare.

Nel counseling lo chiamano "alleanza terapeutica". È la sensazione che uno sia meglio accettato, rispettato e compreso dal terapeuta a cui tutti i cuori sono spesso, tutti i desideri noti. Lo stesso vale per la reazione ai lettori. Gli anziani, i prigionieri, i bambini disturbati sono spesso sorpresi, poi deliziati dalla reazione degli altri alle loro storie. Le persone si interessano e molti scrittori sentono di diventare alleati aiutandoli nel viaggio.

Una conseguenza della scrittura della propria storia porta ad un interesse nell'esperienza degli altri. Stimola la lettura di altre auto-biografie in particolare quelle che hanno avuto esperienze simili.

E ora c'è una vera e propria cornucopia di scritti tra cui scegliere. Purtroppo l'autobiografia "confessionale" è diventata molto popolare. Ora ci sono dozzine di libri agonizzanti sull'abuso di minori da parte di genitori, preti e parenti. Si sospetta che la popolarità di questo genere sia, in alcuni casi, una motivazione per scrivere il libro ed esagerare i problemi.

Naturalmente scrivere un libro non è necessariamente limitato al letterato. Si può dettare un libro e farlo trascrivere. In effetti molti scrittori dettano ritmo su e giù e ascoltando quanto gustano le loro stesse parole.

Ci vuole un po 'di sforzo. La maggior parte delle persone inizia con le lezioni. Lo "scrittore in residenza", il terapeuta eclettico, l'attento persecutore deve spesso persuadere la persona dubbiosa e diffidente a prendersi cura di loro. Sentiamo, ovviamente, quasi sempre, e solo le storie di successo. Chiaramente la scrittura non funziona per tutti.

Ma è incredibilmente economico ed efficace. E possibilmente anche non-avvincente anche se ci sono delle eccezioni

Solutions Collecting From Web of "Scrivere come terapia"