Screentime e arresto dello sviluppo sociale

F8studio/Fotolia
Fonte: F8studio / Fotolia

I bambini e gli adolescenti che soffrono di ansia sociale – sentono disagio o disagio nelle situazioni sociali – o che sono socialmente incompetenti sono particolarmente a rischio di sviluppare la dipendenza dai media elettronici. Questo è vero se l'attività preferita è navigare su Internet, videogiochi, o inviare messaggi di testo e utilizzare i social media su uno smartphone. 1-3

Più un bambino si nasconde dietro uno schermo, più diventa socialmente imbarazzante, creando un ciclo di auto-perpetuazione. Al contrario, un timido bambino che lavora continuamente per superare l'ansia sociale probabilmente lo supererà.

In passato, il forte desiderio di appartenere ad un gruppo sociale durante l'adolescenza ha aiutato a superare la resistenza all'interazione sociale, che si attenuerebbe nel tempo semplicemente a causa della pratica. Al giorno d'oggi, i bambini e gli adolescenti socialmente ansiosi o maldestri non sono obbligati a praticare l' interazione faccia a faccia e faccia a faccia perché alcuni dei loro bisogni sociali sono soddisfatti online.

Così, nei bambini socialmente ansiosi, la capacità di tollerare la presenza fisica degli altri non si costruisce mai, e vengono invece eretti "muri" per mantenere il bambino al sicuro. Un adolescente con competenze sociali un po 'scadenti al liceo può facilmente diventare solitario come un giovane adulto, trascorrendo sempre più ore online e sempre meno tempo a interagire nella vita reale.

Questo modello rende sempre più difficile creare e mantenere amici. I problemi si presentano anche a casa; la ricerca indica che più tempo trascorre un bambino utilizzando Internet, meno è salutare il rapporto genitore-figlio. 4 Quindi, l'incompetenza sociale e lo screen-time rappresentano una relazione bidirezionale.

Interagire con adolescenti e giovani con ansia sociale correlata allo schermo può essere imbarazzante o addirittura irritante: tendono a creare uno scarso contatto visivo, sembrare distratti o "non presenti" o contorcersi con disagio. Spesso, sembrano apatici e dimostrano un linguaggio passivo del corpo, come una debole stretta di mano. Possono fare lunghe pause prima di rispondere alle domande e potrebbero non essere in grado di impegnarsi in una conversazione reciproca significativa. Quando si aprono, potrebbero non essere in grado di seguire domande più lunghe o più sfumate a causa di un'attenzione ridotta, potrebbero non dare agli altri la sensazione di essere "ascoltati" e spesso non riescono a "risuonare con" o "rispecchiare" le emozioni dell'altra persona.

Alcuni anni fa, ho avuto una conversazione piuttosto illuminante con il mio nipote allora sedicenne su questo stesso problema. Eravamo seduti insieme alla scuola superiore di sua sorella. La volta precedente che l'avevo visto, solo sei mesi prima, era stato il suo solito auto-amichevole, loquace e ad alta energia, ma non era in grado di prestare attenzione a nulla per più di qualche secondo. Se la tua domanda era troppo lunga, l'hai perso. Dimentica di condividere qualcosa con lui – non stava ascoltando.

Questa volta, mentre ci sedevamo lì, fui colpito da un cambiamento in lui. Stavamo vivendo una bella conversazione: mi ascoltava, creava un contatto visivo e rispondeva senza andare fuori tema. All'inizio ho solo pensato, Wow, è davvero maturo. Tuttavia, mentre parlavamo del calcio, che aveva giocato quell'anno per la prima volta, mio ​​nipote ha condiviso che il suo allenatore aveva ordinato ai membri del team di smettere di giocare ai videogiochi perché sentiva che influenzava la loro capacità di concentrarsi durante i giochi, non menzioni i voti di impatto negativo – e quindi la propria "idoneità" a praticare sport.

Mio nipote all'inizio disse che tagliò solo i suoi giochi. Quindi, dopo aver compreso la differenza che ha fatto, ha smesso completamente. Disse che una delle prime cose che notò fu che fu improvvisamente in grado di parlare più facilmente con gli adulti, e stava parlando più in classe. Disse che anche se prima si era sentito timido con i suoi pari, si era ritrovato a parlare di più in gruppo.

Inutile dire che ero entusiasta: qui c'era un adolescente senza un disturbo psichiatrico che smetteva di giocare ai videogiochi da solo ed era in grado di verbalizzare i cambiamenti in se stesso. La sua capacità di interazione significativa si era espansa drammaticamente.

È interessante notare che mio nipote mi ha raccontato di uno dei suoi amici diabetico e che a volte fingeva di essere malato per non frequentare la scuola, così da poter giocare ai videogiochi tutto il giorno o perché era sveglio fino a tardi la sera precedente a giocare. (Mio nipote poteva "vedere" online quando il suo amico era entrato nel gioco.) Dopo essersi dimesso, mio ​​nipote divenne sconvolto dal comportamento del suo amico, specialmente quando apprese che durante quelle lunghe sessioni di gioco il sangue del suo amico avrebbe fatto scattare il cielo.

Mentre finiva di raccontarmi questa storia, mio ​​nipote disse: "Inoltre, la sua stretta di mano è davvero debole. È come un pesce morto. "Dopo averlo imitato, disse," Voglio dire, andiamo, chi assumerebbe un ragazzo come quello? "

Aveva colpito il chiodo proprio sulla testa. Le impressioni sono fatte in un batter d'occhio, ei giovani con scarse abilità sociali avranno difficoltà ad andare avanti nella vita. In netto contrasto, le abilità sociali di mio nipote sono migliorate, così come la sua consapevolezza della loro importanza.

Questa capacità di auto-riflessione è parte di ciò che aiuta i bambini non solo a sopravvivere, ma a prosperare. Infatti, alla fine dell'anno seguente, questo giovane, un tempo timido, fu scelto dai suoi insegnanti per frequentare un campo di leadership a Washington, DC. Dubito che questa particolare traiettoria si sarebbe verificata se avesse continuato a soddisfare i suoi bisogni sociali attraverso i giochi online .

Ovviamente non tutti gli adolescenti che abbandonano gli schermi svilupperanno capacità di leadership, ma i salti drammatici nella maturità in termini di capacità di conversazione, capacità di contatto visivo ed empatia o insight non sono rari quando i dispositivi vengono rimossi. È come se il cervello fosse stato trattenuto e improvvisamente si fosse liberato di sviluppare come avrebbe dovuto.

Ma per quanto riguarda i bambini più piccoli – in che modo gli schermi ostacolano o interrompono lo sviluppo sociale in essi? Nei bambini in età scolare, la disabilità sociale correlata alla sindrome da schermo elettronico (ESS) * può manifestarsi come scarsa sportività quando si gioca, si fa il prepotente o il controllo o si è super competitivi. (Non aiuta molti videogiochi a premiare la competitività). I bambini con ESS spesso hanno una bassa tolleranza alla frustrazione che si traduce in crolli e una tendenza a dare la colpa a tutti tranne che a se stessi. Possono anche serbare rancore o attribuire motivi ostili agli altri laddove non ce ne sono, ad esempio supponendo che un pari vi si sia appiccato di proposito. Tutti questi comportamenti allontanano altri bambini.

Poiché le abilità sociali e la regolazione dell'umore dipendono da una buona funzione del lobo frontale, i bambini con ESS spesso agiscono molto più giovani dei loro anni e possono essere presi in giro, vittime di bullismo o ostracismo a causa di esplosioni. A parte l'impatto negativo dello screen-time sul lobo frontale del cervello, la mancanza di contatto visivo e l'interazione faccia a faccia, questa dinamica si verifica perché le attività dello schermo tendono a creare una falsa esperienza di facilità e successo: i media elettronici offrono gratificazione immediata, infinita ( e senza sforzo) stimolazione e intrattenimento, la capacità di controllare il proprio ambiente o la propria immagine e l'opportunità di essere un eroe – caratteristiche che non riflettono il modo in cui le cose funzionano nel mondo reale. La vita reale è molto più difficile.

In breve, lo screen-time rende i bambini meno capaci di tollerare delusioni e noia, più titolati e meno disposti a lavorare – sia che si tratti di scuola, di lavoro o di migliorare una relazione. Questo è davvero ciò che vogliamo per i nostri figli?

Per aiutare a liberare tuo figlio dagli schermi, consulta Ripristina il cervello di tuo figlio: un piano di quattro settimane per eliminare i tracimi, aumentare i voti e potenziare le abilità sociali invertendo gli effetti dello schermo elettronico

* La sindrome da schermo elettronico (ESS) è una condizione in cui il sistema nervoso diventa eccessivamente stimolato, disarticolato e desincronizzato a causa di un tempo di schermatura eccessivo, con conseguente riduzione dell'umore, della concentrazione e del comportamento. L'ESS tende a far funzionare il cervello – e quindi il bambino – in modo più primitivo.

Riferimenti:
1. Ko, Chih-Hung, Ju-Yu Yen, Cheng-Sheng Chen, Yi-Chun Yeh e Cheng-Fang Yen. "Valori predittivi dei sintomi psichiatrici per la dipendenza da Internet negli adolescenti: uno studio prospettico di 2 anni". Archives of Pediatrics & Adolescent Medicine 163, no. 10 (ottobre 2009): 937-43. doi: 10.1001 / archpediatrics.2009.159.

2. Gentile, Douglas. "Uso di videogiochi patologici tra i giovani tra gli 8 e i 18 anni: uno studio nazionale." Scienze psicologiche 20, n. 5 (maggio 2009): 594-602. doi: 10.1111 / j.1467-9280.2009.02340.x.

3. Sansone, Randy A e Lori A Sansone. "Telefoni cellulari: i rischi psicosociali". Innovazioni in Neuroscienze Cliniche 10, n. 1 (gennaio 2013): 33-37.

4. Richards, Rosalina, Rob McGee, Sheila M Williams, David Welch e Robert J Hancox. "Tempo dello schermo dell'adolescente e attaccamento a genitori e coetanei". Archives of Pediatrics & Adolescent Medicine 164, no. 3 (marzo 2010): 258-62. doi: 10.1001 / archpediatrics.2009.280.

Solutions Collecting From Web of "Screentime e arresto dello sviluppo sociale"