Scott Peterson Innocent? Parte terza

Bias di conferma e scienze forensi

Questa è la terza parte di una serie in tre parti su prove mai rivelate durante il processo ad alto profilo del 2004 di Scott Peterson, attualmente nel braccio della morte in California per l’omicidio della moglie incinta Laci e del figlio non nato Connor. Nel primo articolo, ho affrontato il modo in cui le prove del comportamento hanno influenzato in modo improprio il caso, e nella seconda parte ho discusso la visione del tunnel evidente nelle indagini della polizia.

Una delle principali cause di condanna errata è una prova legale errata. Mentre non posso dire se Scott Peterson sia innocente o meno, posso dire che tutti e tre i tipi di prove forensi presentate contro Scott per dimostrare la sua colpevolezza sono ora intese inaffidabili, se non addirittura errate.

Gli psicologi che studiano l’influenza di cattive indagini forensi in casi di condanna ingiusta hanno identificato il pregiudizio di conferma come un fattore determinante. Pregiudizio di conferma o “pregiudizio contestuale” si verifica quando la polizia e i pubblici ministeri riferiscono a scienziati forensi prima che inizino la loro analisi quale dovrebbe essere la “risposta giusta”. Gli psicologi ora capiscono che quando ciò accade, influenza il modo in cui l’analista forense valuta le prove e può indurli a piegare inconsciamente i loro risultati per confermare ciò che gli è stato detto. Questo non è intenzionale. Piuttosto, è come funziona la mente umana.

Il Dr. Itiel Dror di Londra ha condotto alcuni studi pionieristici che spiegano questo fenomeno. Ad esempio, in uno studio, Dror ha chiesto agli esperti di impronte digitali di esaminare un paio di impronte digitali – una delle persone sospette e una dalla scena del crimine che il sospetto era stato condannato per aver commesso. Dror ha detto agli esperti di impronte digitali che le impronte provenivano da un caso in cui l’esperto di impronte digitali aveva commesso un errore. Il sospetto in questione è stato condannato in parte a causa dell’incontro con le impronte digitali, ma in seguito è stato esonerato e liberato dal test del DNA. Quindi era chiaro che l’esperto di impronte digitali aveva commesso un errore nel chiamare le stampe a una corrispondenza. Chiese agli esperti di impronte digitali di scoprire dove il precedente esperto di impronte digitali aveva commesso errori che avevano portato alla condanna errata.

Ciò che gli esperti di impronte digitali non sapevano, tuttavia, era che Dror aveva ottenuto un paio di impronte digitali da un caso in cui lo stesso esperto che partecipava allo studio aveva precedentemente dichiarato un incontro e aveva condannato la persona in questione. Così li ha ingannati – stavano effettivamente guardando il proprio lavoro in un vecchio caso in cui avevano trovato una corrispondenza delle impronte digitali – ma gli è stato detto che era il caso di un altro esperto di impronte digitali che aveva fatto un errore.

I risultati erano allarmanti. L’ottanta percento degli esperti di impronte digitali ha cambiato le loro risposte e ha detto che non c’era alcuna corrispondenza. Avevano testimoniato a un precedente processo che lo stesso insieme di impronte digitali era una corrispondenza e contribuiva alla convinzione, ma quando in seguito raccontò che stavano guardando il lavoro di qualcun altro da un caso in cui era stato commesso un errore, improvvisamente le impronte digitali non corrispondevano più .

Questo tipo di esperimento è stato ripetuto più e più volte in diversi campi forensi con risultati simili. Come ho esposto nel mio libro Blind Injustice: Un ex procuratore espone la psicologia e la politica delle convinzioni sbagliate , questo dimostra come il pregiudizio di conferma incida inconsciamente all’output. Anche se quando ero un pubblico ministero ho detto abitualmente all’analista forense la “risposta giusta” che dovevano aspettarsi prima di iniziare il loro lavoro, non avevo idea di come potesse contaminare i risultati. Se vuoi sapere di più su come il bias di conferma influisce sugli analisti forensi, guarda il video di cinque minuti sotto dal principale psicologo Dr. Sherry Nakhaeizadeh:

    C’erano tre tipi di prove “scientifiche” presentate da esperti al processo di Scott, incluse le conclusioni di un idrologo sulla deriva dell’acqua e dove il corpo di Laci Peterson sarebbe stato scaricato nell’acqua, la stima dello sviluppo fetale di Connor per mostrare la data della sua morte, e le reazioni dei cani addestrati a rilevare il profumo di Laci Peterson quando sono stati portati al porto turistico dove il pubblico ministero ha affermato che Scott è partito con la sua barca per scaricare il suo corpo nella baia. Come spiegato di seguito, ognuno di questi è stato problematico. E in ogni caso, il record è chiaro che gli esperti sono stati messi a conoscenza dall’accusa della “risposta giusta” prima che iniziassero.

    Peterson family provided upon request

    Laci e Scott

    Fonte: la famiglia Peterson fornita su richiesta

    L’idrologo che ha testimoniato per l’accusa sul movimento di corpi in acqua ha spiegato che se i corpi fossero scaricati in acqua in una zona, ci si aspetta che si lavino in seguito in un’area diversa, specificata in base ai movimenti dell’acqua. La sua testimonianza si adattava alla teoria dell’accusa del caso, perché ha testimoniato che, in base a dove Laci e il piccolo Connor furono in seguito trovati, il corpo di Laci sarebbe stato scaricato nella zona in cui Scott aveva ammesso di pescare nel giorno in cui Laci scompariva. Tuttavia, questo “esperto di marea” ammise sul fatto che non aveva fatto studi e che non aveva esperienza, istruzione o pratica riguardo al movimento dei corpi nell’acqua. Inoltre, era ben consapevole della teoria dell’accusa riguardo a dove Scott aveva presumibilmente scaricato il corpo di Laci, e dove entrambi i corpi di Laci e della piccola Connor si erano infine lavati a riva. Pertanto, nella terminologia della sperimentazione scientifica, era ben lungi dall’essere “cieco” all ‘”ipotesi” – il risultato atteso della sua analisi. Inoltre, la polizia di Modesto aveva annunciato l’alibi di Scott in TV, ed era ampiamente pubblicizzata. La teoria della difesa era che Laci era stato rapito; se questo fosse vero, le persone che hanno ucciso Laci sapevano esattamente dove scaricare il suo corpo (nella baia) per assicurarsi che l’attenzione della polizia sarebbe rimasta esclusivamente su Scott.

    Nella petizione di habeas presentata dagli avvocati di Scott che è attualmente pendente nella Corte Suprema della California, esperti riconosciuti a livello nazionale che, a differenza dell’esperto del processo, hanno avuto una formazione e una formazione approfondite in questo particolare ambito forense hanno ora contraddetto le conclusioni di l’esperto chiamato dall’accusa al processo di Scott.

    Inoltre, il dottor Gregory DeVore, esperto in procedimenti giudiziari, ha testimoniato che il piccolo Connor è morto in utero il 24 dicembre, che coincide esattamente con la teoria dell’accusa di quando Scott ha ucciso la moglie incinta. Ha raggiunto questa conclusione sulla base di una formula sviluppata dal Dr. Phillippe Jeanty, che ha “scritto il libro” su questa disciplina e che consiste nel misurare le ossa del feto e confrontarle con l’ultima ecografia conosciuta per determinare quando le ossa hanno smesso di crescere. Prima che iniziasse la sua analisi, al dottor DeVore fu detto che l’accusa credeva che Connor morì il 24 dicembre. Quindi non solo il rischio di bias di conferma si stabilì, ma anche peggiore, per raggiungere la conclusione che corrisponderebbe alla teoria dell’accusa, Dr. DeVore usava la formula matematica sbagliata e non misurava le ossa fetali corrette. Secondo lo stesso Dr. Jeanty, che ha ora depositato una dichiarazione giurata nella petizione di habeas in sospeso, la tibia e la fibula, così come il femore, devono essere misurati. (DeVore misurava solo il femore). Sulla base delle corrette misurazioni delle ossa corrette e usando la formula corretta, il dottor Jeanty ha concluso che la piccola Connor è vissuta ben oltre il 24 dicembre e potrebbe essere sopravvissuta fino al 3 gennaio, che contraddice la teoria dello stato e sostiene la difesa teoria che Laci è stato rapito (vedere la parte 2 per la discussione delle prove sul rapimento).

    Wikimedia Commons

    Foto della prigione di Scott Peterson

    Fonte: Wikimedia Commons

    Per quanto riguarda la prova del profumo del cane presentata durante il processo, è stato riferito che il cane che seguiva Trimble aveva avvertito l’odore di Laci vicino a una rampa di barca a Berkeley. Un cane che segue è diverso da un cane che tiene traccia; il primo rileva i profumi nell’aria, mentre il secondo segue un percorso di contatto fisico con il soggetto realizzato con una superficie. Entrambi sono diversi dai cani da cadavere. Trimble era un cane strascicato che si diceva avesse raccolto l’odore di Laci al porto turistico di Berkeley, dove Scott aveva pescato, e dove i pubblici ministeri sostenevano che era andato a sbarazzarsi del corpo di Laci. Laci non è stato accusato di aver preso contatto con il molo o con il terreno nel porto turistico, tuttavia, avere un cane da monitoraggio non aveva molto senso. È importante sottolineare che, nei test di certificazione del profumo dei veicoli senza contatto, Trimble ha sbagliato il 75% delle volte e alla fine non ha superato il test di certificazione. Inoltre, gli oggetti usati per fornire a Trimble il profumo di Laci, ad esempio gli occhiali da sole e la spazzola per capelli di Laci, erano suscettibili alla contaminazione incrociata con il profumo di Scott, e Scott è noto per aver maneggiato la borsa di Laci, che conteneva questi oggetti. Ed è indiscusso che Scott era stato presente in quelle aree del porto turistico. Se il team di gestione dei cani avesse seguito il protocollo e condotto un “test dei membri mancanti” per dimostrare che il profumo di Scott fosse escluso dagli oggetti dati ai cani da annusare, questo non sarebbe stato un problema, ma non è stato fatto. Esperti di fama nazionale sui cani hanno ora esaminato il lavoro degli esperti canini dell’accusa durante il processo e hanno affermato che la testimonianza usata per condannare Scott dovrebbe essere considerata “del tutto inaffidabile a qualsiasi esperto adeguatamente formato nel campo del rilevamento dei canini” e che ” i protocolli di ricerca impiegati in questo caso erano virtualmente garantiti per produrre un risultato inaffidabile.

    Alla fine, non so se Scott Peterson sia innocente o colpevole. Quello che mi interessa è il processo. Studio la psicologia delle investigazioni criminali e i difetti umani che li fanno andare storto. Innocente o colpevole, il caso di Scott Peterson è un caso da manuale per studiare questi difetti. Secondo le attuali conoscenze della psicologia, troppa enfasi è stata posta sul contegno di Scott (vedi prima parte). La polizia ha sviluppato la visione del tunnel nella fase iniziale e ha perso ogni obiettività, e questo ha portato a distorcere le prove a loro favore, ignorare le prove contraddittorie e scartare potenziali lead positivi (vedere la seconda parte). E la convinzione di Scott era basata sulla medicina legale che soffriva di pregiudizi contestuali e di protocolli impropri.

    Ma questi problemi non sono inevitabili nelle indagini criminali e possono essere evitati in futuro. Se pensi che Scott Peterson sia innocente, l’esistenza di questi problemi in questo caso è estremamente problematica, e i veri killer sono forse ancora a piede libero. Se sei convinto che Scott Peterson sia colpevole, allora dovresti assicurarti che polizia e pubblici ministeri siano adeguatamente formati per evitare questi problemi in casi futuri in modo che le condanne valide non siano soggette a tali facili attacchi.

    Segnalazione e assistenza scritta della dott.ssa Melissa Berry, Asst. Professore di psicologia presso l’Università di Dayton

    Trova la prima parte qui

    Trova la seconda parte qui