Scopo Transpersonale

Avere un forte senso dello scopo è sempre utile, ma è importante ricordare che esistono diversi tipi e livelli di scopo, alcuni dei quali sono più vantaggiosi di altri. Sono illustrati nello schema qui sotto (ci scusiamo per le sue piccole dimensioni!). Non intendo che questo sia un modello gerarchico, come la "gerarchia dei bisogni" di Abraham Maslow, perché le persone sono spesso orientate a più di uno scopo allo stesso tempo. I diversi tipi di scopi spesso si combinano e spesso si fondono l'un l'altro. (Nel diagramma, questo è indicato dalle frecce ricurve che collegano alcuni tipi di scopi agli altri).

Il tipo più basilare di scopo per tutti gli esseri viventi – inclusi gli esseri umani – è la sopravvivenza. La maggior parte degli esseri umani nel corso della storia – e purtroppo, probabilmente ancora oggi la maggior parte degli esseri umani vivi – sono stati principalmente orientati intorno a questo scopo. A causa della povertà, sono costretti a dedicare la maggior parte del loro tempo e attenzione a cercare di soddisfare i loro bisogni fondamentali di sopravvivenza, i loro figli, la loro sopravvivenza, cibo, alloggio, sicurezza e protezione.

Ma la sopravvivenza di solito non è abbastanza di per sé. Anche se sono principalmente preoccupati di cercare di mantenere se stessi e i propri figli in vita, la maggior parte delle persone ha bisogno di uno scopo più raro e significativo. Molte persone ottengono questo attraverso la religione, assumendo un sistema di credenze preesistente e allineando le loro vite con esso. Gli psicologi hanno scoperto che le persone fortemente religiose tendono ad avere livelli più elevati di benessere rispetto ai non religiosi e ai religiosi nominalmente, e questo è probabilmente in gran parte a causa del forte senso di scopo e significato che le religioni forniscono. Se sei fortemente religioso, c'è un chiaro scopo in tutto ciò che fai: seguire le convenzioni e i principi della tua fede, raggiungere la salvezza e / o convertire altre persone nella tua fede.

Per molti di noi nel mondo moderno secolare, tuttavia, la religione potrebbe non essere una valida fonte di propositi. In tal caso, lo sport può svolgere una funzione simile alla religione. Se segui una squadra di calcio o di baseball, fai anche parte di un quadro di scopi preesistente. Il tuo scopo è che la squadra vinca la prossima partita e, nel complesso, vinca la lega o il torneo di quella stagione, o almeno che si esibisca bene, e finisca in una buona posizione in classifica.

Altri potrebbero assumere quello che io chiamo uno scopo 'accumulativo personale'. Ciò significa che lo scopo principale delle nostre vite è accumulare più ricchezza, più successo o più status. Potremmo mirare a diventare famosi o potenti o ad elevarsi ai livelli più alti della nostra professione.

Altruismo e auto-espansione

Se andiamo oltre un orientamento egoistico egocentrico, il nostro scopo può diventare altruistico o idealistico, in cui non siamo così preoccupati del nostro benessere tanto quanto quello degli altri. Il nostro obiettivo principale potrebbe essere quello di migliorare o contribuire alla loro società, o contribuire alla razza umana in generale. Potremmo dedicare il nostro tempo e le nostre energie per aiutare lo sviluppo di altre persone, aiutandole a superare gli ostacoli o agire per alleviare le loro sofferenze. Significativamente, la ricerca in psicologia positiva ha rilevato che, sebbene uno scopo materialistico o "personale accumulato" possa avere effetti benefici, lo scopo è più vantaggioso quando si basa sull'altruismo.

Un altro tipo di scopo che emerge quando ci muoviamo oltre un orientamento egoico è l'auto-espansione o lo sviluppo personale. (Abraham Maslow si riferiva a questo come "auto-realizzazione"). Questo è distinto dall'accumulazione in quanto non si tratta di aggiungere ricchezza o status a se stessi, ma di scoprire ed esprimere il proprio potenziale, e approfondire ed espandersi. Per molte persone ciò avviene attraverso la creatività, o attraverso gli hobby e le esperienze che li sfidano e li aiutano a crescere. Ciò potrebbe includere la crescita intellettuale, basata sulla curiosità e il desiderio di comprendere il mondo. Potrebbe anche riferirsi alla crescita spirituale. Una persona che è principalmente orientata su uno scopo "autoespansivo" può sottoporsi a una terapia per cercare di superare gli ostacoli al suo sviluppo, o meditare regolarmente per cercare di facilitare un cambiamento nella consapevolezza. Possono avere l'impulso di espandere o intensificare la propria coscienza, seguendo un percorso spirituale come il Buddismo o lo Yoga.

Ne ho parlato separatamente, ma spesso uno scopo altruistico / idealistico e uno scopo autoespansivo si combinano. Cioè, le persone che sono altruiste e idealiste sono spesso concentrate sullo sviluppo personale allo stesso tempo. Sono entrambi aspetti dello sviluppo trans-egoico, quando lo scopo principale della nostra vita non è più quello di proteggere, migliorare e rafforzare l'ego. (È anche possibile, tuttavia, che una persona orientata principalmente su uno scopo cumulativo personale possa avere uno scopo altruistico / idealistico in una certa misura, e viceversa. Ciò potrebbe accadere quando una persona ha in parte – ma non pienamente – spostato oltre l'orientamento dell'ego, per esempio.)

Scopo Transpersonale

Quando seguiamo uno scopo idealistico, altruistico, creativo o spirituale, possiamo raggiungere un punto in cui il nostro scopo diventa transpersonale. Questo emerge mentre ci muoviamo oltre un orientamento egoico, quando i nostri desideri, interessi e paure cominciano a svanire in importanza, e ci colleghiamo a una più grande fonte superconscia, per la quale diventiamo l'espressione. È una questione di noi che scopriamo uno scopo profondo, autentico dentro di noi – uno scopo che è naturale per noi, che è un'espressione dei nostri innati potenziali e inclinazioni – e di allinearci ad esso. Allora diventiamo il canale per uno scopo che fluisce attraverso di noi. Piuttosto che portare avanti lo scopo, lo scopo inizia a portarci. Potremmo anche non avere una chiara idea di quale sia il nostro scopo – ma ci fidiamo di esso e permettiamo che fluisca attraverso di noi.

A questo punto, lo scopo diventa più semplice. Non dobbiamo sforzarci o esaurirci spingendo in avanti il ​​nostro obiettivo, cercando di realizzare le nostre ambizioni o raggiungere i nostri obiettivi. Non abbiamo più bisogno di spingere perché possiamo semplicemente fluire con lo scopo e permetterci di portarci avanti. Può esserci un senso inebriante di slancio, come se stessimo nuotando con la corrente di un fiume che scorre veloce.

L'importante è che ci facciamo da parte, cioè di mettere da parte i nostri interessi personali, i nostri desideri e le nostre paure, in modo da non bloccare o distorcere il nostro scopo. È particolarmente facile per noi lasciare che le nostre paure ostacolino il nostro scopo: ad esempio, il timore generale di attirare l'attenzione, la paura dell'imbarazzo o dell'umiliazione o di apparire arroganti.

Molti artisti creativi sperimentano uno scopo transpersonale. Seguono la loro ispirazione e non sono mai del tutto sicuri di dove li porteranno, o di cosa esprimerà. Lo faccio spesso quando scrivo libri. Ho una vaga idea di dove sto andando, una struttura approssimativa che cerco di seguire, ma il libro mi porta avanti, e sono sempre sorpreso dal materiale che viene fuori – connessioni, idee e concetti che non sono mai stato aspettando.

Scopo transpersonale e impulso per lo sviluppo spirituale

Molte persone che dedicano la propria vita all'esplorazione e allo sviluppo spirituale stanno seguendo anche uno scopo transpersonale. Il loro desiderio di espandere o intensificare la loro coscienza deriva da un impulso evolutivo profondamente radicato di cui forse non sono nemmeno coscientemente consapevoli. Secondo me, questo impulso è fondamentalmente lo stesso impulso che ha spinto il processo di evoluzione dagli inizi della vita centinaia di milioni di anni fa: un impulso verso una maggiore intensificazione della coscienza, mediante la quale gli esseri viventi diventano più complessi, più consapevoli della realtà e più consapevoli di se stessi.

Le tradizioni spirituali descrivono lo scopo transpersonale come una caratteristica dello stato "risvegliato" o "illuminato", in cui l'individuo non ha più una volontà propria, ma è l'espressione della volontà del divino. Nella tradizione taoista, l'individuo che ha realizzato la sua vera natura di Tao segue il wu-wei chih-Tao, "la Via della trascendenza senza sforzo", in cui il Tao scorre attraverso di loro. Vivono in uno stato di 'azione priva di azione' (wu-wei). Nella tradizione mistica cristiana, frasi come "autoannullamento" e "auto-ingannare" sono usate in modo simile – il mistico si svuota (o se stessa) per permettere a Dio di emergere ed esprimersi attraverso di loro. Allo stesso modo, nella Bhagavad-Gita, una grande enfasi è posta sull'azione "distaccata" – agendo senza preoccuparsi dei risultati, semplicemente facendo ciò che è giusto e appropriato. Mentre nel Sufismo, lo stato "risvegliato" è indicato come Baqa, e una delle sue caratteristiche è che la persona non ha volontà propria, ma vive in Dio e attraverso Dio, in uno stato di estasi. Non hanno più il senso di pianificare la propria vita o di far accadere le cose. La vita si svolge naturalmente e spontaneamente attraverso di loro, in virtù del potere divino.

Con alcuni tipi di scopo, in particolare l'accumulo personale, c'è la possibilità di diventare troppo focalizzati sul futuro e perdere il nostro orientamento nel presente. Potremmo diventare così concentrati sui nostri obiettivi, e così determinati a raggiungerli, che il presente perde significato per noi, e diventa solo un mezzo per raggiungere il futuro. Potremmo spendere così tanto tempo a guardare avanti che dimentichiamo di guardarci intorno. Tuttavia, questo certamente non deve essere il caso. Finché non siamo troppo rigidamente concentrati sulla nostra destinazione, possiamo ancora vivere nel presente allo stesso modo che muoversi con il flusso del nostro scopo, nello stesso modo in cui una persona in un viaggio in treno può godersi l'esperienza del viaggio. Un senso di direzione e uno scopo possono effettivamente migliorare il viaggio, dandoci un maggiore senso di connessione e apprezzamento. E a livello transpersonale, ci si concentra poco sul futuro, solo una resa alla forza creativa o spirituale che fluisce attraverso di noi. Il vigore impersonale rinvigorente del flusso di scopo illumina il presente.

Gli esseri umani sono naturalmente dinamici. La crescita è una parte intrinseca della nostra natura. La vita sulla terra è sempre stata dinamica, espressa attraverso il processo di evoluzione. La vita ha sempre avuto una tendenza innata a crescere verso una maggiore complessità, a diventare più organizzata e più consapevole. Quindi, quando sentiamo un senso di scopo, ci stiamo veramente allineando con questo impulso dinamico, che è probabilmente il motivo per cui seguire il senso dello scopo è così giusto ed è così benefico. E a livello transpersonale, diventiamo la manifestazione e l'espressione di questo impulso, diventa un canale attraverso il quale scorre direttamente. Quando raggiungiamo questo punto, non abbiamo più uno scopo, siamo uno scopo.

Steve Taylor, Ph.D. è un docente senior in psicologia presso la Leeds Beckett University, nel Regno Unito. È l'autore di Back to Sanity and The Fall. www.stevenmtaylor.com

Segui Steve su Facebook Segui Steve su Twitter

Solutions Collecting From Web of "Scopo Transpersonale"