Scontri di massa in America: crisi e opportunità

"Alberi di pino", Hasegawa Tōhaku
wikipedia.org

Recentemente ho scritto un articolo per la rivista Aeon, originariamente intitolato "Running Amok: The Crisis e Opportunity of Mass Shootings in America" ​​(gli editori sono andati con una versione più abbreviata e il loro sottotitolo hook). Il punto del saggio era di suggerire che, nonostante l'opinione popolare, la causa principale delle sparatorie di massa ha poco a che fare con armi da fuoco, cattiva genitorialità, videogiochi, film violenti, cultura popolare o malattia mentale. Questo non vuol dire che non vi sia alcun legame tra queste cose e l'omicidio di massa, ma piuttosto che non sono di per sé la causa diretta. Invece, l'inestricabilità delle armi nella cultura statunitense, la diffusa popolarità della violenza e della vendetta fantasy e il senso del diritto implicito nel sogno americano sono un riflesso di qualcosa dentro di noi, sia come individui che come società, che in casi selezionati può cospirare per creare rabbia omicida. Poiché ospitiamo questi semi di violenza collettivamente, soluzioni efficaci devono evitare reazioni istintive che identificano un'entità estranea che può essere rimossa dalla società (ad esempio pistole, videogiochi, film violenti, malattie mentali) a favore di guardare dentro di noi e all'interno le nostre reti di comunità per soluzioni migliori. Per allungare un po 'la metafora del seme, ridurre le sparatorie di massa non significa trovare erbacce nocive che possono essere tirate fuori dal terreno, si tratta di come identificare quei germogli che vanno nella direzione sbagliata, in modo da poter arricchire il terreno in cui crescono e li coltivano in qualcosa che può convivere in un giardino.

Alcuni sostengono che indipendentemente dalle cause della radice, il controllo delle armi è una potenziale soluzione. Chiaramente si tratta di un intenso dibattito in questo paese, con forti opinioni da entrambe le parti, come evidenziato da molti dei commenti in risposta al mio articolo. Mentre evitavo espressamente di entrare nel dibattito sul controllo delle armi, è qualcosa che ho in programma di tornare qui in questo blog in futuro, in particolare per quanto riguarda la psicologia dietro i pro ei conflitti sulla proprietà delle armi. Per ora, basti dire che le armi fanno ovviamente parte del calcolo dell'omicidio di massa e, come ho detto nell'articolo di Aeon, le pistole non possono uccidere la gente, ma la gente uccide le persone con le pistole.

Poi c'è il problema della malattia mentale. L'ipotesi automatica che le sparatorie di massa siano eseguite da chi ha una malattia mentale è diventata sia un tropo che una presunta tautologia. Per molti, il solo fatto che qualcuno abbia commesso un atto socialmente deviante come un omicidio di massa deve significare che sono "pazzi" o "folle". Ma dal punto di vista clinico, questi termini non hanno alcun significato e sebbene gli assassini di massa siano spesso considerati psicotici (definita approssimativamente come priva della capacità di distinguere la realtà dalla fantasia, esemplificata da credenze deliranti e allucinazioni), la maggior parte degli assassini di massa non sono stati trovati a soffrire di disturbi psicotici come la schizofrenia.

Eppure, con questo mito popolare saldamente in posizione, giornalisti, presunti esperti in aria e psichiatri a casa a domicilio cercano tutti i rapporti disponibili alla ricerca di prove di psicosi nella storia psichiatrica di un autore. Non è difficile trovare prove a sostegno quando stai cercando – i rapporti dei media nei giorni successivi a una sparatoria sono inclini a errori e pregiudizi significativi e se c'è una cosa su cui il cervello umano è particolarmente abile, sta rilevando falsi schemi nel rumore (vedi il mio recente post sul blog "White Christmas Effect"). Ad eccezione di un solo esempio, molti articoli di stampa hanno suggerito che l'autore della sparatoria del Virginia Tech del 2007 aveva la schizofrenia (es. Vedi la relazione dell'ABC qui). Tuttavia, due anni dopo, un'estesa revisione della storia psichiatrica del tiratore per il Governatore della Virginia trovò poco a sostegno di quelle affermazioni e invece dipinse un'immagine di un giovane immigrato con estrema timidezza, introversione e difficoltà nell'acculturarsi.

Per essere sicuri, ci sono stati assassini di massa che sembrano aver sofferto veramente di psicosi. Ma al di là della nebbia della disinformazione mediatica che segue le sparatorie, una buona prova a supporto della diagnosi di un disturbo psicotico tra gli autori di sparatorie di massa non è la regola. Lo stesso si può dire delle affermazioni occasionali di cospiratori secondo cui quasi tutti i tiratori di massa venivano trattati con farmaci psichiatrici. Dove sono le prove che questo è effettivamente il caso, che i farmaci sono stati prescritti e sono stati effettivamente presi nel periodo degli omicidi? Infatti, nonostante varie affermazioni, raramente siamo a conoscenza di dettagli accurati sulla storia psichiatrica di un perpetratore nella maggior parte dei casi di sparatorie di massa, così pochi di noi, indipendentemente dall'esperienza psichiatrica, sono in un posto affidabile per speculare sulla diagnosi (vedi Goldwater Rule nel mio blog post più recente, "The Psychology of 'Serial'").

Quando sono disponibili dati più affidabili, come è stato utilizzato per un'analisi congiunta di sparatorie a scuola da parte del Servizio segreto americano e del Dipartimento dell'istruzione degli Stati Uniti nel 2002, i tipi di problemi di salute mentale sperimentati dai tiratori di massa in genere non supportano la presenza di principali malattie mentali, ma piuttosto esperienze sul lato più normale del continuum della malattia mentale-malattia mentale. Questi includono una storia di umore depresso (un'emozione), ma non necessariamente un disturbo depressivo maggiore (una sindrome psichiatrica). Tratti antisociali, ma non necessariamente disturbo di personalità antisociale. La percezione che il perpetratore sia stato offeso o vittima di bullismo e che altri siano da incolpare per i loro problemi, ma non un'effettiva paranoia delirante. Come ho scritto nell'articolo di Aeon:

"… qui sta il problema – mentre questo tipo di profilo implica che la malattia mentale potrebbe essere un importante fattore di rischio, ciò di cui stiamo realmente parlando sono le emozioni negative, i meccanismi di coping e gli stressanti della vita vissuti dalla maggior parte di noi a una volta o l'altra. Questi fattori di rischio non sono necessariamente il dominio della malattia mentale, ma piuttosto la "psichiatria della vita quotidiana". "

Quindi, mentre alcuni sparatori di massa nella storia hanno effettivamente avuto gravi malattie mentali, lo sparatutto più tipico ha sperimentato il tipo di difficoltà più lievi con l'umore, l'ansia e le interazioni sociali con cui la maggior parte di noi ha una certa familiarità personale. Questo non vuol dire che nulla è "sbagliato" o che i tiratori di massa sono "normali", ma piuttosto che non sono gli "altri" distinti che li rendiamo, specialmente negli anni o nei mesi precedenti all'omicidio dove gli interventi potrebbero essere più utili.

Nel mio primo blog eponimo "Psych Unseen" qui a Psychology Today e nel mio primo articolo per Aeon intitolato "A Mad World", discuto la sovrapposizione tra malattia mentale e salute mentale e il potenziale per l'intervento psichiatrico di essere prezioso in questa area grigia . A giudicare dai commenti in risposta a entrambi i brani, sembra che alcuni siano riluttanti a concedere questa sovrapposizione, come se gli assassini di massa dovessero essere pazzi, mentre il resto di noi, con i nostri difetti e debolezze, non può possibilmente avere una piccola psicopatologia che beneficiare di vedere un terapeuta. Ma quello che sappiamo degli assassini di massa dice diversamente. La linea che divide gli atti estremi e gli atti lievi è sfocata e molte persone normali possono entrare in empatia – almeno in una certa misura – con i sentimenti che portano all'omicidio e alla sofferenza che porta al suicidio. Quello che sto suggerendo è che questo tipo di empatia è ciò che è veramente necessario, non solo dai professionisti della salute mentale, ma tutti noi, se riusciremo a trovare successo nel prevenire le sparatorie di massa prima che un perpetratore attraversi quella linea.

Solutions Collecting From Web of "Scontri di massa in America: crisi e opportunità"