Scienziato, guarisci te stesso

Delusory parasitosis can inflict mental and physical suffering

La parassitosi delirante può infliggere sofferenze mentali e fisiche

La parassitosi delirante – la falsa convinzione che uno sia infestato – ha una lunga storia di casi tragici che risalgono a più di un secolo. Due dei casi più infami hanno coinvolto gli scienziati in modi sorprendenti.

Nel 1951, uno zoologo dell'Università del Massachusetts pubblicò un articolo su un noto giornale scientifico che descriveva una donna infestata dagli acari. La vittima in questo strano caso era l'autrice stessa.

Il travaglio di Jay Traver è iniziato con un prurito al cuoio capelluto che si è evoluto in sensazioni di "strisciare, graffiarsi e mordere" in tutto il suo corpo. La povera donna ha scritto che "gli acari potevano essere sentiti correre sotto le masse epidermiche ispessite, e causare il loro ospite quasi a strappare pezzi del cuoio capelluto." Traver si curava con Lysol concentrato e candeggina, acido borico caldo, acido cloridrico, DDT e un'emulsione di cherosene.

Dopo che i medici hanno concluso che la sua infestazione era immaginaria, ha raddoppiato i suoi sforzi per dimostrare l'esistenza di parassiti. Alla fine, trovò quella che sembrava essere una rara specie di acaro tra i suoi raschiamenti e pubblicò il case study.

Nel 1993 un esperto di acari esaminò i campioni di Traver e determinò che erano l'acaro della polvere comune. Presumibilmente, Traver ha travolto alcuni dei suoi frenetici sforzi per trovare il suo antagonista. Ma gli acari della polvere non si insinuano nei tessuti umani, e ora sappiamo che il foglio di Traver era un racconto autobiografico torturato di malattia mentale.

Dieci anni dopo, una notevole ripresa ebbe luogo in un'altra credibile rivista scientifica. Deborah Altschuler e i suoi colleghi hanno pubblicato la loro scoperta di una causa alla base dei casi (non diagnosticati) di parassitosi delusoria.

Non riuscendo a trovare nulla di insolito nei vetrini da microscopio dei raschiati della pelle, trovarono alcuni oscuri rapporti di Collembola sugli umani. Collembola (o springtails) sono piccoli insetti che vivono in habitat umidi e si nutrono di detriti. Utilizzando un protocollo imperfetto, gli investigatori sono riusciti a identificare i resti di Collembola nei loro campioni.

Evidentemente gli autori cadono in preda alla pereidolia, un tipo di illusione in cui uno stimolo vago viene percepito come qualcosa di distinto. Guardare le immagini pubblicate è come guardare le nuvole e vedere le pecore o le primavere.

I principali entomologi hanno piuttosto rigettato con rigore le conclusioni: "La qualità delle fotografie e la qualità degli oggetti nelle fotografie era così scarsa che è possibile vedere praticamente qualsiasi tipo di animale in esse. Il diario dovrebbe essere imbarazzato per aver pubblicato questo lavoro. "

In sintesi, vogliamo che il nostro mondo interno corrisponda al mondo reale e le disconnessioni possono lasciarci profondamente perplessi ed emotivamente scossi. Se hai finito questo post di blog senza una voglia di grattarti, allora forse sei resistente alle sensazioni e alle percezioni immaginarie. Altrimenti, forse puoi facilmente entrare in empatia con la mente infestata.

Solutions Collecting From Web of "Scienziato, guarisci te stesso"