Scienza della moralità? Non così in fretta.

Di recente, una manciata di ricercatori ha incontrato e deciso alcuni principi di base per una scienza della moralità. La loro affermazione è una buona rappresentazione di ciò che è sbagliato nelle opinioni psicologiche dominanti sulla moralità. Troppo stretto, troppo concentrato sugli studi di laboratorio e sul "giudizio" (valutazione degli altri).

La moralità è molto di più. Ne sappiamo abbastanza ora per avere una scienza dello sviluppo morale (dove, continuo a dire, stiamo fallendo terribilmente). E conosciamo le complessità della moralità quotidiana – la virtù della vita reale – e quante abilità e capacità richiede.

Cosa sappiamo?

SVILUPPO DELLA MORALITÀ!

Come ogni sistema dinamico, le condizioni iniziali per lo sviluppo umano sono fondamentali per il successivo funzionamento. Cosa sappiamo dei primi effetti della vita sullo sviluppo morale?

Personalità morale. La qualità del caregiving (ad esempio, l'intersoggettività, la co-regolazione reciproca) modella i fattori di personalità correlati al funzionamento morale, come l'apertura (Greenspan & Shanker, 2004). I bambini con genitori caldi e reattivi sviluppano personalità più gradevoli e prosociali e mostrano uno sviluppo della coscienza precedente (ad esempio, Kochanska, 2002). Ricerche esemplari morali indicano che gli adulti che abitualmente prendono l'azione morale per gli altri hanno punteggi più alti in termini di gradevolezza, coscienziosità e apertura (Colby e Damon, 1991; Walker & Frimer, 2009).

Autocontrollo. Come la personalità, l'autocontrollo è epigenetico. Il sistema nervoso dipende dall'esperienza per il suo sviluppo, in particolare dopo la nascita attraverso le relazioni di attaccamento con i caregiver. Il caregiver funziona come un "regolatore psicobiologico esterno", trasformando "l'esterno in un regolamento interno" (Schore, 2001, p.202). Una cura calda e reattiva è fondamentale per lo sviluppo dell'autoregolazione dei bambini. Quelli con scarse capacità di autoregolamentazione sono necessariamente più auto-focalizzati (Karr-Morse e Wiley, 1997).

Le caratteristiche di genitorialità reattiva sopra menzionate fanno parte di un set più ampio che ha caratterizzato l'esperienza della prima infanzia per il 99% della storia del genere umano (allattamento al seno per 2-5 anni, tocco pressoché costante, pronta risposta a proteste e pianti, alloparenti multipli per adulti, esteso libero giocare con più compagni di età, Hewlett & Lamb, 2005). (Maggiori dettagli qui.) Anche se sono legati al carattere morale delle società (Prescott, 1996) e individuali (Narvaez, 2008), queste caratteristiche stanno diminuendo negli Stati Uniti (Narvaez, Panksepp, Score & Gleason, 2010).

Perché dovremmo essere preoccupati? Perché le caratteristiche che Darwin (1871) ha identificato come parte del senso morale umano si stanno deteriorando. Ad esempio, l'empatia e il ragionamento morale tra gli studenti universitari sono in calo mentre l'egocentrismo è attivo (Konrath, O'Brien e Hsing, in stampa, Thoma & Bebeau, 2008; Twenge & Campbell, 2009).

LA MORALITÀ DELLA VITA REALE È DIVERSA DAGLI STUDI DI LABORATORIO

Il "consenso" manca anche della portata di ciò che la moralità della vita reale comporta, ad esempio, sensibilità morale e ragionamento pratico (Aristotle, 1988; Mencius, 2003), empatia abituata (Dewey in Boydston, 1986), identità morale (Blasi, 1994 ), abilità per azioni particolari o "effettività" (Shaw, Turvey, & Mace, 1982), e la continua coltivazione della virtù da parte delle azioni che si praticano e degli ambienti che si scelgono, che modellano le intuizioni e le preferenze (Hogarth, 2001) . Studiare l'esemplarità morale e lo sviluppo della virtù può aiutare a colmare le lacune.

Troppa parte della scienza psicologica si concentra sugli ingenui o sottosviluppati (studenti universitari senza esperienza in un dominio). Poiché lo sviluppo del cervello oltre gli anni del college e nella mezza età influenza il funzionamento morale, gli adulti maturi dovrebbero essere studiati in profondità prima di fare delle generalizzazioni sulla natura umana. Le funzioni esecutive prendono fino alla metà degli anni '20 o più tardi per formare completamente (Luna et al., 2001) e la mielinizzazione della corteccia prefrontale si verifica nella mezza età (Sowell et al., 2003).

Gli studi sulla moralità dovrebbero includere adulti maturi nelle loro aree di competenza. La competenza in un dominio è una combinazione di ragionamento pratico, intuizione e molte capacità percettive e di autocontrollo (Narvaez, 2010a, 2010b). In realtà, il ragionamento è molto più importante di quanto accreditato, in parte perché la ricerca non è focalizzata su tutti i modi in cui gli esseri umani usano il ragionamento. Anche nei bambini piccoli, il ragionamento pratico o il ragionamento per agire è un'attività costante.

SCIENZA STRANA

Gli occidentali non sanno più molto della virtù. In confronto ai nostri antenati che vivevano virtuosamente o perirono, gli occidentali possono vivere brutalmente senza conseguenze immediate. In realtà, gli americani sono incoraggiati a vivere brutalmente: consumano tutte le risorse che vuoi o possono. Coltiva la tua avidità. Controlla la natura e controlla gli altri. Stai da solo. Essere autointeressati perché è normale (contrariamente ad ogni visione non occidentale). Tutti questi atteggiamenti portano a una grande distruzione delle relazioni e al mondo naturale, che non è virtuoso e non è adattivo!

Un consenso basato su dati WEIRD (società occidentali, istruite, industrializzate, ricche e democratiche che rappresentano il 12% della popolazione mondiale, Henrich, Heine, Norenzayan, 2010) da parte di una manciata di nordamericani maschi bianchi non è affatto un consenso.

Ecco la dichiarazione di "consenso".

Riferimenti

Aristotele. (1988). Etica nicomachea (WD Ross, Trans.). Londra: Oxford.

Bechara, A. (2005). Processo decisionale, controllo degli impulsi e perdita di forza di volontà per resistere ai farmaci: una prospettiva neurocognitiva. Nature Neuroscience 8, 1458 – 1463.

Blasi, A. (1984). Identità morale: il suo ruolo nel funzionamento morale. In W. Kurtines e J. Gewirtz (a cura di), Moralità, comportamento morale e sviluppo morale (pp. 128-139). New York: Wiley.

Boydston, JA (Ed.). (1986). John Dewey, The later works: Vol. 7. 1925-1953. Carbondale, IL: Southern Illinois University Press.

Colby, A., & Damon, W. (1991). Alcuni si preoccupano. New York: stampa gratuita.

Darwin, C. (1871/1981). The Descent of Man. Princeton University Press, Princeton.

Fry, DP (2006). Il potenziale umano per la pace: una sfida antropologica alle ipotesi sulla guerra e sulla violenza. New York: Oxford University Press.
Goldberg, E. (2001). Il cervello esecutivo. New York: Oxford University Press.

Greenspan, SI, & Shanker, SI (2004). La prima idea. Cambridge, MA: Da Capo Press.

Henrich, J., Heine, S, J., & Norenzayan, A. (2010). Le persone più strane del mondo? Cervello e scienze comportamentali, 33, 61-135.

Hewlett, BS, & Lamb, ME (2005). Infanzia di cacciatori-raccoglitori: prospettive evolutive, evolutive e culturali. New Brunswick, NJ: Aldine.

Hogarth, RM (2001). Educare all'intuizione. Chicago: University of Chicago Press.

Karr-Morse, R., & Wiley, MS (1997). Fantasmi dalla scuola materna: tracciare le radici della violenza. New York: Atlantic Monthly Press.

Kochanska, G. (2002) Orientamento mutualmente reattivo tra madri e figli piccoli: un contesto per il primo sviluppo della coscienza. Indicazioni attuali in Scienze psicologiche, 11, 191-195.

Konrath, S., O'Brien, EH, e Hsing, C. (in corso di stampa). Cambiamenti di empatia disposizionale nel tempo negli studenti universitari: una meta-analisi. Rassegna di personalità e psicologia sociale.

Lewontin, RC, Rose, S., e Kamin, LJ (1987). Non nei nostri geni: biologia, ideologia e natura umana. New York: Pantheon.

Luna, B., Thulborn, KR, Munoz, DP, Merriam, EP, Garver, KE, Minshew, NJ e altri, (2001). La maturazione di una funzione cerebrale ampiamente distribuita asservisce lo sviluppo cognitivo. NeuroImage, 13 (5), 786-793.

Mathews, VP, Kronenberger, WG, Wang, Y., Lurito, JT, Lowe, MJ e Dunn, DW (2005). Esposizione alla violenza da media e attivazione del lobo frontale misurata mediante risonanza magnetica funzionale negli adolescenti aggressivi e non aggressivi. Journal of Computer Assisted Tomography, 29 (3), 287-292.

Mencio. (2003). Mencio (Rev. ed., DC Lau, Trans.). Londra: Penguin.

Narvaez, D. (2008). Etica trina: le radici neurobiologiche delle nostre molteplici moralità. Nuove idee in psicologia, 26, 95-119.

Narvaez, D. (2010a). Complessità morale: l'attrazione fatale della verità e l'importanza del funzionamento morale maturo. Perspectives on Psychological Science, 5 (2), 163-181.

Narvaez, D. (2010b). Il dinamismo incarnato del divenire morale. Prospettive sulla scienza psicologica, 5 (2), 185-186.

Narvaez, D., Panksepp, J., Schore, A., e Gleason, T. (2010). Il valore dell'ambiente di adattamento evolutivo per misurare il benessere dei bambini. Natura umana, esperienza precoce e ambiente dell'evoluzionismo evolutivo New York: Oxford University Press. Manoscritto in preparazione.

Prescott JW (1996). Le origini dell'amore umano e della violenza. Giornale di psicologia pre e perinatale, 10 (3), 143-188.

Sahlins, M. (2008). L'illusione occidentale della natura umana. Chicago: Prickly Paradigm Press.

Schore, A. (2001). Gli effetti di un attaccamento sicuro sullo sviluppo del cervello destro, sulla regolazione degli affetti e sulla salute mentale infantile, Journal of Infant Mental Health, 22, 201-269.

Shaw, RE, Turvey, MT, e Mace, WM (1982). Psicologia ecologica La conseguenza di un impegno per il realismo. In W. Weimer & D. Palermo (a cura di), Cognizione e processi simbolici (Vol. 2, pp. 159 – 226). Hillsdale, NJ: Erlbaum.

Sowell, ER, Peterson, BS, Thompson, P. M, Benvenuto, SE, Henkenius, AL, e Toga, AW (2003). Mappatura del cambiamento corticale attraverso la vita umana. Nature Neuroscience, 6, 309-15.

Thoma, SJ, & Bebeau, M. (2008). La competenza per il giudizio morale è in calo nel tempo: evidenza da 20 anni di dati relativi ai test di definizione dei problemi. Documento presentato all'American Educational Research Association, New York.

Twenge, J., & Campbell, R. (2009). L'epidemia del narcisismo: vivere nell'età del diritto. New York: stampa gratuita.

Walker, LJ, & Frimer, JA (2009). Personalità morale esemplificata. In D. Narvaez e DK Lapsley (a cura di), Personalità, identità e carattere: esplorazioni nella psicologia morale (pp. 232-255). New York: Cambridge University Press.

Solutions Collecting From Web of "Scienza della moralità? Non così in fretta."