Scientismo in psicoterapia

In questi giorni, in questa età guidata dalla compagnia assicurativa della correzione rapida, si parla molto nei circoli di psicoterapia della "pratica basata sull'evidenza". L'applicazione di questo slogan è stata straordinariamente priva di domande filosofiche sulla natura della pratica psicoterapeutica o delle prove giuste per guidare l'approccio terapeutico ad un'anima umana sofferente.

I miei collaboratori e io (Working-Intersubjectively-Contextualism-Psychoanalytic-Practice) hanno applicato la distinzione aristotelica tra techne e phronesis alla pratica della terapia psicoanalitica. La razionalità tecnica o tecnica è il tipo di metodo e conoscenza richiesti per la produzione uniforme di cose. È esemplificato nelle regole tradizionali e standardizzate della tecnica psicoanalitica, specialmente perché queste sono richieste per tutti i pazienti, tutti gli analisti, tutte le coppie analitiche e tutte le situazioni relazionali. Noi sosteniamo "che l'intera concezione della psicoanalisi come tecnica è sbagliata … e deve essere ripensata" (pagina 21). Suggeriamo inoltre che ciò che è necessario per fondare la pratica psicoanalitica non è la techne ma la phronesis o la saggezza pratica. A differenza della techne , la phronesis è una forma di comprensione pratica che è sempre orientata al particolare, all'unicità dell'individuo e alla sua situazione relazionale.

La ricerca in psicoterapia tradizionale tende a ridurre gli esseri umani e le relazioni umane a "variabili" che possono essere misurate, calcolate e correlate. Tali procedure prendono parte a ciò che Heidegger chiama il modo tecnologico di essere o la forma tecnologica dell'intelligibilità. Secondo Heidegger, le entità nel loro complesso, inclusi gli esseri umani, sono intelligibili nella nostra era tecnologica come risorse prive di significato da calcolare, immagazzinare e ottimizzare nella ricerca di conquistare la terra. Dal mio punto di vista, il modo di essere tecnologico è anche associato alla posizione filosofica dello scientismo – il presupposto, esemplificato nel positivismo scientifico caratteristico di molte ricerche sul cambiamento in psicoterapia, che la principale forma di conoscenza valida è quella raggiunta attraverso sperimentale e quantitativo metodologia.

Tali considerazioni sottolineano l'importanza potenziale della ricerca qualitativa, piuttosto che quantitativa. Mi riportano anche ad una tradizione nella psicologia della personalità accademica, la tradizione in cui sono stato addestrato come studente di dottorato in psicologia clinica ad Harvard durante la metà e la fine degli anni '60, noto come personologia . Questa tradizione, fondata da Henry Murray presso la Harvard Psychological Clinic negli anni '30, considerava come premessa di base l'affermazione che la conoscenza della personalità umana può essere avanzata solo dallo studio sistematico e approfondito della singola persona. Questa enfasi sulla ricerca "idiografica", piuttosto che "nomotetica", fu un allontanamento radicale dalla filosofia della scienza che allora dominava, e ha continuato a dominare, la psicologia accademica negli Stati Uniti.

Suggerisco che cogliere la pratica della psicoterapia come una forma di phronesis piuttosto che di techne giustifica un ritorno ai metodi idiografici negli studi della relazione psicoterapeutica – metodi che possono indagare gli unici mondi emotivi del paziente e dello psicoterapeuta e gli specifici sistemi intersoggettivi costituiti dall'interazione fra loro. È solo una tale ricerca idiografica, sostengo, che può illuminare il legame relazionale ricco, complesso e vivente in cui prende forma il processo psicoterapeutico.

Copyright Robert Stolorow

Solutions Collecting From Web of "Scientismo in psicoterapia"