Science By Funeral

"Una nuova verità scientifica non trionfa convincendo i suoi avversari e facendoli vedere la luce, ma piuttosto perché i suoi avversari alla fine muoiono, e una nuova generazione cresce e ha familiarità con essa."

Come suggerisce la citazione sopra riportata da Max Planck, la scienza è un affare molto umano. Mentre, in una forma idealizzata, il processo scientifico è uno strumento molto utile per scoprire la verità, la realtà dell'uso del processo nel mondo può essere sostanzialmente più caotica. Uno dei principali colpevoli di questo disordine è che essere un bravo scienziato di per sé – come definito da chi applica rigorosamente e coerentemente il metodo scientifico – non è necessariamente indice di una persona particolarmente brillante o degna di stima sociale. È perfettamente possibile applicare il metodo scientifico alla verifica di un numero qualsiasi di ipotesi errate o errate. Invece, lo status sociale (e le ricompense ad esso associate) tende a essere fornito a persone che scoprono qualcosa che è nuovo, interessante e vero . Bene, un po '; la scoperta stessa non deve essere esattamente vera tanto quanto le persone hanno bisogno di percepire l'idea come vera. Finché le persone percepiscono che le mie idee sono vere, posso raccogliere quei benefici sociali; Posso anche farlo se la mia grande idea fosse davvero sbagliata.

Flickr/Bart
Sicuro; sembra molto luminoso, ma è per lo più pieno di aria calda
Fonte: Flickr / Bart

Proprio come ci sono benefici nell'essere conosciuti come la persona con la grande idea, ci sono anche benefici nell'essere amici con la persona con la grande idea, in quanto l'accesso a quelle risorse sociali (e materiali) tende a diffondersi agli stretti collaboratori della superstar accademica . È importante sottolineare che questi benefici possono ancora affluire a quegli associati anche se mancano le stesse competenze che hanno reso famosa la superstar. Per mettere tutto questo in un semplice esempio, ottenere una posizione da professore ad Harvard probabilmente porta benefici sociali e materiali al professore; chi studia sotto il professore e ottiene una laurea ad Harvard può anche trarre beneficio cavalcando le code del professore, anche se non sono particolarmente intelligenti o di talento. Un possibile risultato di questo processo è che certe idee possono trincerarsi in un campo, anche se le idee non sono necessariamente le migliori: poiché l'ideatore dell'idea ha un interesse acquisito nel mantenerlo l'ordine del giorno nel suo campo, e la sua progenie accademica ha un interesse simile a sostenere lo status di originatore (dato che il loro status dipende dal suo), nuove idee possono essere – formalmente o informalmente – escluse dall'ingresso e resistite, anche se assomigliano più strettamente alla verità. Come Planck ha scherzato, quindi, la scienza inizia ad andare avanti mentre la vecchia guardia si estingue e non può più difendere efficacemente il proprio status; non perché rinunciano al loro status di fronte a nuove prove contraddittorie.

Con questo in mente, ho voluto discutere i risultati di uno dei documenti più interessanti che ho visto da tempo. Il documento (Azoulay, Fons-Rosen, & Zivin, 2015) ha esaminato cosa accade a un campo di ricerca nelle scienze della vita in seguito alla morte prematura di uno dei suoi membri superstar. Azoulay et al (2015) iniziarono identificando il loro campione di circa 13.000 superstar, 452 delle quali morirono prematuramente (che, in questo caso, corrispondevano a un'età media di morte a 61 anni). Di quelli che morirono, il termine "superstar" li descriverebbe sicuramente bene, almeno in termini di produzione, generando una paternità mediana su 138 documenti, 8.347 citazioni e ricevendo oltre 16 milioni di dollari in finanziamenti governativi al momento della loro morte. Queste superstar sono state poi collegate a vari sottocampi in cui sono stati pubblicati, i loro collaboratori e non collaboratori all'interno di tali sottocampi sono stati identificati, e sono state raccolte anche una serie di altre variabili che non entrerò nel merito.

La domanda di interesse, quindi, è che cosa succede a questi campi dopo la morte di una superstar? In termini di numero grezzo di pubblicazioni all'interno di un sottocampo, c'è stato un leggero aumento dopo la morte di circa il 2%. Quel numero non dà molto senso alle cose interessanti che stavano accadendo, comunque. La prima di queste cose è che i collaboratori della superstar hanno visto un declino piuttosto marcato nel loro output di ricerca; un calo di circa il 40% nel tempo. Tuttavia, questo calo della produttività dei collaboratori è stato più che compensato da un aumento dell'8% della produzione da parte di non collaboratori . Questo era un effetto che rimaneva (anche se era in qualche modo ridotto) anche quando l'analisi escludeva i documenti su cui la superstar era un autore (il che ha senso: se uno dei tuoi autori muore, naturalmente produrrai meno documenti, c'era solo altro al declino di quello). Questo calo della produzione collaborativa sarebbe coerente con un sano grado di coattail-riding probabilmente in atto prima della morte. Inoltre, non ci sono stati accenni a queste tendenze prima della morte, suggerendo che la morte in questione stava causando il cambiamento quando si trattava di cambiamenti nella produzione della ricerca.

Flickr/Equipe Integrada
Figura 2: quanto è migliorata la tua morte per le altre persone
Fonte: Flickr / Equipe Integrada

Il possibile "perché" di questi effetti è stato esaminato nel resto dell'articolo. Seguono alcuni suggerimenti su cosa sta succedendo. In primo luogo, c'è l'effetto della morte sui conteggi delle citazioni, con i non-collaboratori che producono documenti di maggiore impatto – ma non a basso impatto – dopo la morte della superstar. In secondo luogo, questi non collaborazionisti producevano carte negli stessi sottocampi in cui la superstar era stata precedentemente. In terzo luogo, questo nuovo lavoro non sembrava basarsi sul lavoro della superstar; i non collaborazionisti tendevano a citare la superstar sempre meno lavoro più nuovo. Per il momento, gli autori più recenti non erano in gran parte concorrenti della superstar nel periodo in cui erano vivi, optando invece per diventare attivi sul campo dopo la morte. L'immagine dipinta dai dati sembra essere quella in cui le superstar dominano inizialmente la pubblicazione all'interno dei loro sottocampi. Mentre i nuovi volti potrebbero avere un certo interesse nella ricerca di questi stessi argomenti, non riescono a entrare nel campo mentre la superstar è viva, invece forniscono le loro nuove idee – non quelle già stabilite – solo dopo che un buco si è aperto nel tessuto sociale del campo. In altre parole, potrebbero esserci barriere all'ingresso per i nuovi arrivati ​​che li tengono fuori, e quelle barriere si rilassano un po 'dopo la morte di un membro di spicco.

Di conseguenza, Azoulay et al (2015) rivolgono la loro attenzione a quali tipi di barriere potrebbero esistere. La prima barriera che pongono è quella che chiamano "Goliath's Shadow", dove i nuovi arrivati ​​sono semplicemente scoraggiati dalla prospettiva di dover sfidare figure già esistenti e di alto livello. Sono state riportate evidenze coerenti con questa prospettiva: l'importanza della superstar – definita dalla frazione di carte nel campo da loro prodotto – sembrava avere un effetto notevole, con figure più importanti che creavano un vuoto più grande da riempire. Al contrario, il coinvolgimento della superstar – come definito dalla percentuale dei loro articoli pubblicati in un determinato campo – non sembrava avere alcun effetto. Più una superstar pubblicava (e riceveva i soldi della sovvenzione), meno lo spazio che altre persone sembravano vedere da sé.

Altre due possibili barriere all'entrata riguardano la chiusura intellettuale e sociale di un campo: la prima si riferisce al fatto che la maggior parte dei ricercatori all'interno di un campo – non solo la superstar – concordano su quali metodi utilizzare e quali domande porre; il secondo si riferisce a quanto strettamente i ricercatori all'interno di un campo lavorino insieme, documenti di coautori e simili. Le prove per entrambi sono risultate positive: i campi in cui la superstar formava molti dei ricercatori e campi in cui le persone lavoravano a stretto contatto non mostravano i principali effetti della morte superstar. Infine, una possibilità correlata è che gli associati della superstar potrebbero controllare indirettamente l'accesso al campo negando risorse ai nuovi arrivati ​​che potrebbero sfidare le vecchie idee. In questo caso, gli autori hanno riferito che la morte di quelle superstar che avevano più collaboratori su consigli di redazione e di finanziamento tendeva ad avere meno impatto, il che poteva essere un segno di difficoltà.

L'influenza di queste superstar sulla generazione di barriere all'entrata, quindi, era spesso piuttosto indiretta. Non è che le superstar stessero impedendo loro stessi i nuovi arrivati; è improbabile che avessero il potere di farlo, anche se ci stavano provando. Invece, queste barriere furono create indirettamente, sia attraverso la superstar che riceveva una porzione salubre delle esistenti fasce di finanziamento e pubblicazione, sia attraverso i collaboratori della superstar formando una comunità relativamente unita che poteva esercitare un'influenza su quali idee riuscivano a vedere la luce del giorno in modo più efficace.

Youtube

"Abbiamo le tue idee. Non sappiamo chi sei, e ora nessun altro lo farà "

Fonte: Youtube

Mentre è facile (ea volte divertente) evocare un'immagine di un vecchio professore e della loro cricca intellettuale che mantiene prospettive sfortunate, giovani e perspicaci con il potere della discriminazione, è importante non saltare a quella conclusione immediatamente. Mentre i volti e le idee all'interno di un campo potrebbero cambiare in seguito alla morte di figure importanti, ciò non significa necessariamente che le nuove idee siano più vicine a quella importantissima T maiuscola, la Verità che a volte attribuiamo valore. Le stesse pressioni sociali, costi e benefici applicati alla guardia ormai morta si applicano a turno ai nuovi ricercatori, e il nuovo status all'interno di un campo non verrà raccolto rielaborando le idee del passato, anche se sono corrette . Idee vecchie ma vere potrebbero essere messe da parte per il gusto della novità, così come potrebbero essere promulgate idee nuove ma false. Indipendentemente dal valore di verità di queste idee, tuttavia, i dati attuali prestano una buona dose di credenza sulla nozione che la scienza tenda a spostare un funerale alla volta. Anche se alla fine la verità può vincere con un graduale processo di erosione, è importante tenere sempre presente che le persone che fanno scienza sono ancora solo umane, soggette agli stessi pregiudizi e alle stesse pressioni sociali che tutti noi siamo.

Riferimenti: Azoulay, P., Fons-Rosen, C., e Zivin, J. (2015). La scienza anticipa un funerale alla volta? L'ufficio nazionale di ricerca economica, DOI: 10.3386 / w21788

Solutions Collecting From Web of "Science By Funeral"