Scheletri nell'armadio

Una sera lo scorso fine settimana ho visto il film indipendente To the Bone (2017) che tratta il tema dei disturbi alimentari, in particolare l'anoressia nervosa, con il più alto tasso di mortalità di qualsiasi malattia mentale. La gente spreca, diventa scheletrica come le vittime del campo di concentramento e letteralmente muoiono di fame. A meno che, cioè, siano abbastanza fortunati da poter accedere a cure sanitarie efficaci e compassionevoli e recuperare da questa malattia devastante. Come fa Ellen, il ventenne protagonista di To the Bone , così come l'attrice, Lily Collins, che la interpreta nel film – e come fa lo scrittore / produttore del film, Marti Noxon. Sia Collins che Noxon hanno lottato con l'anoressia e Noxon ha basato la sceneggiatura sulla propria esperienza.

Avevo letto di alcune delle polemiche che circondano questo film, inclusa la critica che glorifica la magrezza e i disturbi alimentari in generale, così come che può innescare lo spettatore in una ricorrenza o peggioramento della propria anoressia. Sebbene non sia favorevole all'eccessivo uso di avvertimenti sul grilletto, ho sentito che il breve avvertimento scritto all'inizio del film era di buon gusto e appropriato. Come ricordo, ha affermato qualcosa del tipo: "Il film seguente include contenuti che alcuni spettatori potrebbero trovare difficili da guardare".

Avendo vissuto l'anoressia da adolescente e avendo fornito assistenza sanitaria di base a molti giovani alle prese con i disordini alimentari (e attraverso lo spettro socio-economico), posso dire che To the Bone è onesto, sfumato e non eccessivamente sensazionalizzato rappresentazione dell'esperienza vissuta dei disordini alimentari. Il film non affascina la magrezza oi disturbi alimentari. Allude opportunamente al legame tra disturbi alimentari e traumi infantili, compreso l'abuso sessuale. Il presunto medico eroico non convenzionale del film, William Beckham, interpretato da Keanu Reeves, è alquanto odioso in quel genere di faccine sorridenti di Robin Williams. E il centro per il trattamento del disordine alimentare familiare di gruppo in cui Ellen fa un ultimo sforzo per trovare una cura, è un ambiente splendido e dall'aspetto costoso. Aiuta l'elusivo padre di Ellen (che non appare mai nel film, anche per una seduta di terapia familiare) che ha un lavoro ben pagato per pagare quella terapia ospedaliera di gruppo. Anche i pazienti con un'assicurazione sanitaria relativamente ampia hanno spesso difficoltà ad accedere a tale trattamento per i disturbi alimentari.

La mia valutazione è che To the Bone è un film buono e onesto su un importante problema di salute mentale, ed è scritto / prodotto da una donna e presenta per lo più donne nei ruoli principali. (Reeves ha relativamente poco tempo per lo schermo.) Vedo che questo film viene usato efficacemente nei programmi educativi di professione infermieristica e altri programmi sanitari per molti anni a venire.

  • Una buona risorsa per ulteriori informazioni sui disordini alimentari (inclusa una linea di assistenza riservata e gratuita) è l'Associazione nazionale sui disturbi alimentari.
  • E su quello scheletro reale nell'armadio incluso in questo post … È uno scheletro umano (non di plastica) racchiuso nel suo armadio di legno su ruote e si trova nel nuovo laboratorio di simulazione / apprendimento della University of Washington School of Nursing. Ho scattato la sua fotografia la scorsa settimana e attualmente sto cercando di scoprire di più su chi fosse.

Solutions Collecting From Web of "Scheletri nell'armadio"