Scelte difficili a seguito della destabilizzazione bipolare

Google images
Fonte: immagini di Google

Al momento di questo post sul blog è agli inizi di luglio, circa sei settimane dopo la fine del semestre primaverile per la maggior parte delle università in tutto il paese. Una piccola percentuale di studenti iscritti con disturbo bipolare avrà dovuto ritirarsi dal punto di vista medico a causa delle scarse prestazioni scolastiche a causa dell'umore e dell'instabilità comportamentale. La scelta di prendere un ritiro medico di solito riflette la necessità di ridurre i fattori di stress situazionali, tornare ad un ambiente di supporto ed evitare l'impatto negativo sul proprio curriculum accademico. Un ritiro medico lascia anche persone senza crediti accumulati dal semestre in cui sono stati arruolati l'ultima volta.

La scorsa primavera ho visto due studenti universitari nel mio studio che erano troppo depressi per completare il semestre primaverile. Entrambi si ritirarono. Un terzo è stato riferito dopo essere stato ricoverato in ospedale alla fine del semestre a causa di una psicosi maniacale. Succede. E quando lo fa, il giovane adulto sente spesso un sacco di vergogna, imbarazzo, fallimento, e non così sorprendentemente, umore depresso.

Gli studenti con disturbo bipolare sentono già di avere un paio di scioperi contro di loro. La scelta di uscire prima della fine del semestre li fa sentire come se li avessero fatti saltare in aria. I loro timori di non essere in grado di funzionare come i loro pari neurotipici si sono materializzati. E ora sono fuori dal gioco, emarginati, chiedendosi cosa ci sarà dopo.

Riuscire a cavallo non è un semplice sforzo. Forse la strategia peggiore è che lo studente concluda che ha solo bisogno di rispolverare se stesso, di prendere in mano i regni e di resistere più strettamente. Invece, lo studente deve imparare a guidare in modo diverso. Ma prima di parlare di recupero, diamo un'occhiata a due esempi molto diversi di ritiro medico a causa della destabilizzazione bipolare.

Jonathan era a metà strada durante il semestre autunnale quando iniziò a sperimentare forti sintomi ipomaniacali nel corso di diversi giorni. Dopo tre giorni di sonno minimo, umore elevato, pensieri ruggenti e alta produttività, passò alla psicosi maniacale. Non poteva più sostenere il pensiero razionale lineare, le sue percezioni della realtà diventavano deliranti e il suo comportamento era sempre più disorganizzato e caotico. Jonathan è stato ricoverato in ospedale per cinque giorni mentre veniva trattato con un antipsicotico atipico.

La sua mania si risolse, ma al momento della dimissione dall'ospedale tornò a casa con una profonda depressione che durò quasi tre mesi prima che iniziasse a migliorare abbastanza da intravedere il potenziale di ripresa delle iscrizioni al college. Nei mesi estivi si sentiva pronto a testare la sua guarigione prendendo un paio di lezioni online. Avendo fatto relativamente bene in entrambi ha continuato a tornare alla sua università. Scelse saggiamente anche di iscriversi solo nove crediti per mantenere il suo livello di stress relativamente basso.

L'esperienza di Heather era molto diversa. È stata diagnosticata con bipolare II nel suo ultimo anno di scuola superiore a causa di una serie di brevi picchi ipomaniacali in seguito all'iniziazione di farmaci antidepressivi. Il suo umore e il ciclo del sonno hanno iniziato a appianare dopo aver sospeso l'antidepressivo e sostituito con uno stabilizzatore dell'umore.

Durante l'estate successiva alla laurea, i sintomi ipomaniacali di Heather sono tornati, ma in modo più graduale rispetto a quando era in Prozac. Era decisamente elevata, ma c'era poco che si sentiva allarmante o fuori controllo. A poche settimane dalla sua elevazione, il suo innalzamento dell'umore positivo passò a irritabilità forte e persistente. Durante la fine di luglio si sentiva costantemente al limite, tanto che il pensiero di affrontare il suo primo semestre di college era scoraggiante. Voleva solo essere lasciata in pace. Ma la fine di agosto arrivò, così come l'inizio del suo primo anno al college. A metà settembre l'irritabilità di Heather passò all'umore per lo più depresso, a bassa energia, bassa motivazione e difficoltà di attenzione e concentrazione. La sua capacità di gestire accademici è stata significativamente compromessa. Si era ritirata da un punto di vista interpersonale e aveva percepito di aver perso la barca nell'esperienza del primo anno. All'inizio di novembre ha preso la decisione di ritirarsi da scuola e tornare a casa.

Heather ha sperimentato una ripresa molto più rapida di Jonathan. Piuttosto che essere depressa, fu molto sollevata una volta che le richieste accademiche e le complessità sociali del college erano fuori dal suo piatto. Entro un paio di settimane tornò a sentirsi normale e all'inizio di dicembre pensò di essere pronta a tornare per il semestre invernale. Ha anche falsamente concluso che non aveva bisogno di prendere i suoi farmaci perché non c'erano sintomi attuali che richiedessero un trattamento.

Heather sapeva che sarebbe entrata nel secondo semestre con un sacco di recupero. Sapeva che avrebbe dovuto lavorare sodo per sviluppare una rete di amici. Si sentiva spinta e non voleva andare troppo indietro con la sua progressione accademica. Una parte di ciò che era successo a casa era che ricollegava Heather con i suoi ricordi del successo del liceo, di cui ce n'erano molti. Si convinse che se fosse riuscita a stabilire abbastanza autodisciplina e impegno, allora forse i suoi ultimi sei mesi di instabilità potrebbero diventare eventi del suo passato piuttosto che qualcosa che avrebbe portato nel suo futuro.

A prima vista, il lettore può percepire questa situazione a bassa acuità e rapida guarigione come preferibile … e dal punto di vista dell'acuità dei sintomi da lieve a più forte, lo è. Dopo tutto, il quadro prognostico a lungo termine è più positivo quando il decorso precoce del disturbo bipolare non comporta sintomi di acuità elevata. Ma un episodio di bassa acuità può effettivamente comportare un maggiore rischio di recidiva, in quanto il giovane adulto può essere più incline a ridurre al minimo il ruolo svolto dal bipolarismo nel contribuire all'esito del ritiro medico.

Nei post precedenti del blog ho affrontato i modi in cui il bipolare II può essere effettivamente più impegnativo da gestire rispetto al bipolare I. Instabilità dell'umore da lieve a moderato mette le cose fuori equilibrio quel tanto che le prestazioni accademiche subiscono un impatto negativo. Lo stress e l'ansia peggiorano la situazione. Lo studente non può salvare il semestre e successivamente si ritira dall'iscrizione. Una volta che la tempesta è passata, il potenziale di ricaduta è ridotto al minimo al servizio del rifiuto e lo studente si avvicina al prossimo semestre con aspettative ingenue. Ma la buona notizia qui (o forse la cattiva notizia – a seconda di come la si guarda), è che l'ingenuità o il pio desiderio che vediamo nella storia di Heather non sopravviveranno probabilmente a futuri attacchi di ricaduta. Se Heather torna al secondo semestre solo per ripetere ciò che sperava di evitare, sarà più difficile per lei far rivivere la stessa strategia di desiderare di tornare a un benessere non bipolare.

L'esperienza dolorosa è un insegnante potente e una volta che il disordine bipolare arriva sulla scena tende a non andare via, a meno che non sia bipolare. La malattia di solito fa un buon lavoro ricordando allo studente universitario di imparare a convivere con il disturbo. È anche importante riconoscere che, indipendentemente dall'acuità dell'episodio – depresso, altamente elevato, intensamente irritabile, psicotico – il periodo di tempo in cui i sintomi dell'umore sono diminuiti è quello in cui il cervello si sta riprendendo. Lo paragono a una distorsione alla caviglia. Non ti rialzi e inizi a correre o camminare normalmente. Il recupero richiede tempo, così come il ritorno al normale funzionamento dopo una forte instabilità dell'umore.

Le storie di Jonathan e Heather descrivono due lati opposti di un ampio continuum. C'è anche molto che si verifica nel mezzo dove i sintomi bipolari possono non essere abbastanza acuti da richiedere il ricovero, ma non sono abbastanza lievi da essere facilmente liquidati. In effetti, il più delle volte, quando è necessario un ritiro medico dall'iscrizione, l'unico grande ostacolo al ritorno a scuola dello studente è che non tiene in adeguata considerazione l'importanza di ciò che è appena accaduto e di cosa ha bisogno cambiare quando lui o lei ritorna nell'ambiente accademico.

All'indomani di un ritiro medico, lo studente e la famiglia dello studente si trovano di fronte a molteplici scelte che riguardano il processo di recupero e il ritorno dello studente all'ambiente accademico. Alcuni di questi sono indirizzati qui sotto:

1) Per quanto tempo uno studente deve rimanere fuori dalle iscrizioni?

Non esiste una risposta valida per tutti a questa domanda. L'umore dello studente dovrebbe essere stabilizzato – relativamente stabile senza significativa depressione o elevazione. La capacità dello studente di studiare e svolgere attività accademiche dovrebbe essere vicina alla capacità funzionale quando si trova in condizioni di media distanza. Il conseguimento di questo di solito richiede che allo studente venga prescritta una combinazione di farmaci psicotropi. Il periodo di tempo necessario per raggiungere la stabilità sarà correlato all'acume dei sintomi e alla capacità di risposta ai farmaci, che sono entrambi individualmente specifici.

La mia esperienza con la popolazione universitaria è che gli obiettivi di cui sopra possono richiedere tra pochi mesi fino a un intero anno da raggiungere. Mi preoccupo quando vedo uno studente o la famiglia dello studente che cerca di affrettare il processo a causa di fattori esterni, come quando inizia il prossimo semestre o limitazioni al tempo in cui uno studente può rimanere fuori dall'iscrizione e può ancora beneficiare della borsa di studio. Certo, queste non sono cose insignificanti, in particolare i finanziamenti per le borse di studio, ma le conseguenze negative del ritorno prematuro allo studio a tempo pieno supereranno quasi sempre i problemi di finanziamento. Inoltre, diventano irrilevanti se non si è in grado di funzionare adeguatamente nell'ambiente universitario.

2) Ci sono circostanze in cui il ritorno a scuola prima del pieno recupero può essere preferibile al rimanere a casa per un periodo di tempo?

Nella maggior parte delle situazioni penso che la risposta sia no. Se lo studente è ancora instabile, non ci dovrebbe essere alcuna considerazione realistica per areturn a scuola. Le università e le università non sono intercambiabili con il trattamento residenziale e non ci si può aspettare che assumano il compito di stabilizzare e monitorare uno studente che è ancora nelle prime fasi della ripresa. Il ritorno prematuro alla registrazione è una configurazione per il fallimento.

Ma vediamo mai eccezioni? A volte, sì …

Prendi in considerazione la situazione di Virginia: è una studentessa del terzo anno che si è ritirata dalle iscrizioni a fine marzo. Vive con i suoi genitori nel bel mezzo della campagna in cui non ha accesso ai fornitori che sono esperti in trattamento bipolare. Una volta al mese da marzo, Virginia ha viaggiato per qualche ora a piedi, nella sua città universitaria, per incontrare il suo psichiatra privato. Attualmente la Virginia è solo debolmente depressa, ma tutte le altre aree del suo funzionamento sono buone. Il suo sonno è stabile e ha tollerato le sue prescrizioni di Lamictal e Seroquel a basso dosaggio senza effetti collaterali notevoli. Se ritorna, l'università le consentirà di scendere sotto il carico a tempo pieno e iscriversi a nove crediti (tre corsi). Sarà anche in grado di partecipare a un gruppo di sostegno bipolare settimanale fornito dal Centro di consulenza universitario.

Virginia dovrebbe rimanere a casa nella fattoria di famiglia con scarso supporto e impegno oltre la sua connessione con i genitori, o dovrebbe tornare a un carico accademico a basso stress, ricevendo anche un buon supporto professionale e una guida in relazione alla sua condizione bipolare? Questa è una situazione in cui anche se Virginia non è ancora libera dai sintomi, potrebbe comunque preferire continuare con l'arruolamento piuttosto che sedersi per un ulteriore semestre. L'opzione è almeno degna di considerazione.

3) Quali tipi di attività sono utili per il recupero dello studente a casa?

Simile alla domanda n. 1, è difficile generalizzare qui poiché le situazioni a casa degli studenti variano molto. Detto questo, il ritmo dell'incarico dovrebbe essere guidato dalle capacità emergenti dello studente. Se uno studente è appena stato dimesso da un ospedale psichiatrico, le basi come il sonno sano, l'esercizio fisico, una buona dieta e il rilassamento possono essere ideali all'interno dell'ambiente domestico durante il periodo iniziale di recupero. Una volta che si inizia a guadagnare più forza e, in particolare, quando il funzionamento cognitivo inizia a tornare alla normalità, aumentare il coinvolgimento con il mondo è una buona cosa. La scelta di Jonathan di fare alcuni corsi on-line era intelligente. Se Heather fosse stata meno impaziente, allora avrebbe potuto provare i corsi di un semestre nel suo college della comunità locale. Anche un lavoro part-time può essere una buona scelta.

Quello che gli studenti devono evitare, specialmente quando cominciano a sentirsi meglio, è seduto e non fa nulla. Questo fa poco per aiutare a ricostruire l'autostima e non fornisce allo studente alcuna indicazione su cosa fare dopo. È importante ricordare che il tempo lontano da scuola non comporta solo il recupero. È anche il momento di ristabilire la forza e la capacità di recupero.

4) Lo studente dovrebbe tornare alla stessa università o eventualmente prendere in considerazione opzioni alternative?

Ci sono molti problemi da prendere in considerazione qui. Il più forte è se tornare in un ambiente lo studente può avere successo nel mantenere uno stile di vita sano. Ciò comporta la qualità dell'ambiente di vita, come ad esempio una stanza singola in un ambiente tranquillo che supporta il mantenimento di un'igiene del sonno sana evitando droghe e alcol. La vita sana è un prerequisito per la stabilità dell'umore bipolare ed è fondamentale che tale possa essere raggiunto presso l'università di scelta dello studente.

Inoltre, alcune università hanno semplicemente servizi di supporto agli studenti migliori di altri. Per lo studente con disturbo bipolare questa è una parte importante della "bontà di adattamento" che lo studente dovrebbe cercare. Se i servizi di supporto dell'università, in particolare i servizi di psichiatria o di salute mentale degli studenti non sono ben equipaggiati e la comunità locale non dispone di valide alternative, potrebbe essere preferibile che lo studente si trasferisca in una scuola con un profilo più forte di servizi di supporto agli studenti.

A volte la distanza da casa è anche qualcosa che dovrebbe essere preso in considerazione nella decisione collegiale. Se lo studente frequenta un'università fuori dallo stato e la distanza di viaggio è piuttosto lontana, potrebbe essere più saggio per lo studente prendere in considerazione le opzioni più vicine a casa, in modo che il supporto familiare possa essere più facilmente disponibile.

5) Quali sono lo stile di vita e le componenti del trattamento che lo studente dovrebbe avere in atto per ridurre le possibilità di recidiva?

I componenti chiave sono:

  • Un ambiente che favorisce la creazione di un ciclo del sonno coerente e stabile
  • Uso minimo di droghe e / o alcol.
  • Esercizio fisico regolare: almeno tre o quattro volte alla settimana. Questo punto va di pari passo con lo sviluppo intenzionale di metodi efficaci per la gestione dello stress. Ogni studente ha bisogno di trovare ciò che funziona. Per alcuni, l'esercizio fa il trucco; per altri è yoga, meditazione, suonare uno strumento o semplicemente diventare magistrale nella pianificazione e nell'organizzazione del proprio approccio allo studio. È importante riconoscere che quando si frequenta l'università con disturbo bipolare, lo stress può essere un fattore scatenante per l'instabilità ricorrente dell'umore.
  • Accesso relativamente facile ai servizi di psichiatria e psicoterapia. Ci sono alcuni college e università in cui la maggior parte degli studenti con bisogni psichiatrici in corso viene indirizzata fuori dal campus per il trattamento. Non sono necessariamente d'accordo con questa strategia, ma è una realtà che alcuni studenti incontreranno. Se si è in grado di trovare un buon gruppo di trattamento (psichiatra e psicoterapeuta) che sia reattivo e competente nel trattare il disturbo bipolare, allora può essere una valida alternativa all'utilizzo delle risorse universitarie di salute mentale.
  • Accesso a un gruppo di supporto bipolare di studenti del campus. Oltre alle buone scelte di farmaci e aderendo alle basi della vita sana, questa può essere una delle scelte più utili là fuori per uno studente con disturbo bipolare. E se il Centro di consulenza universitaria non ha un gruppo di sostegno bipolare attivo, consiglierei persino di incontrare il direttore del Centro di consulenza e di richiederne l'aggiunta.
  • Una cultura amministrativa universitaria che offre una buona e forte difesa per gli studenti con problemi di salute mentale. Gli uffici solitamente coinvolti sono i Servizi per gli studenti disabili, l'ufficio del decano degli studenti e il / i decano / i accademico / i dello studente.

L'ultima domanda che voglio affrontare è se c'è qualche danno nel prendere un periodo di tempo più lungo – più lungo di quattro anni – per completare la propria educazione universitaria?

La risposta è inequivocabilmente no!

Non c'è gara al traguardo. Per alcuni il processo potrebbe richiedere più tempo rispetto ad altri. La vita, con tutte le sue possibilità ancora attende, se ci vogliono quattro anni e mezzo o sei anni per guadagnare una laurea. Le scuole di specializzazione non rifiuteranno qualcuno di due anni più vecchio della maggior parte dei laureati, né i datori di lavoro, né gli amici, né i potenziali coniugi. Il tema importante di tutto questo è di curare te stesso dolcemente e di riconoscere che il tuo disturbo bipolare creerà probabilmente una traiettoria di vita diversa rispetto a quella che non avresti avuto in primo luogo. Non è un pensiero divertente, ma è ciò che è reale. Il tuo compito è di fare gli adattamenti appropriati che produrranno buoni risultati.

_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

Russ Federman, Ph.D., ABPP è uno studio privato a Charlottesville, VA (www.RussFederman.com). È coautore di Facing Bipolar: la guida del giovane adulto alla gestione del disturbo bipolare (New Harbinger Publications). www.BipolarYoungAdult.com

Solutions Collecting From Web of "Scelte difficili a seguito della destabilizzazione bipolare"