Scegli i tuoi amici con cura: Evita sensi di colpa per associazione

Viviamo in una società piena di opportunità per aderire ad associazioni, club e gruppi di ogni tipo. Quasi tutti i siti Web che visitiamo ci offrono l'opportunità di unire qualche tipo di iscrizione o elenco di e-mail.

Mettiamo in mostra le nostre affiliazioni con i distintivi, a volte selezionandone uno diverso ogni giorno a seconda del nostro programma di riunioni ed eventi. Alcune persone hanno cassetti pieni di spille e pulsanti che mostrano la varietà di gruppi a cui appartengono. Non tutte le associazioni, tuttavia, sono positive.

Come pubblico ministero, una delle cose che vedo spesso è che le persone buone prendono decisioni sbagliate. Ciò comporta spesso la ricerca dell'azienda sbagliata per le giuste motivazioni. Esempi eccellenti di questo includono un giovane che sceglie di correre con la folla sbagliata, o un adulto che si unisce al tipo sbagliato di organizzazione, al fine di soddisfare un sano desiderio che tutti condividiamo: il bisogno di appartenere.

Per quanto siamo diversi, vogliamo tutti essere parte di una rete più ampia. Vogliamo far parte di un gruppo. Il bisogno di appartenere permea tutti gli aspetti del comportamento sociale e interpersonale. [1] Può coltivare il lavoro di squadra, favorire la conformità a norme sociali sane e può ispirare individui benintenzionati a unirsi ad attività altruistiche. Sfortunatamente, può anche portare all'affiliazione con tipi di persone sbagliati.

Ciò accade perché a volte anche gruppi e associazioni malsani appaiono attraenti. Quando un gruppo è visto come desiderabile, l'unità di affiliazione include spesso l'accettazione di caratteristiche di gruppo come parte del proprio concetto di sé, anche se il gruppo è una comunità criminale. [2]

In questi casi, le persone possono perdere i segnali premonitori che indicano che il gruppo non è così desiderabile come sembra. È particolarmente probabile che le persone perdano o interpretino erroneamente le bandiere rosse quando il loro bisogno di appartenenza è insoddisfatto . Il desiderio insoddisfatto di affiliazione genera un pregiudizio di positività, inducendo le persone a vedere il comportamento degli altri con uno spin più positivo di quello che merita. [3]

Ho visto questo fenomeno suonare in una varietà di scenari. Eccone alcuni.

Born to Belong: Validation by Association

Lo studente che desidera disperatamente di diventare parte della folla "in" potrebbe permettersi di essere sfruttato dai coetanei che possono concederle un tale status per associazione – in cambio di fare i compiti per loro. Il collaboratore che vuole essere incluso nei pranzi di gruppo o nelle ore felici dopo il lavoro potrebbe essere disposto a coprire un turno come un favore per coloro che pianificano abitualmente e invitano altri a partecipare a tali eventi.

Nel mio mondo come procuratore, vedo che il desiderio di affiliazione genera associazioni molto più oscure, che spesso conducono a comportamenti criminali. Spesso deriva dalla convalida che le persone ricevono attraverso l'associazione.

Molti giovani si uniscono alle bande per non perseguire il loro sogno di partecipare alla caccia con le sparatorie, ma per acquisire un senso di appartenenza. Le giovani donne potrebbero essere coinvolte con il tipo sbagliato di amici per ragioni simili. Per condividere un esempio controverso, la ricerca rivela che alcune giovani donne, che ci crediate o no, scelgono di prostituirsi perché la loro "famiglia di strada" si prende cura di loro, presta attenzione a loro e le fa sentire accudite. [4]

Le persone vogliono anche appartenere a gruppi potenti. [5] Questo tipo di associazione può elevare l'autostima o fornire un senso di identità o distinzione. [6]   Le persone che appartengono a gruppi potenti sono considerate più favorevolmente e credono di avere tratti più positivi delle persone con associazioni meno potenti. [7]

L'attrazione della missione e l'appartenenza

Non sono solo i gruppi criminali a predicare il bisogno di appartenere. Reclutatori organizzativi di tutti i tipi si occupano di questo bisogno. I gruppi precedentemente conosciuti come culti, [8] ad esempio, sono noti per "bombardamenti amorosi" che mettono sotto pressione i potenziali membri con affermazioni premurose [9] che creano un senso di sicurezza e appartenenza. [10] Questi tipi di gruppi possono far sentire i membri importanti, compresi, preziosi e amati, a volte per la prima volta nella loro vita.

I gruppi politici e ideologici attraggono anche i membri facendoli sentire importanti e preziosi enfatizzando i loro diritti, opinioni e punti di vista. Lavoro in un edificio per uffici nel mezzo di una grande città, spesso vedo (e sento) la forza di questi gruppi. Il canto può raggiungere proporzioni assordanti mentre le moltitudini procedono attraverso le vie del centro, spesso fiancheggiate da guardie delle forze dell'ordine.

Cosa stanno protestando? Che ci crediate o no, alcuni dei partecipanti non sono sicuri. Lo so perché ho chiesto loro. Mentre la maggior parte ha un'idea generale di ciò che il loro gruppo rappresenta, alcuni non possono articolare il punto del raduno, o quello che stanno cercando di realizzare. Quello che sanno, è che marcia e tiene segni, cantando davanti alle telecamere della TV è potere. Sono incoraggiati dal potere in numero e perseguono una causa come parte di un gruppo.

Dietro le quinte: avvistare le bandiere rosse

Come dunque, dato il senso di affermazione e di empowerment fornito attraverso la soddisfazione del bisogno di appartenere, si può evitare di unirsi al gruppo sbagliato per le giuste motivazioni? Oltre alle ovvie opportunità di sfruttare la facilità della ricerca online, possiamo anche rimanere attenti ai segnali, sia verbali che comportamentali, utilizzati dai reclutatori. Alcuni sono focalizzati su altri, cercano altruisticamente di incoraggiare le persone a unirsi al gruppo a proprio vantaggio, come nel caso di molti gruppi religiosi. Altri reclutatori incarnano la ricerca egoistica di sollecitare nuovi membri al fine di aumentare il numero di membri del gruppo.

Per quanto riguarda lo stile di vita e le associazioni, alcuni gruppi organizzano incontri aperti, invitando il pubblico in generale, mentre altri cercano di isolare i loro membri. [11] Probabilmente non si tratta di un lampo di notizie per sentire che le agende e le missioni segrete sono di solito sospette, mentre le organizzazioni legittime sono trasparenti riguardo alla loro missione, ai loro membri e al loro messaggio.

La linea di fondo è che l'appartenenza al gruppo può essere sia soddisfacente che stimolante, portando a sane associazioni e cambiamenti positivi. Assicurati che i club, i gruppi e le altre associazioni che tu e la tua famiglia decidete di aderire siano validi come sembrano prima di inviare la vostra domanda di iscrizione vi aiuterà a unirvi ai gruppi giusti per i giusti motivi.

[1] Mark R. Leary e Ashley Batts Allen, "Appartenenza alla motivazione: stabilire, mantenere e riparare il valore relazionale", nella motivazione sociale , ed. di David Dunning (New York: Psychology Press, 2011), 37-55 (37-38). Vedi anche Roy F. Baumeister e Mark R. Leary, "Il bisogno di appartenenza: il desiderio di attaccamenti interpersonali come motivazione umana fondamentale", Bollettino psicologico 117, n. 3 (1995): 497-529.

[2] Erica B. Slotter e Wendi L. Gardner, "I pericoli della datazione del 'Bad Boy' (o ragazza): quando il desiderio romantico ci incoraggia ad accettare le qualità negative dei potenziali partner," Journal of Experimental Social Psychology 48 (2012): 1173-1178 (1173), doi: 10.1016 / j.jesp.2012.05.007 (citando ad esempio Mashek, Stuewig, Furukawa e Tangney, 2006).

[3] SoYon Rim, Kate E. Min, James S. Uleman, Tanya L. Chartrand e Donal E. Carlston, "Vedere gli altri attraverso occhiali colorati di rosa: un obiettivo di affiliazione e pregiudizi di positività nelle impressioni dei tratti impliciti", Journal of Experimental Social Psychology 49 (2013): 1204-1209 (1208), http://dx.doi.org/10/1016/j.jesp.2013.05.007.

[4] Susan McIntyre, "La professione più giovane – L'oppressione più antica: uno studio sul lavoro sessuale", in abusi sessuali su minori e autori di reati per adulti: nuova teoria e ricerca , ed. di Christopher Bagley e Kanka Mallick (Aldershot: Ashgate, 1999), 159-192 (160).

[5] Kai Sassenberg, Kai J. Jonas, James Y. Shah e Paige C. Brazy, "Perché alcuni gruppi semplicemente si sentono meglio: l'adattamento normativo del potere di gruppo", Journal of Personality and Social Psychology 92, no. 2 (2007): 249-267 (249), doi: 1-.1037 / 0022-3514.92.2.249. Sassenberg et al. si noti anche il fenomeno degli individui che cercano di affiliarsi a gruppi di potere inferiore. Sassenberg et al., "Perché alcuni gruppi semplicemente si sentono meglio", 249.

[6] Sassenberg et al., "Perché alcuni gruppi si sentono meglio", 249 (citando Fein and Spencer, 1997; Gaertner, Sedikides e Graetz, 1999, Tajfel e Turner, 1979).

[7] Markus Brauer e Richard Y. Bourhis, "Social Power", European Journal of Social Psychology 36 (2006): 601-616 (608-609).

[8] Anche ora comunemente indicato come nuovi movimenti religiosi .

[9] Peter C. Moore, disarmando gli dei secolari; Come parlare di ciò che gli scettici ascolteranno (Downers Grove: InterVarsity Press, 1989), 21.

[10] Raphael Aron, Cults, Terror e Mind Control (Point Richmond: Bay Tree Publishing, LLC, 2009), 68.

[11] Ad esempio, a differenza delle chiese principali, alcune sette isolano la loro appartenenza da idee contrarie all'insegnamento del culto. Harry Hazel, The Power of Persuasion , 2a ed., (Eugene: Wipf & Stock Publishers, 1989), 91.

Solutions Collecting From Web of "Scegli i tuoi amici con cura: Evita sensi di colpa per associazione"