sbarco

Mi mancherà la signora Analyst. Credo.

In realtà, non sono sicuro, e probabilmente è una buona cosa. Mercoledì scorso sono arrivato alla nostra sessione programmata regolarmente e finalmente sono riuscito a realizzare qualcosa che mi era sembrato impossibile da fare: le ho detto che stavo sbarcando dalla psicoanalisi (o "terminando" come a loro piace dire in biz) e 45 minuti più tardi, quando me ne sono andato, ha resistito. Potrebbe non essere d'accordo con me, ma questa volta, la signora Analista non ha potuto impedirmi di seguire.

Ora, dopo quattro anni di lavoro insieme, una volta a settimana per 15 mesi e poi 3 volte a settimana da luglio 2008, rimangono solo sei sessioni insieme. È eccitante. È snervante. È soddisfacente È confusionario. È emotivamente travolgente. È tempo.

Perché ora
All'inizio sembrava che fosse solo il mondo esterno a spingermi a dare all'analisi un grande, grande riposo. Le aziende in cui sono coinvolto crescono, lentamente ma inesorabilmente, e le quattro ore settimanali che ho inserito in PSA (contando il tempo di viaggio) – ovvero 16 ore al mese, o due intere giornate di lavoro – non sono mai sembrate così preziose. Anche la deviazione dei fondi che attualmente vanno in analisi verso tutti gli altri bisogni della mia famiglia è una priorità. Ogni centesimo che abbia mai speso per la mia terapia è valso la pena, ma dopo un po ', può sicuramente sembrare che quelle bollette si sommano.

Ma qualcosa di altrettanto importante stava convergendo con lo stress quotidiano che orologi e dollari possono metterci addosso: ero certo di essere pronto. Quando ho incontrato la signora Analyst per la prima volta in un giorno di marzo del 2007, avevo degli obiettivi chiari e chiari da raggiungere, ma c'era così tanto altro che non sapevo fosse avanti: grandi cambiamenti mi aspettavano di fare, circuiti frantumati in il mio cervello sarebbe stato ricablato in modo elettrizzante, avevo delle dimensioni non scoperte della consapevolezza e della realtà in cui penetrare.

L'abbraccio empatico di una diade efficace mi stava di fronte. Un paziente determinato e un terapista di classe galattica – che credo fermamente che la signora Analyst sia – lavorare insieme può spostare le montagne, una sessione alla volta. E l'abbiamo fatto.

Capisci?
Con il riscaldamento della pressione, la mia mente scattò in posizione poco prima di quella sessione: oggi era il D Day (Sbarco, cioè), una volta per tutte. E questo è esattamente quello che le ho detto.

La signora Analyst ha visto in modo diverso. Per lei, la mia decisione di abbandonare l'analisi era parte di uno schema prevedibile: avvicinarsi a disagio alla mia oscurità interiore, poi fuggire. "Non sono sorpreso che tu voglia terminare ora", ha detto. "Ci eravamo appena avvicinati all'abisso, scendendo verso il basso e avvicinandoci a cose che potrebbero essere molto difficili da affrontare. Diverse volte in passato, questo è il momento in cui è venuta la voglia di correre. Ora lo stai facendo di nuovo, ma non penso che abbiamo finito. "

Aveva già detto cose del genere prima, e in passato il risultato era sempre stato un'ansia travolgente che mi ha dato troppa pausa per lasciare definitivamente The Pod. Sentendomi perplesso e sconfitto, sarei a malincuore d'accordo, rimani … e abbastanza sicuro, sarebbero nate importanti progressioni nelle settimane o nei mesi successivi.

Ma non questa volta. Le mie preoccupazioni pratiche e reali erano un fattore, ma c'è qualcos'altro che mi ha reso capace di attenermi alle mie armi, e sbarcare per davvero dalla psicoanalisi. Questo perché, come ho detto, è ora . Non posso provarlo, e il Signore sa che ho provato a deporlo logicamente per la signora Analyst nelle due sessioni da quando, senza successo.

Ma so quello che so, e so di aver guadagnato dozzine di potenti strumenti mentali ai miei tempi con la signora Analyst, e ora sono pronto a metterli alla prova. È arrivato il momento di prendere tutto nelle mie mani. È spaventoso, ma anche estremamente potente. Sembra davvero buono. E la signora Analyst ha fatto il lavoro che le ho chiesto di fare – voglio che anche a lei piaccia.

Ritorno alla vita
Nel lontano giorno in cui ho iniziato la psicoterapia – questa pratica meravigliosamente bizzarra di raccontare la tua storia di vita che si sta svolgendo a un ascoltatore appositamente formato – ho avuto molte aspettative su cosa sarebbe successo quando sarebbe giunto il momento di separarci (se mai l'avesse fatto ).

Avremmo fluttuato, zen-soaked, a mezz'aria nelle nostre sessioni finali. Sarei un miliardario. Tutte le mie domande su di me riceveranno risposta. Saremmo telepaticamente, d'accordo simultaneamente che il nostro tempo strabiliante insieme potrebbe finire delicatamente fino a fermarsi.

Ma non c'è stato niente di tutto ciò, ovviamente. Vedo ora che è impossibile prevedere come finirà la tua psicoanalisi. Ci sono un milione di modi diversi per sentirsi. Posso solo chiedermi che altro passerò attraverso queste sei sessioni che chiuderanno il mese di marzo e questo capitolo costruttivo della mia vita. Farò molta attenzione e sarò sicuro di farti sapere come vanno.

Come immagini gli ultimi giorni della tua terapia? Come saprai quando dire quando? Come sto scoprendo, la fine del viaggio è davvero solo l'inizio.

Mr. Analysand

Solutions Collecting From Web of "sbarco"