"Sapevo molto di più di felicità quando avevo 8 anni che imparavo in decadi da seguire!"

Intervista: Lori Deschene .

Karl Staib of Work La fama di Happy Now è stata così gentile da fare una e-introduzione per me e Lori Deschene, che ha il grande sito Tiny Buddha – "saggezza semplice per vite complesse". Una delle mie risoluzioni del progetto di felicità è di riunire le persone e certamente apprezzo essere il beneficiario quando qualcun altro segue quella risoluzione. Io e Lori scriviamo su molti degli stessi argomenti, da diverse prospettive, quindi ero molto desideroso di sentire cosa aveva da dire sulla felicità.

Gretchen: cos'è una semplice attività che ti rende più felice?
Lori: per me è lo yoga La sfida è che quando mi sento peggio, sono meno propenso ad andare in classe. Eppure, durante le lezioni, trasformo sempre radicalmente il mio stato mentale. Suppongo che sia vero per tutte le piccole cose che ci rendono felici: anche se non avessimo voglia di farlo, dobbiamo aver fiducia che ne valga la pena per superare quel disagio.

Che cosa sai ora della felicità che non sapevi quando avevi 18 anni?
Che sapessi molto di più della felicità quando avevo 8 anni di quanto avrei imparato in decenni a seguire! Le più grandi cause della mia infelicità (e immagino la maggior parte della gente) sono i miei pensieri e sentimenti da scappare. A volte li faccio ammucchiare nella mia testa e poi mi chiedo perché mi sento così sopraffatto. Quando ero un ragazzino, ero molto più propenso ad agire per prima e poi a stufare, che si trattasse di suonare al parco, di cantare nel cortile o di correre con le braccia che si agitano come Phoebe nel mio episodio preferito di Friends .

Ho trascorso la maggior parte dei miei 20 anni cercando di imparare la felicità, studiando la psicologia e la scienza. Ora che ho fatto tutto questo, mi rendo conto che la mia felicità è legata alla mia volontà di smettere di guardare e iniziare a fare, proprio come ho fatto prima di decidere di risolvere un problema basato sul pensiero con più pensiero.

C'è qualcosa che ti ritrovi a fare ripetutamente che ti ostacola la tua felicità?
Storicamente, ho creato un sacco di dolore per me stesso, soffermandomi sul passato e ossessionato dal futuro. Il primo era un grosso problema per me. Stavo sempre rielaborando gli errori che ho fatto e mi vergognavo, o ricordavo qualcun altro e mi sentivo arrabbiato.

Poi tutto si è spostato sulle mie fantasie di quell'elusivo perfetto domani, quando tutto è magicamente migliore e le condizioni giuste per la felicità.

Al giorno d'oggi non sono più un abitante, ma ho ancora la tendenza a difendermi dai potenziali esiti negativi. La più grande causa del mio dolore è stata la mia dedizione a evitarlo. I miei giorni più felici sono quando decido che qualunque cosa accadrà, posso gestirla, ma non sarà definita oggi.

C'è un mantra della felicità o un motto che hai trovato molto utile?
"Lascia andare". È una semplice frase che finiamo per rendere così complicato. Penso che sia come quella citazione di Yoda: fare o no; non c'è una prova. Non ci lasciamo mai veramente quando cerchiamo di … ci limitiamo a inventare delle scuse per resistere.

Lasciar andare è semplicemente lasciar andare: rilasciando il passato, il bisogno di controllare il futuro, le paure su ciò che potrebbe arrivare, le insicurezze su come si viene percepiti, la rabbia per qualcosa che ti ferisce, il senso di colpa per come ferisci qualcun altro.

L'elenco di auto-tortura mentale va avanti all'infinito, ed è tutta una grande tabella di marcia per l'infelicità. L'unica via da percorrere è lasciare andare la ruota.

Se ti senti blu, come ti dai una spinta di felicità? Oppure, come un "cibo di comodità", hai un'attività di conforto? (Il mio sta leggendo libri per bambini).
Sono un grande fan dei bagnoschiuma – Prendo una quantità folle. Ho una strana intolleranza al calore, quindi di solito sono piuttosto calde. Sono anche un grande fan delle pedicure perché si ottiene l'acqua calda ai propri piedi e si può sedere su una poltrona da massaggio. Queste due cose mi portano sempre fuori dalla mia testa e nel mio corpo.

C'è qualcosa che vedi le persone intorno a te che fanno o dicono che aggiunge molto alla loro felicità o che toglie molto alla loro felicità?
Alcune delle parole che ho notato correlano con la felicità includono: eccitato, passionale, riconoscente, possibile.

Le parole che spesso sono correlate con l'infelicità includono: non posso, non dovrei, desiderare, spero di sapere che quelle ultime due potrebbero sembrare fuori luogo, ma ho scoperto che quando le persone desiderano e sperano in cose che hanno meno probabilità di potenziare se stessi e lavorare verso di loro.

Hai sempre sentito lo stesso livello di felicità o hai passato un periodo in cui ti sentivi eccezionalmente felice o infelice? In caso affermativo, perché? Se eri infelice, come sei diventato più felice?
Ho attraversato un periodo molto oscuro della mia vita nella mia adolescenza, e poi ho trascorso l'inizio dei miei 20 anni cercando di allontanarmi da quel posto, letteralmente. Mi sono trasferito molto e ho girato il paese con campagne di marketing nel tentativo di correre più veloce di me stesso.

Anche mentre mi trapiantavo in tutti gli Stati Uniti, mi sono isolato, sentendomi non fiducioso nella mia capacità di essere parte del mondo e di creare relazioni reali.

Non volevo ferire, e ritirarmi all'interno mi sembrava il modo più sicuro per evitarlo, ma quella probabilità appena spostata: era meno probabile che qualcun altro mi avrebbe ferito, ma molto più probabilmente mi sarei torturato.

Allora, ho trovato l'orgoglio nella mia identità da combattente, che ero forte e che nessuno poteva farmi del male. Sebbene sia stato un lungo viaggio di due passi avanti e un passo indietro, mi rendo conto che c'è stato un importante cambiamento di prospettiva.

Ora sono orgoglioso di essere amorevole; e in qualche modo senza mai scegliere attivamente, ho iniziato ad amare me stesso. Credo di aver scelto un piccolo passo alla volta, e nel farlo mi sono guadagnato la mia ammirazione e il mio rispetto.

Questo è ciò che mi rende più felice. Non sento più un profondo bisogno di essere qualcuno migliore di quello che sono. Potrei non sempre amare le mie circostanze, ma non odio più la persona nel mezzo di esse. A volte mi cado addosso, ma alla fine mi prendo cura di me.

Lavori per essere più felice? Se é cosi, come?
Guardo le cose in modo leggermente diverso ora. Non sto cercando di essere più felice; Sto solo mirando a sentirmi bene più spesso di quanto mi sento male, e lavoro con le mie scelte quotidiane. Nel secondo voglio essere più felice di me, ho ridotto al minimo le mie potenzialità per provare gioia adesso. Di recente ho scritto di questo nel mio post The One New Year's Resolution That Creates Lasting Change.

Sei mai stato sorpreso che qualcosa che ti aspettavi ti rendesse molto felice, non-o viceversa?
Sì, più volte! Per anni tutto è stato una grande delusione perché avevo aspettative irrealistiche su cosa avrebbe potuto ottenere per me. Nessun obiettivo, sogno o realizzazione può compensare una profonda sensazione di vuoto e auto insoddisfazione. L'unico modo per riempire quel buco è da dentro, ed è una pratica a vita. Non saremo mai felici "dopo le immagini". Accettando ciò ed eliminando la pressione per scoprire una profonda felicità, ho trovato, rimuove un enorme ostacolo alla semplice gioia.

* Iscriviti per il momento della felicità , e ogni mattina nei giorni feriali, riceverai un preventivo di felicità nella casella di posta elettronica. Iscriviti qui o inviami un'email a gretchenrubin1 a gmail dot com (non dimenticare il "1"). Sono elettrizzato dalla risposta a questo: l'ho iniziato solo poche settimane fa e più di quindicimila persone si sono già iscritte.

Solutions Collecting From Web of ""Sapevo molto di più di felicità quando avevo 8 anni che imparavo in decadi da seguire!""