Sangue che si rovescia sopra una statua di Lee

creative commons license
La statua di Robert E. Lee a Charlottesville, in Virginia
Fonte: licenza Creative Commons

Con la violenza che esplode nelle strade di Charlottesville questo fine settimana, un fatto importante è indiscutibile: la stragrande maggioranza dei manifestanti che cercano di salvare la statua di Robert E. Lee non sono appassionati di storia, ma suprematisti bianchi. Facendo convergere sulla statua che porta scudi e sventolando bandiere confederate, i manifestanti hanno recitato frasi come "Non ci sostituirai. Gli ebrei non ci sostituiranno ", e altri slogan neo-nazisti, secondo il New York Times.

Se ci fosse mai alcun dubbio sul significato psicologico dei monumenti confederati – o, per quel motivo, sui monumenti pubblici in generale – gli eventi a Charlottesville chiariscono. Statisticamente, molti di coloro che si oppongono così violentemente alla rimozione della statua di Lee probabilmente non hanno nemmeno una conoscenza rudimentale della storia della Guerra Civile. (Per metà americani, per esempio, non sanno nemmeno quando è avvenuta la guerra, e meno di uno su cinque capiscono cosa ha fatto la proclamazione di emancipazione.) Tuttavia, a causa del conflitto per la rimozione della statua, una persona è morta e almeno 34 sono feriti.

I simboli e le esibizioni pubbliche, in particolare, possono avere un significato enorme, perché le idee rappresentate dalle visualizzazioni pubbliche sono presumibilmente valide. Cioè, se il governo mantiene un monumento a qualcosa o qualcuno, il memoriale in questione deve rappresentare un'idea che meriti riconoscimento, un concetto che a un certo livello è accettabile o addirittura giusto. Questo è il motivo per cui i parchi pubblici negli Stati Uniti non sono abbelliti con statue di Mussolini o Hitler, né troverete busti di Stalin o Mao fuori dai nostri tribunali.

Per oltre un secolo, tuttavia, i simboli della Confederazione sono stati prominenti in tutto il sudamericano, dalle bandiere dei ribelli alle statue di Lee, Jefferson Davis e altri. Ci sono diversi motivi per questo, ma forse il più significativo è il fatto che per molti anni il governo federale non ha fatto alcuno sforzo per impedirlo, così le comunità del sud hanno potuto glorificare la causa persa della Confederazione come desideravano. Infatti, dopo il 1877, quando le truppe federali furono rimosse dal Sud in un accordo politico che lanciò l'era di Jim Crow, i suprematisti bianchi ricevettero un controllo incontrollato nel Sud.

Sarebbe stato comprensibile, naturalmente, se le comunità del sud avessero semplicemente eretto monumenti per riconoscere i nomi delle migliaia di giovani che avevano combattuto e morirono per la Confederazione, ma molti andarono molto oltre, costruendo monumenti e statue che onoravano i leader confederati. Così, per oltre un secolo, Lee, Davis e altri sono stati ritratti non come traditori, ma come eroi, mentre le bandiere e i monumenti confederati in onore dei leader della ribellione sono stati difesi come riconoscimento "patrimonio".

Oggi, tuttavia, è chiaro ciò che tali display simboleggiano. I suprematisti bianchi marciano per difendere la statua di Lee a Charlottesville perché rappresenta la convalida pubblica ufficiale del razzismo che sposano. La sua rimozione sarebbe un colpo drastico per la loro psiche e le visioni sconvenienti che hanno caro, perché alla fine concederebbe al mondo che l'idea fondamentale che Lee ha difeso – la superiorità razziale – è stata infine respinta anche nello stato che ha chiamato casa. (Prevedibilmente, alcuni sostengono che Lee e la Confederazione hanno combattuto per i diritti degli stati, non per la schiavitù, ma questa è un'affermazione superficiale: nemmeno i manifestanti di Charlottesville sostengono di essere motivati ​​dalla preoccupazione per i diritti degli stati).

Se non altro, gli eventi di Charlottesville mettono in luce il fatto che nell'America contemporanea vi è una maggiore consapevolezza che i memoriali che glorificano la Confederazione sono indifendibili. Oltre a ciò, tuttavia, la violenza basata sulle emozioni dovrebbe farci riflettere sull'importanza di pensare a come le manifestazioni pubbliche non solo possono unirci, ma dividerci anche noi.

Questo è il motivo per cui, ad esempio, i tentativi di erigere dieci monumenti comandamenti dovrebbero essere considerati tentativi politici e non innocui di riconoscere l'"eredità religiosa" dell'America come sostengono i difensori. (Suona familiare?) La maggior parte di noi non ci penserebbe due volte su una mostra di dieci comandamenti in una chiesa, ma un decalogo sulla proprietà pubblica trasmette un messaggio completamente diverso, un senso di convalida psicologica e politica per coloro che capita di vedere i Comandamenti come rappresentando le loro opinioni religiose. L'approvazione del governo da parte del Decalogo consente loro di vedere le loro opinioni religiose come aventi uno status culturale speciale. Implicito in questo, ovviamente, è la conclusione che altre credenze religiose mantengono lo status di seconda classe.

Negare l'importanza psicologica e politica delle manifestazioni pubbliche significa trascurare un aspetto vitale della vita nella nostra complessa e pluralistica società moderna. Quando il governo erige o mantiene un monumento, sostiene implicitamente le idee che lo stanno dietro. Pertanto, per evitare divisioni e conflitti, sarebbe saggio considerare attentamente la visualizzazione governativa di qualsiasi simbolo. Opere d'arte e altre rappresentazioni visive hanno il loro posto, ma nei luoghi governativi dovrebbero essere usate con cautela. La moderazione non solo evita i conflitti, ma incoraggia anche i cittadini a plasmare le proprie opinioni basandosi su un pensiero razionale e critico anziché sull'emozione.

Segui David Niose su Twitter: @ahadave

Foto di Cville dog, licenza Creative Commons

Solutions Collecting From Web of "Sangue che si rovescia sopra una statua di Lee"