SAMHSA, alternative e la disperazione dello psichiatra sullo stato della scienza americana

Nel mio ultimo post, ho raccontato della mia esperienza parlando alla conferenza Alternatives ad Anaheim, e della mia frustrazione – disperazione davvero – sul fatto che la nostra società potesse mai avere una discussione onesta sui meriti dei farmaci psichiatrici (e in particolare sui loro meriti a lungo termine. Questo blog ha innescato un numero considerevole di commenti da parte dei lettori, con molti che hanno espresso opinioni simili sull'eventualità che tale conversazione fosse possibile. E uno di quelli che hanno pubblicato un commento è stato il dott. Mark Ragins, lo psichiatra che ha parlato a Alternative in risposta al mio discorso. Le sue parole erano pensierose e importanti (e anche gentili), e sarebbe un peccato se si perdessero nel turbinio dei commenti dei lettori.

Per capire l'importanza dei suoi commenti, vorrei prima impostare il contesto scientifico.

In Anatomia di un'epidemia , pongo questa domanda: in che modo i farmaci psichiatrici influenzano il decorso a lungo termine dei disturbi psichiatrici? Cosa mostra la letteratura sui risultati?

Ora, mentre studi quella letteratura, dopo oltre 50 anni, trovi casi ripetuti in cui i ricercatori, in risposta alle loro scoperte, temono che i farmaci stiano peggiorando il decorso a lungo termine dei disturbi psichiatrici. Inoltre, hanno avanzato spiegazioni biologiche sul motivo per cui potrebbe essere così.

Ad esempio, tra la fine degli anni '70 e l'inizio degli anni '80, due medici della McGill University, Guy Chouinard e Barry Jones, sostenevano che gli antipsicotici inducevano cambiamenti nel cervello che lo facevano diventare "supersensibile" alla dopamina, e che questa ipersensibilità può portare a psicotico "sintomi di maggiore severità".

Preoccupazioni simili sono state sollevate sulle benzodiazepine negli anni '80. Successivamente, negli anni '90, uno psichiatra italiano, Giovanni Fava, temeva che gli antidepressivi "peggiorassero la progressione della malattia a lungo termine, aumentando la vulnerabilità biochimica alla depressione. . . L'uso di farmaci antidepressivi può spingere la malattia a un trattamento più malevolo e di trattamento non responsivo. "Ha quindi sollevato questa domanda più ampia:

"Nel campo della psicofarmacologia, i professionisti sono stati cauti, se non addirittura timorosi, di aprire un dibattito sull'eventualità che il trattamento sia più dannoso [che utile]. . . Mi chiedo se sia giunto il momento di discutere e avviare la ricerca sulla probabilità che le psicofarmaci peggiorino effettivamente, almeno in alcuni casi, la progressione della malattia che dovrebbero trattare ".

In risposta agli articoli di Fava, lo psichiatra della Harvard Medical School Ross Baldessarini, che è stato uno dei più importanti ricercatori nel campo per più di 30 anni, ha scritto questo: "La sua domanda e le varie questioni correlate. . . non sono piacevoli da contemplare e possono sembrare paradossali, ma ora richiedono una considerazione clinica e di ricerca aperta e seria. "

E ora torniamo al commento scritto dal Dr. Ragins, in risposta al mio primo blog. Dopo aver notato che "si sentiva troppo scoraggiato dagli eventi della conferenza sulle alternative", il dott. Ragins descrive brevemente la sua esperienza lì. Passa quindi al tema principale del mio libro, ovvero che i farmaci psichiatrici peggiorano davvero il decorso a lungo termine dei disturbi mentali. Lui scrive:

"La mia principale delusione, tuttavia, va oltre le alternative, ed è che non penso che avremo mai una valutazione scientifica onesta e completa della tua asserzione più sorprendente – Che i farmaci inducano una risposta di feedback dal cervello che peggiora le malattie mentali. Mi piacerebbe davvero saperne di più a riguardo, ma ho perso ogni fiducia nel nostro sistema di ricerca per informarmi – per i motivi che descrivi nel tuo libro.

"Per me l'ultima goccia con le case farmaceutiche è stato quando ho scoperto che conoscevano il diabete e Zyprexa da sempre e lo nascondevano intenzionalmente dai medici che ci spingevano a mettere le persone a rischio senza saperlo. Mi è sembrato un terribile tradimento. (anche se, ovviamente, non nella stessa lega di quello che hanno sofferto le persone che hanno avuto il diabete o addirittura sono morte.) Non conosco nessun altro campo in cui i produttori di qualcosa siano così inaffidabili che i dettaglianti li vietano regolarmente uffici). Anche se sono sicuro di aver aiutato molte persone con i farmaci, le compagnie farmaceutiche sono partner straordinariamente pericolosi. Non posso credere a nulla di ciò che dicono e nessun altro ha abbastanza denaro e indipendenza per fare uno studio scientifico completo invece di uno studio giornalistico ".

Quindi pensiamo ora a questo. Negli anni '70 e '80, importanti ricercatori temevano che gli antipsicotici potessero causare cambiamenti nel cervello che portavano a sintomi psicotici di maggiore severità. I ​​ricercatori hanno iniziato a preoccuparsi di problemi simili con altre classi di farmaci psichiatrici (come le benzodiazepine), e a metà degli anni '90, Giovanna Fava spinse la psichiatria a indagare se gli antidepressivi e altri farmaci psichiatrici peggiorassero il decorso a lungo termine dei disturbi mentali. Uno dei principali psichiatri americani concordò che la preoccupazione di Fava era legittima e doveva essere investigata. Eppure, cosa è successo? Questa preoccupazione non è mai stata comunicata al pubblico o mai indagata. Invece, al pubblico è stato detto più e più volte su come questi farmaci correggono gli squilibri chimici nel cervello, e devono essere presi per sempre, con decine di milioni di americani che hanno seguito questo consiglio (e anche milioni di bambini hanno prescritto le pillole).

Ed ecco la fonte della disperazione del dott. Ragin: non crede che negli Stati Uniti esista persino un'impresa di ricerca che possa indagare onestamente sulla questione se i farmaci psichiatrici "inducono una risposta di feedback dal cervello che peggiora le malattie mentali". Il motivo, scrive, è che la ricerca in questo paese è finanziata da aziende farmaceutiche di cui non si può fare affidamento per condurre una scienza onesta.

Cosa, quindi, noi – come società – faremo di questo?

Solutions Collecting From Web of "SAMHSA, alternative e la disperazione dello psichiatra sullo stato della scienza americana"