Salvare la lingua

Questo è un altro capitolo della mia lunga serie sul linguaggio in politica ed economia.

Oggi, sono preoccupato di esaminare e respingere la pratica di tutti i troppi libertari che hanno "tagliato e scappa" sulla questione della lingua. Questi "patrioti" del bel tempo stanno dando aiuto e conforto al nemico. Spero di convincerli a "mantenere il corso" su questo tema.

Mi riferisco alla pratica di cedere il territorio linguistico ai nostri nemici intellettuali e (im) morali. Tipicamente, essi afferrano una parola perfettamente buona che la nostra parte ha impiegato da tempo, la fanno propria e quasi, ma non completamente con la nostra cooperazione, la usano come un bastone con cui batterci. Siamo stati banditi dal campo della battaglia intellettuale in più di un'occasione a questo proposito.

Forse l'esempio più spicciolo di questa tradizione è la parola "liberale". Un tempo eravamo noi. Quindi, i Pinkos se ne sono occupati. Abbiamo combattuto un'azione di retroguardia, per un po ', contento della posizione di "liberale classico". Ma questo non è abbastanza buono. È tempo, è passato molto tempo, riprendere questa appellazione, senza alcun aiuto dalla stampella di "classico". (Woods, 2005, 8, è un caso meraviglioso nel punto). Nella misura in cui lo facciamo lasceremo i nostri amici dall'altra parte del corridoio senza altra scelta se non quella di abbracciare una più appropriata caratterizzazione di se stessi: socialista.

Non aspettare; cancellalo. Prendiamo in prestito una foglia da queste persone e cerchiamo di restituire, con interesse, le azioni con cui ci hanno fatto tanto per tanto complimentarci: lasciamoci strappare loro parole. Anche noi siamo, ora, socialisti, o almeno possiamo esserlo, se vogliamo davvero farlo. Ovviamente, non accettiamo la proprietà pubblica di tutti i mezzi di produzione. Tuttavia, ci opponiamo alla legislazione antitrust e favoriamo la concorrenza sul mercato del lavoro. Se "One Big Firm" di Rothbard un giorno prende il controllo dell'intera economia e ottiene la proprietà privata della totalità dei fattori di produzione della "società" (pensa a una vasta fusione tra Microsoft, Toyota, McDonalds, Wal-Mart e pochi altri simili behemoth economici) ci opponiamo per legge? Ovviamente no. Quindi, le nostre affermazioni di essere "socialisti" sono almeno altrettanto buone di quelle dei nostri colleghi dall'altra parte delle barricate che hanno sequestrato "liberale". Perché in questo scenario, tutti i mezzi di produzione sarebbero di proprietà di un'entità. È vero, non sarebbe pubblico, ma lavora con me qui.

Certamente, come Man, Economia e Stato dimostrano in modo così eloquente ed esaustivo, ci sono buone e sufficienti ragioni per pensare che nessuna simile Big One potrebbe mai formarsi in primo luogo sotto la libera impresa, e se in qualche modo lo facesse, non potrebbe certamente non lunga durata. Ma questa è interamente un'altra questione (positiva), e qui stiamo discutendo questioni normative. Alcune persone criticheranno quanto sopra sulla base del fatto che la One Big Firm, se mai avesse luogo, userebbe le risorse per i propri scopi egoistici, mentre quando il governo assumerà il comando delle alte sfere dell'economia, lo farà nell'interesse del pubblico in generale, cioè tutti noi. Chiunque creda che questo dovrebbe fare un viaggio a Cuba o in Corea del Nord, o una macchina del tempo al buon vecchio URSS o alla Cina rossa.

Il socialismo viene spesso interpretato nel senso di "da ciascuno secondo le sue capacità, a ciascuno secondo i suoi bisogni". Anche noi libertari possiamo abbracciarlo, naturalmente su base volontaria. Che altro pensi che si svolga all'interno del convento, o il convento, o il monastero, o il kibbutz (l'astrazione dai sussidi governativi) o la comune hippie. Lo stesso vale per la tipica famiglia americana. La bambina di cinque anni mangia in base alla sua capacità di guadagnare reddito o in base ai suoi bisogni? Quindi, fai il giro della bandiera della falce e martello, compagni libertari. Devi solo perdere le tue catene (linguistiche).

Questa mia modesta proposta, se seguita, semina confusione nel discorso politico? Certo che lo farà. Ma non essere un nababbo del negativismo. Sono stati quei ragazzi che hanno iniziato questo imperialismo linguistico. Sono responsabili dell'offuscamento linguistico. Okay, okay, se ci restituiranno "liberali", lascerò che abbiano "socialismo". Io non sono niente se non generoso. Guarda, amici libertari, se non facciamo qualcosa per questa terribile situazione, perderemo anche la nostra preziosa parola "libertaria" e, con essa, "libertà". Perché, persone come Milton Friedman, William F. Buckley , Bob Barr, Dennis Miller, John Malkovich, Bill Maher, Richard Posner, Henry Simmons e Brink Lindsey si stanno già caratterizzando, o essendo caratterizzati da altri (Rudy Giuliani) come "libertari", per così dire. Secondo alcuni, ci sono più famosi libertari di quanti ne puoi scuotere. Se non manteniamo almeno alcune di queste descrizioni, non saremo in grado di effettuare alcuna differenziazione del prodotto. Avremo perso la battaglia per civilizzare la società perché non avremo più la terminologia con cui fare il nostro caso.

Quali altre parole stanno scomparendo rapidamente, sotto i nostri stessi nasi?

"Giustizia" è un altro concetto in via di estinzione. I barbari hanno da tempo inventato la frase "giustizia sociale". Perché, la mia scuola, la Loyola University di New Orleans, tra molti, molti altri, si è definita "Social Justice University".

Ci sono due possibili risposte a questo imperialismo verbale. Uno, articolato da Hayek (The Mirage of Social Justice, vol. 2 di Law, Legislation and Liberty Chicago: University of Chicago Press, 1976, pp. 24-27) è quello di denunciare la giustizia sociale sul terreno che è solo un camuffamento, un tentativo di rivestire di zucchero o di impiallacciare il socialismo. Mille grazie. Intendevo il comunismo. (Ora siamo tutti socialisti, sono al sicuro nel mio stesso socialismo, vedi sopra, ma porgo il filo al comunismo, ho ancora alcuni principi rudimentali).

Una posizione completamente diversa è tentare di rivendicare la giustizia sociale per conto nostro. (Guarda, ha un bel suono, chi potrebbe essere contro la giustizia sociale? Ok, okay, forse ho lavorato per i gesuiti da troppo tempo ormai.) No, su una nota seria, se mi può essere permesso un nota seria, in questa interpretazione "giustizia sociale" significa, semplicemente, giustizia applicata al regno sociale, qualunque esso sia, come l'egualitarismo. Anche noi favoriamo l'egualitarismo, a condizione, solo, che sia raggiunto su base volontaria, ad esempio attraverso la carità. Perché dovremmo cedere una frase così magnifica al suono delle forze del male?

Poi, c'è l'intera questione di "ambientalismo". Non si può negare che il 99% delle persone che marciano sotto questo banner sono cocomeri (verde all'esterno, rosso all'interno). "Rosso" è un'altra parola che sono interamente, e un po 'incoerente (una sciocca coerenza è la follia delle piccole menti) pronta a lasciare i cattivi. (Con quale costernazione, quindi, imparo che gli stati che votano per i Democratici non sono gli "stati rossi"? Parlano di confusione della nomenclatura! Ma sono quelli che perpetrano questa inversione.) Quindi, dovremmo abbandonare allegramente la caratterizzazione "ambientalista", contenuto per consentire loro di dilagare con esso? No, dimmi. Lasciateci, invece, abbracciare l'ambientalismo del libero mercato. Non, naturalmente, quello dei vilipendenti svergognati con stile di Chicago, ma, piuttosto, come delineato dal proprio capo ambientalista del libero mercato, Murray Rothbard. (Questo, a mio parere, è il singolo miglior trattamento breve di ambientalismo mai scritto, se leggi un solo saggio su questo argomento, lascia che sia questo.)

E che dire della "giustizia ambientale", un'altra ala sinistra stringe? (A proposito, come libertario non sono né di destra né di sinistra, né comunista né nazista, né conservatore né socialista, sono qualcosa di unico nel firmamento economico politico.) Anche noi, a mio modo di vedere , favorire la giustizia ambientale. E di cosa consiste, pregare dire? Perché, si basa sui diritti di proprietà privata basati sulla homesteading, come spiegato da Locke, Hoppe e Rothbard, insieme all'assioma libertario della non aggressione, e applicato alle questioni ambientali. Inquinamento dell'aria? Consiste nel trasgredire le particelle di fumo e può essere affrontato al meglio sostenendo i diritti di proprietà. Estinzione delle specie? Privatizza elefanti e rinoceronti. Perdita di scorte di pesce? Privatizzare gli oceani. Questa è la giustizia ambientale nel mio libro, non importa quello che dicono gli altri.

Siamo femministe? Scommetti i tuoi stivali che siamo (o almeno possiamo esserlo se vogliamo essere). Non, naturalmente, di Gloria Steinem, Andrea Dworkin, Susan Brownmiller, Catharine MacKinnon, Barbara Ehrenreich, Betty Friedan ilk. Non un po '. Ma ci sono libertarie donne come Wendy McElroy, Karen Selick, Joan Kennedy Taylor, Jane Shaw, Ellen Paul, Karen DeCoster. Le loro opinioni sono abbastanza buone per me sotto questa rubrica.

Siamo gay? Yesiree. Siamo tutti gay qui, se posso avere il permesso di parlare a nome di qualcuno diverso da me stesso. Non siamo allegri? Non siamo felici, essendo coinvolti nel tentativo libertario di promuovere la giustizia, la libertà e il socialismo (volontario). Perché, uno dei grandi inconvenienti di stare in giro con Murray Rothbard, come può testimoniare qualcuno dei suoi confidenti, era il crampo allo stomaco: da una continua ora all'altra di risate quasi isteriche. Persino Bill Buckley ha caratterizzato un tempo Murray e i suoi allegri uomini come i gioiosi libertari. Cosa potrebbe essere più gay di quello? (In questa materia sono un seguace delle intuizioni di Joe Sobran.)

Noi libertari preferiamo proteggere i diritti degli omosessuali? Certo che lo facciamo. Questi, per la precisione, sono identici ai diritti di tutte le altre persone: il diritto a non essere aggrediti; il diritto alla proprietà attraverso l'acquisto, l'acquisto o il commercio; il diritto di prendere parte al sistema aziendale gratuito. Questo è, ovviamente. Non hanno certamente diritti aggiuntivi, come ad esempio il diritto a non essere discriminati. Nessuno di noi ha un tale "diritto".

A proposito di diritti, quale dovrebbe essere la nostra posizione sulla grottesca dei "diritti positivi?" Ancora una volta, siamo alla biforcazione. In una direzione, possiamo esporre questo concetto per la frode viziosa che è: un tentativo di cavalcare le code del cappotto di semplici vecchi diritti ordinari, che la maggior parte delle persone rispettano, almeno in linea di principio. In questo percorso, possiamo affermare che i "diritti positivi" hanno un'agenda non tanto segreta: rubare la proprietà a chi ha più di chi parla pensa che dovrebbero avere, e consegnarli a quelli che pensa abbiano poca ricchezza (mentre di solito si prende un bel taglio del barboncino per se stesso). Ma c'è un'altra opzione. È per abbracciare i diritti positivi. Dal momento che tutto ciò che rappresentano davvero è la ricchezza, e noi certamente preferiamo diventare ricchi, possiamo abbracciare questa mostruosità per questi motivi. Qui li ridefiniamo dall'egualitarismo coercitivo alla creazione di ricchezza. Guarda, i mancini fanno sempre cose strane e perverse come questa e ci privano di un linguaggio utile nel processo. Saremmo certamente giustificati nel prendere a prestito una foglia dal loro libro di esercizi una volta ogni tanto.

Un altro chiacchierone dei barbari è per la diversità. Anche noi possiamo favorire questa iniziativa. Il modo più semplice per raggiungere questo fine è abbracciare la diversità delle idee, specialmente nei campus universitari, dove sono quasi inesistenti. Ma possiamo abbracciare la diversità anche in altri modi. Ad esempio, possiamo incoraggiare le persone a cenare fuori per assaggiare la cucina di molte nazioni. Uno dei vantaggi di Manhattan, ad esempio, è che presenta, all'interno di una piccola area geografica, ristoranti con tipi di menu molto diversi. Non ci sono molti altri posti dove puoi trovare un burrito kosher, per esempio.

Concludiamo. Un sacco di questo è lingua sulla guancia. Alcuni di esso sono davvero insicuri. "Siamo tutti socialisti, ora" non scappa leggermente dalla lingua libertaria. Ma c'è anche un punto importante qui. Siamo nel business delle parole. Pertanto, è necessario che usiamo verbosità con cautela. Non penso di essere il Chicken Little che si lamenta del fatto che il cielo stia cadendo in questo senso. I nostri oppositori economici politici si sono da lungo tempo ridotti a quello che costituisce un linguaggio accettabile e, per lo meno, dovremmo essere consapevoli di questo pericolo. Forse, anche, fare qualcosa al riguardo.

Desidero ringraziare l'aiuto delle seguenti persone nella preparazione di questa colonna. Nessuno di loro, ovviamente, è responsabile per gli errori che ancora vi rimangono, dopo i loro migliori sforzi per dissuadermi dal farli. Sono: Wilton Alston, Michael Barnett, Pete Canning, Max Chiz, Karen DeCoster, Jason Ditz, Mark Fulwiller, Anthony Gregory, David Heinrich, JH Huebert, Stephan Kinsella, Manuel Lora e Patrick Tinsley.

Solutions Collecting From Web of "Salvare la lingua"