Salva una vita . . e salva il mondo

In un libro con lo stesso titolo di questo blog, io e un collega abbiamo intervistato una dozzina di persone che hanno lanciato organizzazioni di base per sostenere le cause a loro care. Sia che si tratti di scavare pozzi o di costruire orfanotrofi in Africa, di avviare un programma di micro-prestito, di lanciare programmi urbani per i giovani o di fornire borse di studio per prevenire la schiavitù sessuale, le vite sono state arricchite – o salvate – come risultato di sforzi modesti, inizialmente su piccola scala. In ogni caso, queste storie mettono in luce persone che si sono imbattute in una missione che ha capitalizzato i loro interessi speciali, oltre a trasformare le loro vite. Non avevano una particolare preparazione o preparazione per i loro progetti; piuttosto cominciavano con piccoli passi che all'epoca sembravano insignificanti. Ma da tentativi così provvisori e spesso impulsivi, una serie di risultati presto seguiti mentre altri si univano a loro.

C'è un detto del Talmud che "chiunque salva una vita, è come se lui [o lei] abbia salvato il mondo intero". È attraverso la sacra azione di servizio agli altri, specialmente con coloro che sono stati più trascurati, che facciamo un passo verso rendere il mondo un po 'più giusto. Aggiungerei a questa affermazione che con tali sforzi ci salviamo anche noi stessi nel processo: creiamo maggiore significato e soddisfazione nella nostra vita quotidiana. Indipendentemente da ciò che facciamo per vivere, come si sente la routine, tale lavoro non ci definisce tanto quanto ciò che facciamo per connetterci con gli altri e fare una differenza positiva nelle loro vite.

Numerosi studi hanno dimostrato che il comportamento altruistico, l'impulso ad aiutare gli altri anche quando mettiamo a repentaglio la nostra stessa sicurezza, è in gran parte istintivo. Gli uccelli chiameranno avvertimenti ai loro fratelli, sacrificandosi ai predatori. Gli scimpanzé agiranno disinteressatamente per aiutare coloro che sono svantaggiati. Anche i bambini di età inferiore a 18 mesi aiuteranno gli altri senza aspettarsi una ricompensa. Fare del bene sembra essere una parte radicata del nostro trucco, motivandoci ad aiutare coloro che ne hanno più bisogno.

Nel corso degli anni ho scortato centinaia di persone a lavorare con me in un progetto in Nepal in cui siamo tutor e forniamo borse di studio a ragazze di casta bassa che sono a rischio di essere vendute in schiavitù. Sono stato affascinato non solo dal modo in cui i piccoli sforzi possono avere un impatto così grande sulla vita dei non votati, ma anche i modi in cui tali sforzi hanno una tale influenza reciproca su coloro che aiutano gli altri. Di tanto in tanto i volontari riferiscono di aver trovato un nuovo significato e uno scopo nella loro vita quotidiana, arricchendo le loro relazioni con familiari, amici e colleghi di lavoro. Nello specifico, la nostra ricerca ha dimostrato i seguenti benefici: 1) priorità modificate che valorizzano e onorano le relazioni intime, 2) maggiore apprezzamento per i piaceri semplici e diminuzione del consumismo, 3) maggiore fiducia nell'affrontare le avversità, 4) senso di colpa "costruttivo" e privilegio, 5) maggiore interesse sociale, 6) gioia aumentata nella vita quotidiana.

Molti di voi stanno leggendo questo articolo perché già conoscete queste cose e le praticate nella vostra vita. Ma la cosa davvero incredibile è come ognuno di noi potrebbe fare molto di più facendo davvero poco. Sono le azioni veramente piccole che richiedono un così piccolo sforzo e tuttavia possono essere costruite in modo incrementale nel tempo. In questo video, i volontari che rappresentano Empower Nepali Girls hanno trascorso solo poche settimane a lavorare con i bambini per migliorare le loro capacità accademiche e ispirare loro a continuare la loro istruzione. Per quanto grati possano essere questi bambini (ei loro genitori), gli effetti persistenti di questo servizio continuano a riverberarsi all'interno dei volontari stessi. La traiettoria delle loro vite è alterata in modi che provano una maggiore soddisfazione spirituale, morale e personale.

Che cosa ci vuole per fare la differenza, anche su piccola scala?

1. Deve comportare l' azione , non semplicemente pianificare e parlare.

2. L'intenzione è tanto importante quanto i risultati. È davvero il pensiero che conta – finché si agisce su quel pensiero.

3. L'obiettivo è aiutare gli altri, non te stesso. Qualsiasi guadagno personale deve essere secondario a quello che fai per gli altri.

4. Deve esserci qualche sacrificio personale o rischio coinvolto. Per definizione l'altruismo costa tempo e fatica. Significa che hai scelto di rinunciare a qualcosa per il beneficio di coloro che sono meno fortunati.

5. Non ci sono vincoli, nessuna aspettativa di ricompensa o beneficio diversa dalla pura gioia di aiutare gli altri.

Se ti senti ispirato, anche in un modo minore, da questi messaggi, la prossima domanda è come tradurrai questa intenzione in azione? Sulla base di studi di sforzi riusciti, è meglio iniziare su scala molto modesta, anche aiutando una sola persona. La chiave è l'azione sostenuta , cioè, a cominciare da qualcosa che sai che puoi continuare per un po 'di tempo. Un secondo elemento significativo è la responsabilità, ritenendoti responsabile per il benessere degli altri, non solo per la famiglia e gli amici, ma per quelli al di fuori della cerchia immediata che hanno così disperatamente bisogno di aiuto. Non importa quello che fai, purché tu faccia qualcosa per fare la differenza, per salvare una vita, per salvare il mondo, per salvarti.

Solutions Collecting From Web of "Salva una vita . . e salva il mondo"