Salva la vita di una mamma e impara come ottenere persone da donare

Irene Katrandjian, madre di tre figli di 52 anni, non ha mai pensato che potrebbe aver bisogno di un trapianto di cellule staminali lei stessa un giorno, quando entrerà a far parte di un registro dei donatori diversi anni fa. "Ho sentito che un ragazzino aveva bisogno di cellule staminali. Ho pensato, 'Perché non aiuterai?' Per me, è stato un gioco da ragazzi. "

Ora, i suoi figli e altri stanno conducendo una pulsione sanguigna delle cellule staminali per salvare la vita di Katrandjian.

Il tutor del New Jersey SAT soffre di una rara forma di tumore del sangue chiamato "linfoma periferico delle cellule T".

Qui fornirò maggiori informazioni sul suo caso particolare e su come puoi contribuire a salvare una vita in questo momento – ma voglio anche esplorare alcuni dei fattori che hanno maggiori probabilità di produrre empatia e comportamento altruistico e come puoi usarli per motivare le persone (incluso te stesso e i tuoi figli) per essere più gentile e, di conseguenza, più sano.

Sebbene trascorresse due ore al giorno in palestra sei giorni alla settimana e sentisse di essere in ottima forma, Katrandjian si era preoccupata di una protuberanza "pisello" nella sua gamba destra. Un medico le disse di non preoccuparsi – ma cercò una seconda opinione e fu diagnosticata nel 2008.

Sfortunatamente, mentre all'inizio lavoravano, la chemioterapia e un trapianto delle sue stesse cellule staminali non tenevano a bada la malattia scatenata. Un farmaco recentemente approvato sviluppato dal suo medico, Owen O'Connor, capo dell'oncologia medica presso la New York University, chiamato pralatrexato, ha messo Katrandjian nello stato di remissione richiesto per poter beneficiare di un trapianto. "Adesso parla di questo e risponde molto bene", afferma O'Connor.

Ma senza trovare un donatore corrispondente, il farmaco da solo non sarà di aiuto a lungo termine. "Se non ottiene un trapianto, morirà", dice il suo medico.

Fino a poco tempo fa, molte persone erano riluttanti a donare cellule staminali perché dovevano essere prelevate dal midollo osseo, un processo che richiede l'estrazione del midollo dall'osso di un donatore.

"Ora è molto più semplice", afferma O'Connor, spiegando che questo è cambiato negli ultimi cinque-dieci anni. Oggi un donatore che corrisponde di solito deve solo donare il sangue. E per scoprire se sei una partita, tutto ciò che devi fare è compilare questo modulo su questo sito e un kit per prelevare un campione indolore di DNA dalla tua saliva verrà inviato per posta. (L'ho appena fatto da solo).

Per un donatore corrispondente, il sangue viene recuperato proprio come in una normale donazione di sangue attraverso una flebo – sebbene il processo qui richieda un po 'più di tempo. Dalla IV, le cellule staminali vengono rimosse da una macchina e lo stesso sangue – ora meno le cellule staminali – viene restituito attraverso una flebo nel braccio opposto.

O'Connor dice: "Tutti dovrebbero donare con occhio per aiutare. Il tuo modesto disagio rispetto a quello di un paziente che morirà se non ottiene un trapianto, dovrebbe essere messo in un contesto. Rendere la cosa facile è importante se aiuta, ma devi pensare che stai investendo il tuo tempo e le tue cellule per aiutare qualcuno che non ha altro che un momento facile. La linea di fondo deve ancora essere una richiesta per aiutare qualcuno in una situazione in cui preghi Dio che non sei mai dentro ".

Katrandjian è armeno, quindi le persone di questa discendenza sono particolarmente incoraggiate a dare, in quanto geneticamente, una maggiore probabilità di essere una partita.

Quindi, qual è il modo migliore per convincere la gente a dare e aiutare gli altri? La storia di Katrandjian contiene in realtà molti degli elementi chiave. Per uno, gli studi scoprono che è più facile e meno doloroso dare (sangue al midollo osseo, kit di posta elettronica gratuiti v. Andare da qualche parte), più è probabile che le persone lo facciano.

Secondo, la gente non dà quasi mai "genericamente" – se ti dico che migliaia di persone muoiono ogni anno da una malattia rara e puoi aiutare donando il sangue, è improbabile che ti commuova a meno che tu non sia una persona straordinariamente compassionevole. Mentre Stalin freddamente ha scherzato: "Una morte è una tragedia; un milione è una statistica. "

Ma quando la gente sente parlare di un caso specifico – come quello di una mamma del New Jersey con tre figli – è molto più probabile che lo diano. Infatti, la ricerca dello psicologo Paul Slovic trova che le persone che hanno ricevuto una foto di una persona bisognosa danno soldi come quelle statistiche mostrate. Anche le statistiche possono ridurre le donazioni, quindi se vuoi saperne di più su quante persone hanno la condizione di Katrandjian, non lo includo qui!

Un altro fattore che conta, a volte purtroppo, è come vediamo la vittima. È molto più probabile che le persone aiutino coloro che considerano "meritevoli": le madri, ad esempio, come Katrandjian che hanno dato agli altri, hanno molte più probabilità di ricevere. I bambini – come Charlotte Conybear di Philadelphia di quattro anni, che ha anche bisogno di un trapianto – hanno maggiori probabilità di beneficiarne.

Anche se questo è giusto in alcuni casi, può anche essere problematico se non stiamo attenti. Determinare chi è "meritevole" può essere un campo minato morale – ma è qualcosa che deve essere considerato quando stiamo cercando di incoraggiare un comportamento compassionevole.

Il senso di colpa, tuttavia, può anche dare dei risultati secondo alcune ricerche.

Inoltre, una connessione a un gruppo specifico di persone può incoraggiare le donazioni – è molto più probabile che le persone diano a qualcuno che sembra "come noi" piuttosto che dare a qualcuno che sembra essere molto diverso. Come "meritevolezza", l'appartenenza al gruppo è un'arma a doppio taglio perché troppa concentrazione su di essa può scoraggiare il dare da chi non fa parte di quel gruppo. Tuttavia, può essere utile, in particolare in casi come questo in cui la caratteristica è effettivamente rilevante per la probabilità che la donazione sia utile.

In questo caso, le persone in altri gruppi di minoranza sono particolarmente sollecitate a dare perché tutte le minoranze sono sottorappresentate nelle banche di cellule staminali e cambiando questo andrà a beneficio di tutti.

Riconoscere che dare è sano – anche se devi perdere un po 'di sangue – incoraggia anche l'altruismo.
La ricerca mostra che le persone che si offrono volontariamente per aiutare gli altri, che hanno relazioni più forti e sentono il senso di scopo che dare dà effettivamente vivere più a lungo di quelli che non lo fanno.

Infine, c'è una simmetria: la maggior parte delle persone ha un profondo senso della giustizia e ci piace aiutare quando si sente che possiamo sbagliare. Considerando il terrore di genocidio che il popolo di Katrandjian ha affrontato, si sente affermare la vita di donare il sangue per salvare la vita in questo contesto.

Ho appena firmato per donare – e spero lo farai anche tu! (Oh sì, e gli appelli personali da parte di qualcuno che sentiamo come una sorta di connessione possono essere d'aiuto, inoltre se questo lo rende più probabile da te, lo incoraggio certamente!).

[Cross-postato e aggiornato da Huffington Post]

Solutions Collecting From Web of "Salva la vita di una mamma e impara come ottenere persone da donare"