Rudolph La renna depresso e traumatizzata

Quando pensi a come vuoi trascorrere le vacanze, immagino che vengano in mente attività come lo shopping, il consumo di cacao, lo scambio di regali o il pattinaggio sul ghiaccio. Non è la mia impressione che guardare gli altri essere giudicati, vergognati, pubblicamente messi in ridicolo e cacciati dalle loro famiglie per difetti alla nascita o le preferenze lavorative significano attività di vacanza lieti.

Tuttavia, c'è una parte della mia tradizione natalizia che è d'obbligo: guardare un innocente essere tormentato per quello che si potrebbe considerare un difetto alla nascita. Cioè, guardando Rudolph The Red Nosed Reindeer . L'ho visto da quando ero un bambino e non ho mai smesso (anche quando ho capito che questa è una trama altamente offensiva, tuttavia, meno della ingombrante Christmas Story . So che a molte persone piace quel film. È il terapeuta in me che non sopporta di guardare i bambini reali che vengono maltrattati emotivamente. Abuso di renne da pupazzo giovane Posso guardare più facilmente perché so che nessuna vera renina è stata danneggiata nella realizzazione di questo speciale di Natale). L'abuso emotivo di una piccola renna continua a far parte della mia tradizione natalizia annuale.

Esaminiamo l'intero spettacolo e osserviamo tutti i problemi psicologici che si verificano nei suoi 52 minuti:

1. Santa ha un disturbo alimentare. Inizia lo spettacolo sottile e balza in piedi verso la fine, inserendosi nel suo grasso vestito da Babbo Natale in tempo per Natale.

2. La signora Santa ha bisogno che suo marito sia grasso. Lo svergogna dicendo: "Chi ha mai sentito parlare di un magro Babbo Natale? Mangia, mangia! "Sembra che per trovarlo amabile, ha bisogno di guardare in un certo modo. Molto spesso quelli con problemi alimentari vogliono controllare il cibo degli altri. Penso che, per lo meno, la signora Santa sia codipendente.

3. Rudolph nasce con un "naso lucido". La mamma dice: "Dovremo semplicemente ignorarlo". Il padre non è in grado di vedere i difetti di suo figlio. Ah, la gioia del Natale.

4. Santa viene a vedere il nuovo bambino, vede il naso di Rudolph ed è ugualmente sbalordito. Poi, davanti alla nuova mamma e al suo bambino, Santa decide di entrare in una canzone su come sia il "Re del tintinnio". Mi sembra che Babbo Natale possa essere un po 'narcisista. Babbo Natale non è nella bella lista.

5. Rudolph non ha un'ora e suo padre lo ha già trasformato in un cattivo oggetto: "Non farà mai la squadra della slitta". Sembra che Rudolph sia nato per vivere i sogni di suo padre. Donner ha problemi. Aveva bisogno che questa piccola renna fosse un riflesso perfetto di lui. Ora che Donner vede che suo figlio ha delle difficoltà fisiche, è arrabbiato e ansioso.

6. Donner, in un atto di disperazione, decide di compromettere la respirazione del figlio prendendo un pugno di terra e appoggiandolo sul naso del figlio piccolo in modo da nascondere il suo difetto di nascita. Qualcuno ha il numero per i servizi di protezione dei bambini nel Polo Nord? Donner è sollevato, il naso di Rudolph è nascosto, "Ora sarà un chip dai vecchi palchi." Il narcisismo dilaga nel Polo Nord.

7. La prima volta che Donner mostra affetto a Rudolph è quando indossa quello che Winnicott potrebbe chiamare "The False Self" o "The False Nose".

8. La mamma bacia suo figlio. Cresce vertiginoso per l'affetto e la lode, che fa cadere il falso sé / naso e, ancora una volta, incontra la delusione dei genitori per la sua "non conformità".

9. Rudolph diventa più grande e Donner ha preso Rudolph come naso protesico. Rudolph oggetti e spiega che non è comodo. Donner dice: "Ci sono cose più importanti del conforto, del rispetto di sé". Credo che Donner crede che il rispetto di sé possa arrivare attraverso le protesi. La signora Donner resta in silenzio e non fa nulla per intervenire a favore di suo figlio. È possibile che anche lei sia vittima dell'abuso emotivo di Donner.

10. Ora Rudolph è depresso. Prende a cantare canzoni su come sia un disadattato. Questo sarebbe un buon posto per uno spot per Zoloft.

11. Comet, l'allenatore dei ragazzi delle renne, sta cercando di iniziare i soldi. Rudolph riceve una certa attenzione da una ragazza, il che lo fa volare più in alto di tutti gli altri dollari, e il suo falso naso / sé cade. Tutti i bambini in classe di volo chiamano i nomi Rudolph e viene tagliato dalla squadra. Allenamento alla sensibilità nel Polo Nord? Penso di no. Poi Babbo vola via dal manico e svergogna Donner per avere un tale scherzo per un figlio.

12. Fortunatamente, Rudolph ha una persona nella sua vita che gli piace così com'è, una bella cerbiatta di nome Clarice. Ma i suoi genitori sono mortificati per sapere che sta uscendo con un naso rosso e insistono perché rompano le cose. Uh, tutta la roba del naso rosso passa attraverso l'era di McCarthy?

13. Rudolph diventa sempre più depresso. Si unisce ad un elfo alienato e decidono di scappare. Nessuno dei due ha bisogno di nessuno, o almeno così dicono. In realtà, Rudolph ha bisogno di genitori, colleghi e sostegno della comunità. Hermey, se vuole essere un dentista, ha bisogno di clienti.

14. Rudolph si sente così estraniato che fugge e si lascia coinvolgere da neerati e da altri solitari. Cresce da solo e senza amici e parenti e quando le sue corna gli diventano pesanti, smette di pensare chiaramente e decide di tornare a casa nel luogo in cui ha ricevuto tutti i primi abusi emotivi. Questo non ti scalda il cuore come un tronco di Yule che brucia nel cuore?

15. Ritorna a casa e scopre che i suoi genitori hanno finalmente sviluppato un senso di colpa e sono andati in cerca di lui. Narcisistic Santa, fedele al personaggio, vede Rudolph e gli dice che ciò di cui è preoccupato è il modo in cui tutto questo ha un impatto su di loro. Babbo Natale, almeno in questa storia, non è capace di empatia.

16. Dopo una tragedia (la morte apparentemente prematura di Yukon Cornelius), il narratore, un pupazzo di neve incline all'ipotesi, ci dice che erano "un po 'duri con i disadattati". Perfino Babbo ammette di aver sbagliato. Donner si scusa. Va benissimo, ma sarebbe una storia molto migliore se Babbo Natale, i genitori di Rudolph, gli allenatori, i soldi e tutti i membri della comunità facessero pubblicamente e pubblicamente delle povere renne. Sarebbe anche bello se tutti potessero subire qualche allenamento di sensibilità e promettere di non tormentare gli altri in base al colore del loro naso. Anche Rudolph ha bisogno di una terapia.

17. Solo quando c'è una tempesta orribile che minaccia Natale, Babbo Natale narcisista vede come la renna traumatizzata potrebbe essergli utile. Rudolph, completamente privo dell'autostima e che ha bisogno di compiacere gli uomini (suo padre e Babbo Natale) che lo hanno svergognato, accetta di incontrare i bisogni di Babbo Natale. Suo padre, anch'esso una renna con qualche grave ferita narcisistica, si prende poi il naso del figlio e afferma che da sempre sapeva che il naso di Rudolph sarebbe tornato utile un giorno. Qualcosa nel vederlo gongolare mi fa venire fame di carne di renna.

Al di là della storia di Rudolph di abuso, abbandono, depressione, alienazione, ci sono anche altre storie di abusi in questa breve ma traumatica storia. Tuttavia, se analizzo gli elfi e l'isola dei giocattoli disadattati, questa sessione andrà ben oltre. E comunque, Rudolph è il paziente identificato della storia.

Bruno Bettelheim, l'acclamato psicoanalista, nel suo libro The Uses of Enchantment , fa un caso eloquente perché è così importante per i bambini leggere fiabe. Bettelheim crede che queste storie dei Grimm preparino i bambini alle dure realtà della vita. E suppongo che si possa obiettare che guardare Rudolph lo prepara per le difficoltà del periodo natalizio. Sicuramente ci saranno membri della famiglia che ci faranno sentire come dei disadattati. Alcuni di noi potrebbero avere narcisisti che non sono in grado di vedere la nostra luce, i nostri veri sé o non sono in grado di vederci in alcun modo se non nel modo in cui li riflettiamo. Forse è per questo che questa storia dura come è.

Per amore del vero, mi piacerebbe riscrivere il classico di Natale che celebra il povero Rudolph. Vieni a tutti, canta!

Rudolph, la renna emotivamente abusata, aveva un padre molto narcisista. E se mai l'avessi visto, avresti persino detto che soffiava.

Tutti i membri della sua comunità ridevano e lo chiamavano nomi, infliggevano vergogna e lo escludevano dai loro giochi di renne.

Poi un uomo narcisista disordinato venne a dire, Rudolph. Ho bisogno di te e della tua disabilità per aiutarmi a raggiungere il mio bisogno narcisistico. Poi tutte le renne lo amavano, mentre gridavano con gioia, Rudolph-the-traumatized and dee reindeer, hai bisogno di molta terapia.

Copyright 2010 Tracey Cleantis, LMFT.

Solutions Collecting From Web of "Rudolph La renna depresso e traumatizzata"