Rosso, bianco e blu, ma anche bianco e nero

Mentre il calendario si sposta a luglio, gli atleti di tutto il mondo finiscono i preparativi per le Olimpiadi estive del mese prossimo, quell'esercizio quadrimestrale in sfrenato sciovinismo in cui i fan di ogni continente si sintonizzano in termini non qualificati per i loro connazionali e le donne. Cosa fare, quindi, del caso curioso della squadra di pallacanestro maschile degli Stati Uniti del 2004, la squadra che gli americani amavano odiare?

Innanzitutto, lo sfondo sportivo richiesto. Storicamente, gli Stati Uniti sono stati il ​​colosso incontrastato del basket internazionale. Prima del 2004, la squadra maschile aveva perso solo due partite in tutta la storia delle Olimpiadi, sia per l'Unione Sovietica, sia per una controversa competizione del 1972 in cui gli arbitri consentivano agli ultimi tre secondi di essere ripetuti non una ma due volte. L'apertura delle Olimpiadi ai giocatori di pallacanestro professionisti nel 1992 sembrò solo rafforzare la supremazia degli Stati Uniti, dato che i membri del "Dream Team" di Barcellona (a destra) facevano regolarmente delle vittorie sbilenanti tra la firma degli autografi di pre-partita e la posa per le foto post-partita con gli avversari .

Ma con i Giochi di Sydney del 2000, il divario nel campo di gioco si era chiaramente ridotto. Il team statunitense è stato titolare di margini di vittoria a una cifra in più partite, ed è appena sfuggito a una semifinale match con la Lituania, 85-83, in rotta verso un'altra medaglia d'oro. Il palcoscenico era destinato alla fine dell'egemonia degli Stati Uniti, con il miglior calibro del gioco internazionale combinato con l'apparente convinzione dei funzionari di pallacanestro degli Stati Uniti di poter riunire a breve una squadra vincente di All-Stars professionisti con scarso riguardo per la profondità posizionale o squadra chimica.

Tutto questo si è svolto davanti ai nostri occhi nei Giochi di Atene del 2004. Contro le squadre che avevano praticato insieme come unità per mesi se non anni, senza numerose superstar che avevano rifiutato l'opportunità di competere per l'oro olimpico, usando un roster privo di un numero sufficiente di ballhandlers e tiratori perimetrali per battere le difese ben istruiti in palla internazionale , gli Stati Uniti hanno perso una mostra per l'Italia non dichiarata. Hanno poi perso la partita di apertura del torneo a Porto Rico di ben 19 punti. Altre due perdite sono state seguite prima di recuperare un bronzo, ma questa squadra sarebbe nota non per la sua medaglia, ma per aver perso più partite in una delle Olimpiadi rispetto a quella che gli Stati Uniti avevano precedentemente perso nella storia combinata dei Giochi Olimpici.

E l'America ha notato. In un sondaggio espn.com di 20.000 persone prese durante la competizione, il 54% degli intervistati americani ha dichiarato di voler vedere la squadra perdere. Un altro 20% ha detto che "piacerebbe" vedere gli Stati Uniti perdere. È stato un sondaggio non scientifico, ma l'idea che i tre quarti della popolazione sportiva americana facessero il tifo contro la squadra americana è stata rafforzata da talk show radiofonici e conversazioni informali con gli appassionati di sport. In un evento senza precedenti, la grande maggioranza degli americani stava facendo il tifo contro una squadra olimpica statunitense.

Perché? Mentre ci sono molte possibili spiegazioni per questo giro di eventi nel fandom americano, c'è un argomento convincente da fare che la razza abbia avuto un ruolo, dato che tutti e 12 i membri del team americano erano neri. Prima di tutto, gran parte del commento espresso da coloro che facevano il tifo contro la squadra sembrava riecheggiare i tipi di sentimento spesso ascoltati da individui che nutrono forme sottili (e non così sottili) di pregiudizi razziali. L'editorialista sportivo Jason Whitlock ha dettagliato uno di questi scambi sul suo programma radiofonico call-in:

Un tizio, che si è identificato come ex membro dell'esercito americano, ha detto che odia il Team USA perché la squadra non "rappresenta l'America di cui si è innamorato". Gli ho chiesto di descrivere l'America di cui si era innamorato, e disse: "era un paese in cui si poteva camminare per le strade senza preoccuparsi di essere rapinati".

In secondo luogo, sebbene esistessero altre spiegazioni neutre rispetto alla razza, molte di esse sembrano perdere aderenza dopo un esame più approfondito. I fan sono stati irritati da tutti i giocatori famosi che hanno rifiutato l'invito a unirsi al team? Bene, perché dovrebbero quindi attaccare i giocatori che hanno accettato di giocare?

I fan sono stati disattivati ​​dal gioco non ispirato degli atleti milionari? OK, ma perché non c'era un simile ammutinamento di fan contro la squadra di hockey su ghiaccio del 1998 degli Stati Uniti deludente deludente? Quella squadra di giocatori professionisti è stata ancora più deludente, non riuscendo a vincere nessuna medaglia. Inoltre, numerosi membri si sono comportati ancora peggio dal ghiaccio, notoriamente rovinando le loro stanze al Villaggio Olimpico dopo essere stati eliminati dalla competizione.

È quantomeno ragionevole considerare la possibilità che i fan siano stati così veloci nell'attivare la squadra di basket perché molti americani sentivano meno una connessione con questo gruppo di giovani uomini neri, ricchi (e in alcuni casi, con i dreadlock e pesantemente tatuati) di quello che di solito fare ad altri atleti, anche ad altri atleti milionari. Tale ipotesi è coerente con le preoccupazioni di immagine dei poteri-essere nella National Basketball Association, come testimoniato dalla recente implementazione di un codice di abbigliamento per i giocatori di panchina infortunati. È quello che Phil Taylor, un editorialista di Sports Illustrated, riflette sul numero della rivista di questa settimana. Ed è un'ipotesi che sarebbe anche molto coerente con l'attuale ricerca psicologica sui pregiudizi razziali contemporanei, il che suggerisce che il pregiudizio moderno spesso emerge in modo sottile, assenti segni rivelatori di aperta antipatia o uno sforzo intenzionale di discriminare.

Intendiamoci, non sto suggerendo che i fan che si sono radicati contro la squadra americana fossero razzisti rabbiosi. Piuttosto, propongo semplicemente che qualsiasi elemento comune percepito ci permetta di legare e identificarci con i nostri eroi atletici potrebbe non essere altrettanto forte e resistente per i fan prevalentemente bianchi di uno sport prevalentemente nero, così come lo sono per altri rapporti di radicamento. Certo, quando tutto va bene, è facile convincere tutti i membri delle nostre squadre preferite, mettere da parte gli stereotipi della società e altre nozioni preconcette. Ma i legami che si legano possono essere più fragili quando la strada per il successo inizia a diventare accidentata: le caratteristiche del giocatore trascureremo e rimarremo quando il tifo per una squadra vincente potrebbe non essere facile da inghiottire in una squadra che vanifica la sua base di fan.

L'influenza della razza sulla percezione sociale è sempre un argomento controverso ed è difficile dimostrarlo in ogni caso. In questo giorno ed età, nessuno ammette mai di essere prevenuto dalla razza. In ogni situazione particolare, ci sono sempre spiegazioni alternative, neutre rispetto alla razza, disponibili per il risultato in questione. E la maggior parte degli Americani Bianchi non si oppone al vedere pregiudizi razziali in qualcosa di diverso da semplici esempi di fanatismo clamoroso e intenzionale. Ma visto che la squadra di pallacanestro maschile degli Stati Uniti del 2008 inizia i preparativi finali per Pechino, è interessante considerare il potenziale ruolo della razza mentre rivisitiamo il curioso caso della squadra del 2004, la rara eccezione allo sciovinismo degli appassionati di sport, l'anomala squadra olimpica degli Stati Uniti. che gli americani amavano odiare.

Sono sicuro che molti di voi leggeranno questa voce e non saranno d'accordo, sosterranno che la gara non ha avuto nulla a che fare con la risposta pubblica alla squadra del 2004. Quindi, solo per stimolare un po 'di più, permettetemi di lasciarvi con un ultimo argomento di discussione e dibattito, uno che irrita quasi tutti i fan dello sport con cui condivido: Allen Iverson è un futuro giocatore di basket Hall of Fame chi ha fatto una carriera senza paura gettando il suo sottotaglio, 6 ', 170 libbre. inquadrare una folla di giocatori molto più alti e più forti di lui.

Se Iverson avesse questo aspetto:

invece di apparire così:

la sua statura leggera e la sua storia di vita redentrice lo avrebbero reso l'atleta più popolare del paese, ornato di poster da camera da letto a Dallas a Dubuque, in contrasto con un esempio prototipico citato da molti appassionati di sport bianchi per la loro disillusione verso gli atleti di oggi.

Come si suol dire, discutere tra di voi …

Solutions Collecting From Web of "Rosso, bianco e blu, ma anche bianco e nero"