Rorie Hutter su Innisfree Village

Eric Maisel
Fonte: Eric Maisel

La seguente intervista fa parte di una serie di interviste sul "futuro della salute mentale" che durerà per oltre 100 giorni. Questa serie presenta diversi punti di vista su ciò che aiuta una persona in difficoltà. Ho mirato ad essere ecumenico e ho incluso molti punti di vista diversi dal mio. Spero che vi piaccia. Come per ogni servizio e risorsa nel campo della salute mentale, si prega di fare la dovuta diligenza. Se desideri saperne di più su queste filosofie, servizi e organizzazioni menzionati, segui i link forniti.

**

Intervista a Rorie Hutter

Il sistema di salute mentale ha un forte senso top-down: un "esperto" ti dice quello che hai (cioè fa una "diagnosi") e ti dice di cosa hai bisogno (cioè "prescrive farmaci"). È difficile sfuggire alla sensazione di essere giù non appena si entra nel sistema di salute mentale. Alcune istituzioni, tuttavia, cercano di minimizzare questo sentimento, sia dal linguaggio che usano sia dalle azioni che intraprendono. Ecco Rorie Hutter in Innisfree Village.

EM: Puoi parlarci un po 'di Innisfree Village?

RH: Innisfree Village è una comunità di condivisione della vita in cui adulti con disabilità intellettive e dello sviluppo (indicati come collaboratori) vivono e lavorano a fianco di operatori sanitari volontari. Innisfree è stata fondata nel 1971 e si trova in una fattoria di 550 acri nella Virginia centrale. Gli individui vivono in case familiari e lavorano quattro giorni alla settimana in quelle che chiamiamo stazioni di lavoro terapeutiche: fattoria, giardini, cucina, panetteria, tessitura, bottega del legno. Partecipano inoltre a una varietà di terapie espressive, tra cui arte, musica e ceramica e partecipano agli eventi della comunità nelle vicine Charlottesville e Crozet. Il focus della comunità è quello di fornire agli individui la massima indipendenza in un ambiente sicuro, salubre e nutriente.

EM: Diresti che hai una filosofia di base riguardo a cosa aiuta le persone in difficoltà?

RH: le persone in difficoltà devono sentirsi al sicuro. Quando qualcuno nella nostra comunità è sconvolto da qualcosa, cerchiamo di leggere i loro segnali e fornire supporto in modo personalizzato che li aiuti. Per alcune persone, l'impostazione dei confini è importante, ma dobbiamo anche avere la flessibilità necessaria per soddisfare i loro bisogni al momento. Spesso, offriremo una passeggiata, un drink d'acqua o qualche altra attività ristorativa. Inoltre, le relazioni tendono a formarsi tra le persone in modo tale che un collaboratore può essere particolarmente vicino a uno specifico volontario o membro del personale e quella persona può andare a parlare con loro durante i periodi di difficoltà. Nel corso del tempo, cerchiamo di aiutare i colleghi a sviluppare meccanismi di coping flessibili che possano essere utilizzati in una varietà di situazioni.

EM: Quali sono le tue opinioni sul cosiddetto farmaco psichiatrico in riferimento alle persone che servi?

RH: Molti dei nostri colleghi hanno diagnosi concomitanti di malattie mentali e assumono farmaci psicotropi. Cerchiamo di collaborare con i professionisti medici e le famiglie per garantire che tutti siano sulla stessa pagina in merito ai cambiamenti nel comportamento o nel funzionamento emotivo che abbiamo osservato. Quando hanno la possibilità di farlo, i collaboratori contribuiscono anche a questa discussione. Se si devono usare farmaci psicotropi, l'obiettivo non è quello di soggiogare la persona, ma di aiutarli a godersi la vita quotidiana qui. Per molti, la dieta salutare, l'esercizio e le attività qui hanno anche un effetto terapeutico e il bisogno di farmaci nel tempo può diminuire. Tuttavia, non siamo una struttura medica e quindi non prendiamo queste decisioni unilateralmente.

EM: In che modo le persone possono sostenere "comunità di cura" come la tua, o specificamente te o, più in generale, il concetto di "comunità di cura"?

RH: Una cosa che le persone possono fare è rendersi conto che una taglia non va bene per tutti. Le comunità come la nostra sono state a volte criticate per non essere abbastanza "inclusive", tuttavia, molti dei nostri colleghi hanno più indipendenza e sono più felici in questo ambiente che in alternative più urbane che potrebbero essere considerate tradizionalmente inclusive. Recentemente abbiamo anche avuto uno dei nostri colleghi che viveva in una delle nostre case a Charlottesville, con la richiesta di trasferirsi nel villaggio. Avere una maggiore densità di vicini non significa che le persone abbiano una vita sociale di qualità superiore o che siano più felici. Proprio come tu o io siamo in grado di scegliere di vivere più o meno rettamente, i nostri individui possono scegliere di vivere in comunità dove sono circondati da bellezze naturali, possono camminare nelle case dei loro vicini e possono comunque avere accesso alla cultura locale del nostro città vicine. Apprezziamo anche il sostegno della nostra comunità per includerci in inviti a partecipare a più ampie attività della comunità, opportunità di volontariato, servizi di culto ed eventi culturali.

EM: Se tu avessi una persona amata in un disagio emotivo o mentale, cosa suggeriresti che lui o lei faccia o provi?

RH: Spero che questa persona possa appoggiarsi al sostegno di una rete di familiari e amici. Farei in modo che la persona sentisse che c'era qualcuno con cui potevano parlare delle loro difficoltà. Da lì, vorrei incoraggiare un approccio olistico. Avere la persona a guardare problemi di salute, dieta, esercizio fisico e fonti di stress è uno strato importante, ma incoraggerei anche la consultazione medica per assicurarmi che non stessimo minimizzando un problema che potrebbe diventare più serio. Incoraggerei la persona a identificare una o due persone come difensore medico per loro in modo che in tempi di vulnerabilità, qualcuno fosse lì per assicurarsi che stessero ottenendo ciò di cui hanno bisogno. Essendo cresciuto personalmente con un genitore con una grave malattia mentale, ho visto di prima mano come l'impatto della malattia mentale si estende a tutte le aree della vita di una persona e quanto sia critico che il supporto e il trattamento non siano limitati solo all'intervento farmaceutico.

**

Rorie è entrato in Innisfree nel 2015 come direttore esecutivo. Prima di venire a Innisfree, ha lavorato presso il Virginia Institute of Autism di Charlottesville per 15 anni in vari ruoli tra cui il direttore della formazione e il direttore della formazione e della consulenza. Rorie è cresciuta a Greenbelt, nel Maryland, e ha conseguito la laurea in psicologia presso l'Università della Virginia. Ha conseguito un master in educazione speciale presso la Old Dominion University ed è un'analista di comportamento certificata (BCBA).

Sito Web: innisfreevillage.org

Background e cronologia: http://www.innisfreevillage.org/about-us/history/

**

Eric Maisel, Ph.D., è l'autore di oltre 40 libri, tra cui The Future of Mental Health, Ripensare la depressione, Padroneggiare l'ansia creativa, Boot Boot per la vita e The Van Gogh Blues. Scrivi Dr. Maisel a ericmaisel@hotmail.com, visitalo su http://www.ericmaisel.com e scopri di più sul futuro del movimento per la salute mentale su http://www.thefutureofmentalhealth.com

Per saperne di più e / o per acquistare The Future of Mental Health visita qui

Per vedere il roster completo di 100 ospiti intervistati, visita qui:

Interview Series

Solutions Collecting From Web of "Rorie Hutter su Innisfree Village"