Romanticismo: amore nell'età dell'ironia

Alcune persone non si sentono sicure nell'amore a meno che non sia completo, assoluto e incondizionato. Gli altri (io, per esempio) si sentono sicuri in amore quando non lo sono. Mi sento più sicuro quando io e coloro che amo con me, sappiamo che l'amore non può mai essere completo, assoluto e incondizionato, che l'amore incondizionato è incondizionato solo in determinate condizioni. Se quelle condizioni certe possono essere invocate per durare a lungo, allora l'amore può sentirsi incondizionato, ma non lo è mai realmente.

Questo tipo di pragmatismo romantico può applicarsi non solo alle relazioni d'amore, ma a tutte le cose che amiamo. La domanda che tutti affrontiamo è come amare in un mondo in cui tutto cambia; come abbracciare la vita anche se non si riesce a mantenerla. Per me la risposta sta nel "romanticismo".

Romanticismo è un impegno sia per il desiderio romantico di sempre felicemente, per il distacco e l'indifferenza del cinico. (Indifferenza non altezzosa: è una recente aggiunta a quella che è nata come una rispettata scuola di filosofia greca che coltivava la neutralità). Non è un ibrido o una fusione dei due. È un allungamento prolungato sia nei caldi fuzzies del cuore che nella fredda razionalità della testa.

Solo il romanticismo o il cinismo sono pericolosi. I romantici sono facilmente feriti. I cinici sono prontamente offensivi. Mediati sono insignificanti. Le persone che sono leggermente romantiche e leggermente ciniche sono miti. Ma se riesci a praticare lo yoga, ti impegni in un profondo impegno per il romantico e un fermo impegno nei confronti del cinico, anche se la tensione impone a te stesso dolore e irrevocabilità, lo stato risultante è agrodolce, vivido e vero.

I quaccheri dicono: "Costruisci per durare cento anni; essere pronto a partire domani. "

I buddisti dicono: "Anche se il mio cuore è in fiamme, i miei occhi sono freddi come cenere".

Un editore del New York Times ha detto: "Mantieni una mente aperta ma non lasciare che il cervello si spenga".

F. Scott Fitzgerald ha dichiarato: "Il test di un'intelligenza di prim'ordine è la capacità di tenere in mente due idee opposte e allo stesso tempo mantenere la capacità di agire".

Shakespeare termina il sonetto d'amore di un uomo morente al suo giovane amante, "Questo tu percepisci, che rende il tuo amore più forte, ad amare così bene che devi lasciarti molto tempo." Amore più forte, non più debole. Bruciare d'amore pur sapendo che anche questo passerà.

Per me, il romanticismo sembra l'unico modo per amare in modo sicuro, sano e generoso. Generosamente perché a volte la cosa più amorevole da fare è lasciare qualcuno da solo. Il vero amore richiede un ampio repertorio e la flessibilità pragmatica per adattarsi a ciò che è necessario. Il vero amore non può essere raggiunto con l'adorazione da solo, almeno non in questi giorni.

Oggigiorno l'umanità sa di più su se stessa, più sulla lunga visione che mai. Culturalmente, siamo stati intorno all'isolato alcune volte. Abbiamo visto tutti i tipi di cose. Le nostre spiegazioni stanno diventando più affidabili e accurate. E poiché le cose stanno cambiando più velocemente che mai, ci sono più prove che ciò che ami non durerà a lungo. È più difficile essere un puro romantico in questi giorni, credendo di poter rimanere aggrappati a qualcuno o qualcosa come se durasse per sempre. Anche le nostre credenze più sincere non si fermeranno. La nostra perdita di ingenuità ci rende disadattati. Ci stiamo arrendendo naturalmente al cinico, distaccato da quello che presto sparirà comunque.

Eppure c'è anche più motivo per essere romantico. Almeno nei paesi ricchi, siamo abituati a cose che vanno bene. La nostra avanzata economia di mercato incoraggia il romanticismo, la convinzione che prodotti, servizi e persone possano renderci felici per sempre. Abbiamo goduto di progressi tecnologici affidabili per un tempo sufficiente a supporre che l'ideale sia imminente: ciò che non è perfetto ora sarà presto.

Altre ragioni per sperare; più motivi per sospettare di speranza. Il nostro successo tecnologico ha radicato in noi la fiducia e la fiducia nel potenziale per un lieto fine, mentre la nostra esperienza ci dà più motivi per dubitare che i finali che vedremo saranno felici.

Essere divisi tra il romanticismo e il cinismo è destinato a sentirsi instabile, ma è anche un modo ammirevolmente accurato per interpretare ciò che la vita ha da offrire. È come l'ironia, il movimento culturale il cui motto è "No sul serio, sto solo scherzando". Come l'ironia, il romanticismo può essere trasformato in una fuga di sciocchezze, come se un paradosso dichiaratamente calvo trasformasse ogni assurdità in un'assurdità. Stirarsi per mettere un piede in entrambi i campi può essere una ricetta per la mancanza di terreno. Ma la base salda di entrambi rende uno stile di vita onesto e profondo.

Consiglierei il romanticismo a chiunque, ma sospetto che ciò avvenga naturalmente ad alcuni di noi e non agli altri. Alcune persone sembrano semplicemente nate per credere o non credere. E certamente alcune circostanze rendono più difficile essere romantici di altri. Sospetto che il mio temperamento e le circostanze contribuiscano a rendere il romanticinismo la soluzione più ovvia.

Conosco persone che pensano che sia la soluzione più ovvia, ma non perseguitele perché i loro temperamenti non si adegueranno – persone che a metà vita riconoscono i difetti in una visione puramente romantica dell'amore, ma non possono fare a meno di cadere e poi si brucia e poi cade e si brucia di nuovo. Diventano più tristi ma non più saggi, e lo sanno ma non riescono a capire cosa fare al riguardo.

La giuria non sa se possiamo adattarci all'età ironica che abbiamo creato. Romanticismo sembra la cornice mentale adattiva per questo, ma che alcuni di noi non riescono a ottenere da qui.

Ecco il sonetto di Shakespeare completo:

Sonetto 73

In quel periodo dell'anno puoi vedere in me
Quando le foglie gialle, o nessuna, o poche, si bloccano
Su quei rami che tremano contro il freddo,
Bare rovinava i cori, dove in ritardo cantavano gli uccelli dolci.
In me vedi il crepuscolo di quel giorno
Come dopo il tramonto svanisce nell'ovest,
Che a poco a poco la notte nera porta via,
Il secondo io della morte, che chiude tutto in riposo.

In me vedi l'incandescenza di un tale fuoco,
Quello sulle ceneri della sua giovinezza mente,
Come il letto di morte su cui deve scadere,
Consumato con ciò di cui era nutrito.
Questo tu percepisci, che rende il tuo amore più forte,
Ad amare quel bene che devi lasciare prima.

Solutions Collecting From Web of "Romanticismo: amore nell'età dell'ironia"