Rock On: far parlare i tuoi ragazzi

Visualizza immagine | gettyimages.com

No, non sto sostenendo tattiche di interrogatorio per far parlare tuo figlio. Ma ci sono modi per incoraggiare gli adolescenti a rivelare i loro pensieri, le paure più profonde, i piani e i sogni. Hanno bisogno di condividerle con te, ma la condivisione deve essere alle loro condizioni. Il tuo compito è creare situazioni che permettano loro di parlare. 1

Quando recentemente ci siamo trasferiti in una nuova casa, finalmente ho avuto la cucina e la sala da pranzo a pianta aperta che avevo sempre desiderato. Ho tirato fuori la sedia a dondolo che avevo usato quando i miei ragazzi erano giovani e l'ho messo in un angolo vicino all'area di lavoro. Mi ricordai di quando, da adolescente, sedevo su una sedia a dondolo nella nostra cucina della fattoria, riversando i miei problemi a mia madre mentre cucinava la cena. Mi dava spesso le spalle mentre lavava verdure, tritate, saltate e china sul forno. Ma lei non ha perso un singolo dettaglio, e ha risposto con simpatia in mezzo alla sua attività.

Il trucco di mia madre funziona.

Ho già avuto diverse "sessioni" con la mia più giovane adolescente nella sedia a dondolo mentre mi sono occupato in cucina. Come stare seduti in macchina insieme (purché non sia tuo figlio a guidare), o camminare, c'è qualcosa nel movimento gentile del rocker che allenta la lingua di un adolescente. O forse è dovuto al fatto di non essere in contatto visivo diretto, che gli adolescenti, come altri primati, possono vedere come una minaccia.

Qualunque sia la ragione, queste attività di conversazione faranno meraviglie per il tuo rapporto con tuo figlio. 2 Quando finalmente iniziano a parlare, tuttavia, assicurati di aumentare il flusso piuttosto che chiuderlo con le seguenti tecniche: 3

1. Davvero, ascolta DAVVERO. Con un adolescente, il tuo tempo di ascolto dovrebbe superare di molto il tuo tempo di conversazione.

2. Per mostrare ai tuoi ragazzi che stai ascoltando veramente, scambia le parole dei tuoi ragazzi di tanto in tanto, non ripetendo tutto ciò che dicono, naturalmente, ma ripetendo alcune frasi chiave qua e là, con un'intonazione interrogativa per assicurarti di aver capito bene. "E 'stata Julia a dirlo, giusto?" "Stai pensando che Mike sia arrabbiato con te?"

3. Riassumi ogni tanto per assicurarti di aver capito. "Quindi non ti piace la lezione di inglese, e pensi che l'insegnante ce l'abbia per te." Non valutare, almeno in questo momento.

4. Fai una domanda occasionale. Va bene essere un po 'indagatori, ma cammina con cautela. "Hai pensato a …?" "Cosa pensa X di Y?" "Cosa farai se X dovesse succedere?"

5. Chiedi di emozioni. I giovani hanno ancora del lavoro da fare per comprendere le cause e le conseguenze delle loro emozioni e quelle degli altri. 4 "Come ti sei sentito quando l'ha detto?"

6. Valutare e dare consigli con molta parsimonia. "E se tu …?" "Hai provato …" L'atto di rivelazione da solo aiuterà il tuo adolescente a risolvere il problema, non cercare di risolverlo completamente per loro. Più che probabile, se tuo figlio ti sta rivelando, sa già cosa dovrebbero fare. Un consiglio ambiguo li renderà meno propensi a rivelare in futuro.

Ricorda che il tuo rapporto con tuo figlio è ancora di vitale importanza per il loro sviluppo e il loro benessere. 5 Anche se sembrano non aver più bisogno di te, lo fanno. Il modo in cui comunichi con loro in questa età cruciale è altrettanto importante e forse anche più importante di quando erano più giovani. Una buona comunicazione può mantenere e rafforzare una relazione, e può anche trasformare una relazione che è diventata instabile.

Quindi tienili a dondolo e falli parlare.

Riferimenti

1 Faber, A., & Mazlish, E. (2005). Come parlare in modo che i ragazzi ascolteranno e ascolteranno così gli adolescenti parleranno. Harper Audio.

2 Smetana, JG, Villalobos, M., Tasopoulos-Chan, M., Gettman, DC, e Campione-Barr, N. (2009). Divulgazione dei genitori agli inizi e agli adolescenti in merito a attività in diversi settori. Journal of Adolescence, 32, 693-713.

3 Reese, E. (2013). Raccontami una storia: condividere storie per arricchire il mondo di tuo figlio. NY: Oxford.

4 Fivush, R., Marin, K., McWilliams, K., & Bohanek, JG (2009). Stile di reminiscenza familiare: genere genitore ed attenzione emotiva in relazione al benessere del bambino. Journal of Cognition and Development, 10, 210-235.

5 Nada Raja, S., McGee, R., & Stanton, WR (1992). Allegati percepiti a genitori e compagni e benessere psicologico nell'adolescenza. Journal of Youth and Adolescence, 21, 471-485.

Solutions Collecting From Web of "Rock On: far parlare i tuoi ragazzi"