Rivisitare "Be Here Now"

Wikimedia Commons image by Joan Halifax
Fonte: immagine di Wikimedia Commons di Joan Halifax

Durante gli anni del college negli anni '70, mi ha colpito il libro Be Here Now, una bibbia controculturale scritta dall'ex psicologo di Harvard e insegnante spirituale Ram Dass. Vendendo oltre due milioni di copie, è stata una delle prime guide per gli occidentali interessati a incarnare la spiritualità orientale e ha influenzato luminari come Steve Jobs e Wayne Dyer.

Come suggerisce il titolo, l'essenza di Be Here Now è che ci stiamo perdendo la vita se viviamo nelle nostre teste piuttosto che connetterci con l'immediatezza di essere vivi. Le pratiche spirituali sono necessarie per riportarci al vivido momento presente. Ma questi insegnamenti spirituali ci aiutano effettivamente a connetterci con qualcosa di più profondo o ci incoraggiano ad evitare la dimensione umana delle nostre vite?

Dopo aver ricevuto il mio dottorato in psicologia transpersonale molti anni fa, mi sono interessato all'interfaccia tra pratica spirituale e psicologia del suono. Il mio interesse per questo articolo è quello di esplorare una visione psicologicamente corretta dell'essere nel momento presente in relazione al modo di affrontare i nostri sentimenti.

Vorrei essere chiaro: sono un grande fan di vivere nel momento presente. Come disse rabbiosamente Hillel, "Se non ora, quando?" Eppure, da psicoterapeuta da trentacinque anni, ho osservato che molte persone perseguono la spiritualità in un modo che li disconnette da se stessi e dal momento presente. In breve, usano la spiritualità per evitare i sentimenti che sorgono nel momento. Nel mio libro, Danza con il fuoco, spiego come gli insegnamenti spirituali possono indurci ad evitare e sopprimere il fuoco delle nostre emozioni piuttosto che ballare ad arte con loro:

"Come possiamo affrontare emozioni appassionate in modi che approfondiscono l'amore e l'ulteriore sviluppo spirituale? Possiamo accogliere la sfida della vita a ballare consapevolmente con il fuoco dell'amore piuttosto che cercare di estinguerlo o bruciarlo? "

Un termine spesso usato per descrivere l'evitamento emotivo da parte di persone incline alla spiritualità è il superamento spirituale. Coniato dallo psicologo John Welwood, questo termine riflette la tendenza a usare la pratica spirituale come un modo per negare o minimizzare sentimenti spiacevoli. La meditazione o la pratica spirituale possono essere un tentativo di lanciarsi in un mondo libero dalla sofferenza e dal disagio. Tuttavia, essere vivi significa sperimentare una gamma completa di emozioni umane, a volte spiacevoli o difficili.

Se usiamo la pratica spirituale per minimizzare o aggirare i sentimenti umani, potremmo non aver ottenuto nulla di più che armarci di un sottile meccanismo difensivo. Incontrando paura o dolore, potremmo attingere alla nostra convinzione spirituale che questi fastidiosi sentimenti non dovrebbero distrarci dal nostro percorso spirituale. Piuttosto che essere veramente una persona spiritualmente sveglia, che significa essere svegli all'intera gamma della nostra esperienza umana, potremmo aggrapparci all'immagine di di essere una persona spirituale – un essere elevato che non può essere disturbato da emozioni "umili" . Potremmo aggrapparci alla convinzione che sono i nostri pensieri che creano tutte le emozioni umane – riducendo la crescita spirituale semplicemente modificando il nostro processo mentale piuttosto che riconoscere coraggiosamente qualsiasi cosa succeda che sorga nel momento – ed essere gentilmente presenti con loro.

Concentrandosi come un percorso verso l'abbracciare i sentimenti

La messa a fuoco è un approccio sviluppato attraverso la ricerca del Dr. Eugene Gendlin all'Università di Chicago negli anni '60. Il suo team di ricerca ha scoperto che qualunque fosse la metodologia del terapeuta, quei clienti che stavano progredendo in psicoterapia stavano portando attenzione all'interno dei loro corpi, assistendo al flusso momento per momento della loro esperienza interiore. In sostanza, questi clienti naturalmente dotati erano Focusing . Ha sviluppato una metodologia in modo che altri possano imparare questo modo naturale di frequentare l'esperienza interiore.

Concentrarsi è una pratica di essere consapevoli della nostra esperienza provata. Offre un parallelo alla pratica popolare della consapevolezza – portando consapevolezza ai sentimenti così come esistono nel nostro corpo. Ciò che viene chiamato "Focusing Attitude" è simile alla pratica buddista di amorevole benignità verso noi stessi – salutiamo tutto ciò che accade per sperimentare nel momento con una presenza gentile e amichevole.

Tessendo insieme Concentrandoci con la presenza mentale ci posizioniamo ad essere-qui-ora in un modo che fa spazio alla nostra esperienza umana. Sviluppiamo una relazione amichevole con i nostri sentimenti senza aggrapparci a loro o essere sopraffatti da loro. Una delicata consapevolezza verso le nostre emozioni umane apre una via di mezzo tra l'identificazione eccessiva con i sentimenti (ci fondiamo ciecamente con loro) e allontanandoli. Piuttosto che inserirci in un modello spiritualizzato di come supponiamo di essere, sentire o agire, impariamo cosa significa in realtà essere-qui-ora. Facciamo la scoperta liberatrice che non c'è nessuno in particolare che dobbiamo essere e da nessuna parte dobbiamo andare mentre facciamo ampio spazio alla nostra umanità, riposando sempre più comodamente con dove siamo adesso.

© John Amodeo

www.johnamodeo.com

Immagine di Commons di Wikimedia da Joan Halifax

Per favore, mi piace la mia pagina Facebook e clicca su "ricevi notifiche" (sotto "Mi piace") per ricevere i post futuri.

John Amodeo, Ph.D., MFT, è autore di Dancing with Fire: un modo consapevole di amare i rapporti, che ha vinto il Silver Independent Publisher Book Award 2014 nella categoria delle relazioni. I suoi altri libri includono The Authentic Heart e Love & Betrayal. È stato un terapeuta specializzato in matrimonio e famiglia per 35 anni nella zona della Baia di San Francisco e ha condotto workshop a livello internazionale su relazioni e terapia di coppia.

Solutions Collecting From Web of "Rivisitare "Be Here Now""