Rituali specifici possono verificarsi prima di un evento?

Dovresti avere una routine di riscaldamento per il lavoro? Secondo Dan McGinn, autore di Psyched Up: come la scienza della preparazione mentale può aiutarti a fare, quello che fai prima di una performance fa la differenza in quella performance. Scopri come puoi manipolare il tuo ambiente per ridurre l'ansia, utilizzare le visualizzazioni mentali per aumentare la tua sicurezza e scegliere i brani che ti portano nella "zona". Ascolta qui.

Trascrizione

Peter: benvenuto al podcast di Bregman Leadership. Sono Peter Bregman, il tuo ospite e CEO di Bregman Partners. Questo podcast è parte della mia missione per aiutarti a ottenere una grande trazione sulle cose che contano di più.

Daniel McGinn è sul podcast oggi. È un editore senior presso la Harvard Business Review. La sua scrittura è apparsa su Wire, The Boston Globe, Newsweek. Vive a Boston e il libro di cui siamo qui a parlare è "Psyched Up: come la scienza della preparazione mentale può aiutarti ad avere successo". Dan, benvenuto nel podcast.

Daniel: Ciao, Peter.

Peter: La premessa di questo è che ciò che fai immediatamente prima di una performance fa la differenza per le prestazioni. Sto pensando a questo giusto?

Daniel: Sì. Sei. Se guardi gli sport nei fine settimana, che si tratti di una partita di calcio professionista o se guardi le Olimpiadi ogni poche estati, vedrai gli atleti nei momenti prima di scendere in campo o saltare in piscina o salire sulla pista coinvolta Una routine. Vedrai che "bloccano" i loro occhi. Hanno spesso le cuffie. Stanno ascoltando una certa playlist. Gli è stato insegnato cosa fare in quegli ultimi momenti per cercare di ottimizzare e dare il massimo. L'argomento nel libro è che tu ed io non siamo Tom Brady o Michael Phelps, ma faremmo meglio il nostro lavoro se imparassimo a sviluppare lo stesso tipo di routine per quegli ultimi minuti prima di fare le attività in cui stiamo aggiungendo il maggior valore nelle nostre vite.

Peter: Ho sicuramente quell'immagine di Michael Phelps che cammina per nuotare con gli auricolari accesi, il suo iPod acceso. Sono in risonanza con quello. C'era una domanda di fondo che avevo mentre stavo leggendo il libro, che può essere così deliberato su un rituale pregame che ci mette in evidenza?

Daniel: Se sei così inflessibile e la routine richiede un sacco di cose rigide e va storto, quello potrebbe essere un aspetto negativo. Ecco un esempio di questo. C'era un famoso giocatore di baseball per i Red Sox anni fa, si chiamava Wade Boggs ed era incredibilmente ritualistico. Voleva fare tutte queste cose prima di una partita per sentirsi come se stesse entrando nel vivo e una di quelle routine era che voleva fare degli sprint attraverso l'outfield ogni notte esattamente 17 minuti prima del primo tiro. Le squadre avversarie si sono impadronite di questo e avrebbero effettivamente manipolato gli orologi nello stadio in modo da saltare il 17 ° minuto. Avrebbero effettivamente regolato gli orologi in avanti e indietro solo per fare scherzi con lui. Questo è un esempio di sì, se sei troppo rigido a riguardo, puoi prepararti a un problema, ma in generale, se la tua scelta è di non fare nulla, ma semplicemente siediti lì e sii nervoso. O hai qualcosa che aumenta la tua sicurezza, riduce l'ansia e porta la tua energia al giusto livello, probabilmente stai meglio facendo qualcosa.

Peter: È interessante. Parlaci di adrenalina perché è quello di cui stai parlando, che hai energia che ti scorre e qual è il modo migliore per gestirlo o gestirlo. So che hai scritto di questo nel libro, ma l'ho capito davvero solo ora che hai detto questo, che è qualcosa che succederà in anticipo. Si tratta di come lo gestisci e di come lo gestisci e in che modo lo fai. Penso che tutto ritorni ad adrenalina, giusto?

Daniel: Sì. Lo fa. Le persone mi chiedono dove mi è venuta l'idea di questo libro e vengo da una varietà di luoghi, ma uno di loro era molto lontano dalle superiori. Ho giocato a football alle scuole superiori e alle superiori. Non ero molto bravo in nessuno dei due, ma sono rimasto affascinato dalle cose che gli allenatori avrebbero fatto e dalle cose che i giocatori avrebbero fatto per prepararsi in quegli ultimi momenti. Allora, pensavo che essere eccitato riguardasse l'adrenalina. Pensavo fosse come un interruttore della luce. Lo accenderebbe e il tuo corpo avrebbe improvvisamente ottenuto questa energia nervosa e tu avresti saltato su e giù.

Una volta che ho iniziato a esaminare la ricerca e parlare con lo psicologo, parlando ad alte prestazioni, l'adrenalina è sicuramente parte di esso, ma penso che si tratti più delle emozioni che degli ormoni. Penso che si tratti di affrontare quella scarica di adrenalina in modo che diventi additivo e non sottrattivo. Si tratta davvero di ansia, sicurezza ed energia. Queste sono le tre cose che penso siano più importanti dell'adrenalina.

Peter: Tu parli in termini di regolazione delle emozioni: selezione della situazione, modifica della situazione e dispiegamento dell'attenzione. Vuoi darci una frase su ciascuno?

Daniel: Sì. Penso che tu possa fare cose per manipolare il tuo ambiente per cercare di ridurre quel senso di ansia. Uno degli esempi nel libro … Carly Simon è un artista che ha avuto molti problemi con la paura del palcoscenico. In realtà ha smesso di esibirsi per otto anni perché si innervosiva sul palco. Ha provato ogni genere di cose per evitare che ciò accada. Una delle cose che ha sperimentato è stata cambiare l'illuminazione dei suoi spettacoli in modo che invece di essere al buio e di essere il punto focale sul palco sotto i riflettori, lei avrebbe effettivamente illuminato la casa. La gente poteva ancora vederla sul palco, ma questo la faceva sentire un po 'meno al centro dell'attenzione. La rendeva un po 'meno stressata, un po' più a suo agio. Questo è un ottimo esempio di come provare a manipolare il tuo ambiente e la situazione per aiutare le probabilità di dare una buona prestazione.

Peter: Penso che sia un ottimo esempio. Quando penso ai leader che ascoltano questo podcast e le persone che si trovano in ogni genere di situazioni, spesso entriamo in una stanza e facciamo semplicemente ciò che ci si aspetta da noi senza la sensazione che in realtà possiamo manipolare questo ambiente un po 'per adattarci a noi meglio. È una grande lezione che dice che hai un po 'di potere in questa situazione. Voglio dire che non siamo tutti Simon Carly, ma puoi scegliere di utilizzare PowerPoint o meno, a seconda che funzioni per te. Puoi scegliere di porre domande o coinvolgere le persone in una conversazione che ti rende meno importante. C'è un numero di cose che potremmo fare come Carly che ci consente di prendere il controllo dell'ambiente.

Daniel: Sì. Mentre la maggior parte dei casi d'uso che vengono in mente quando si pensa a un libro come questo sono quelle grandi presentazioni pubbliche. Stai dando un TED Talk o stai parlando con il tuo consiglio di amministrazione. Ci sono molti ambienti più tranquilli in cui alcuni di noi stanno eseguendo che possiamo fare lo stesso genere di cose. Sono un esempio di questo. Devo parlare del mio lavoro in ambienti come questo o in un ambiente pubblico, ma molti dei momenti più importanti per me sono quando scrivo da solo nel mio ufficio. Cerco di manipolare quell'ambiente. Non è molto stressante stare seduti in un ufficio da solo a scrivere, ma se guardi intorno alla mia scrivania, vedrai foto incorniciate di cose che ho scritto negli anni passati.

A volte prima di sedermi a scrivere, prendo due minuti e leggo qualcosa che ho scritto cinque o dieci anni fa, che pensavo fosse davvero buono perché voglio avere quel successo nella mia mente prima di sedermi per farlo di nuovo. Puoi manipolare anche il tuo ambiente d'ufficio per mettere quei promemoria del tuo io migliore di fronte a te in modo che quando alzi lo sguardo dalla tua scrivania, ti verrà semplicemente ricordato, hey, sono un artista piuttosto abile qui. Mi siederò e lo farò di nuovo.

Peter: Beh, non posso permetterti di dire che senza aver lanciato questo piccolo dettaglio eccentrico hai mandato via email a Malcolm Gladwell e hai usato la sua tastiera per un certo periodo di tempo per vedere se ciò influisse sulla tua scrittura.

Daniel: l' ho fatto Si. C'è una ricerca. In realtà ho scritto su di esso in Harvard Business Review un gruppo di anni fa. Sono stati condotti studi di ricerca che esaminano il modo in cui le persone si esibiscono se usano solo un oggetto o uno strumento normale contro un oggetto o uno strumento che ritengono sia stato utilizzato da una celebrità o da un artista di alto livello. Uno studio ha coinvolto mazze da golf. Un altro studio ha coinvolto guide di studio per gli esami.

Ho provato a sfruttare questo potere di un oggetto fisico fortunato. Ho mandato un'email a Malcolm. Gli ho detto cosa stavo facendo. Gli ho mostrato lo studio. Gli ho spedito una nuova tastiera nella scatola. Ci ha scritto per tre mesi. Me lo ha rispedito. Ho scritto il libro su di esso. Ce l'ho. Non lo uso tutti i giorni. Cerco di non esagerare con i suoi poteri magici. Cerco di estrarlo solo per incarichi che si sentono particolarmente high-stakes o che hanno alcuni … che mi sento un po 'ansioso. Non lo uso eccessivamente, ma è la mia tastiera fortunata. Lo estraggo quando ne ho bisogno.

Peter: parli di rituali e superstizioni, che forse è questa. Forse non è così, ma tu descrivi il rituale pre-show di Colbert in molti dettagli. Devo ammettere, è un po 'strano. Sembra una specie di disturbo ossessivo compulsivo e ci sono molte raccomandazioni nel libro che sembrano un po 'come se fossero OCD. Stai parlando del giocatore che è uscito esattamente 17 minuti prima che l'ora non sia poi così diversa da accendere l'interruttore della luce cinque volte prima di lasciare la stanza. Sono curioso di ascoltare i tuoi pensieri sulla distinzione di OCD o se l'OCD sia in realtà solo un'altra versione di rituali e superstizioni che ci permettono di esibirci.

Daniel: Sì. Penso che tu abbia ragione sul fatto che l'OCD esista su un continuum. Quando un'abitudine passa dall'essere una cosa produttiva e utile ad essere un comportamento nevrotico che è dannoso per la tua felicità? Nel caso di Colbert, Colbert ha una routine di backstage molto complessa. Implica … suona una campana dell'hotel. Sta facendo gesti con i vari membri dell'equipaggio nel backstage. Sta masticando una penna Bic e la rimette nella scatola. Sta fissando un punto sul muro; super elaborato e complicato. La domanda è ok, perché pensa che funzioni?

Le origini sono difficili da dire, ma quando hanno fatto studi su questa materia le conclusioni che raggiungono sono quelle numero uno, c'è qualcosa in questi rituali che funzionano come l'interruttore di accensione. Ti ricorda un po 'il corpo della pratica che hai fatto. Può aiutarti a entrare nel vivo. È come la sequenza iniziale in qualsiasi tipo di attività.

Numero due, c'è un elemento di distrazione. Anche se sei Stephen Colbert e hai fatto uno spettacolo di zillion, probabilmente sarai un po 'nervoso prima dello show e se la tua scelta è stare lì a essere nervoso e questo può essere negativo, avere qualcosa da tieniti occupato e occupato, quella può essere una delle cose che i rituali servono.

Peter: Da un lato, tutti questi rituali potrebbero essere buoni per ognuno di noi e so che alcuni di loro lo sono, e parleremo tra di loro in un minuto, e penso che molti artisti e le persone che si trovano in ambienti ad alto rendimento e ad alte prestazioni potrebbero essere un piccolo OCD. Per essere il miglior nuotatore al mondo, forse hai bisogno di essere un piccolo OCD. Per essere Colbert, forse devi essere un piccolo OCD. Mi chiedo fino a che punto questi rituali siano particolarmente potenti per le persone che hanno un po 'di quella caratteristica.

Daniel: Questa è un'osservazione interessante. È uno che non ho sentito, ma per me ha senso. Traggo una distinzione tra ciò che considererei la pratica, ovvero le 10.000 ore di preparazione sostanziale per qualunque attività si stia per fare, sia che si tratti di effettuare una chiamata di vendita. Se darai un TED Talk, è meglio che tu abbia scritto e praticato il diavolo di un discorso davvero buono. Le cose di cui sto parlando nel libro sono più simili a hack psicologici.

Non sostituiscono quella preparazione. Penso che il punto che stai facendo sia che alcuni dei migliori interpreti siano davvero, molto disciplinati riguardo al fatto di aver fatto quella pratica ancora e ancora, ancora e ancora e ancora nello stesso modo. C'è un aspetto simile a quello di OCD. È logico che anche il riscaldamento allo stesso modo possa avere senso. È un'osservazione interessante.

Peter: Mi ricorda anche questa storia. Questo è meno OCD e più ritualistico della storia che ho sentito molto tempo fa. Un amico stava visitando il vincitore del premio Nobel, Niels Bohr. Era un famoso scienziato di atomi. Stava visitando la sua casa. Mentre stanno parlando, questo tizio continuava a dare un'occhiata al ferro di cavallo che pendeva dalla porta. Alla fine, chiede a Niels: "Non può essere che tu, brillante scienziato, credi a questa sciocca superstizione a ferro di cavallo?" Niels, lo scienziato, rispose: "Certo che no, ma capisco che funzioni se ci credi o no non."

È questo il senso di non so se ci credo, ma non sono necessariamente disposto a prenderlo. Potrebbe ancora funzionare.

Daniel: Sì, è interessante. Una delle persone che ho intervistato per il libro era Jimmy Johnson, il conducente della NASCAR. Ha detto, più o meno, la stessa cosa. È il pilota più famoso, ma ha un centinaio di persone nel suo equipaggio dietro di lui che costruiscono le macchine, modificano i motori e fanno tutto questo. Ha detto: "Cerchiamo di non rimanere troppo attaccati a queste superstizioni. Non ne siamo veramente sicuri. Non ci crediamo davvero, ma non vogliamo rischiare, quindi comunque prenderemo parte a questa roba. "

Peter: È divertente. Parliamo di un paio degli altri oltre al rituale e alla superstizione. Parli dei discorsi di pep e tu dici qualcosa di interessante che non è il tipico discorso motivazionale in pregame. Non si tratta di eccitazione tanto quanto di messa a fuoco. Dare questo grande esempio della formula in cinque parti di Stanley McChrystal, giusto? Uno, ecco cosa ti sto chiedendo di fare. Due, ecco perché è importante. Tre, ecco perché so che puoi farcela. Quattro, pensa a quello che hai fatto insieme prima e ora andiamo a farlo e-

Daniel: sai …

Peter: Sì. Vai avanti.

Daniel: vai avanti. Mi dispiace.

Peter: No. Per favore, vai avanti.

Daniel: Beh, ho adorato la segnalazione in quel capitolo, in particolare perché è stato un grande esempio della natura stessa della ricerca accademica. Ho trovato persone che avevano assistito a discorsi di incoraggiamento militare. Ho trovato persone che avevano fatto ricerche su discorsi sportivi di successo. Ho trovato persone che facevano ricerche su trattative di business. I tre gruppi non si erano mai sentiti, non si erano mai guardati l'un l'altro. Pensavano che si trattasse di cose totalmente separate, ma quando in realtà li unisci tutti e li guardi tutti, hanno tutti lo stesso tipo di elementi. Qualcuno come McChrystal non ha mai guardato questa ricerca da solo, ma lo schema che usa si adatta al [non udibile 00:14:34].

Parte di un discorso di incoraggiamento sta dando istruzioni specifiche su di te; cosa vuoi fare. In parte si tratta di spiegare il motivo per cui è importante, dare un senso al riguardo e parte di esso è empatia, cercando di tracciare una connessione personale tra il leader e i seguaci e tra i membri della squadra stessi. Ho parlato con un gruppo di persone come McChrystal e tutti avevano la loro formula e le formule sono tutte uniche, ma erano tutte uguali. Avevano tutti davvero quei tre elementi ed è stato chiaro che … È un grande esempio della pratica della vita reale che abbina la ricerca anche se le persone non hanno mai letto la ricerca.

Peter: Sì. Lo adoro. Comincerò a usarlo perché penso che sia una formula che potrebbe essere applicata a così tante conversazioni diverse che mostrano empatia, che mostrano sicurezza, che mostrano una direzione che penso sia stata davvero preziosa per me. Che tipo di musica è motivazionale e come guida le prestazioni?

Daniel: Beh, è ​​molto personale. La canzone che ti motiva sarà probabilmente diversa dalla canzone che mi motiva. Ciò che probabilmente hanno in comune sono due cose. Le canzoni sono motivazionali in parte a causa di ciò che chiamano la musicalità intrinseca. Il reale come suona; il ritmo, il ritmo, il tempo, le parole. Ecco un buon test. Se la prima volta che ascolti una canzone, metti subito un po 'di vigore nel tuo passo e ti fa sentire un po' più energico, stai reagendo alla musicalità inerente.

La seconda cosa che rende motivazionale una canzone è il tuo ricordo emotivo, il contesto in cui esiste. Se ascolti la canzone dal tuo ballo di fine anno o da qualche altro momento cruciale della tua vita, anche un film che ricordi molto vividamente, non stai reagendo solo alla musica, stai reagendo al tuo ricordo e questo può essere energizzante e motivante allo stesso modo. Se trovi canzoni che colpiscono su entrambe le scatole, probabilmente sarà una canzone molto motivante per te.

Peter: ne parli come una droga che migliora le prestazioni legali. Quando penso a, quando vado a correre, e sento una canzone che mi dà un po 'di forza, mi sembra che possa essere una droga che migliora le prestazioni legali.

Daniel: Sì. Hanno effettivamente svolto test, condotto studi di ricerca, test A / B, dove avranno due gruppi di corridori che hanno pubblicato orari simili e tendono a correre a un ritmo simile. Avranno un gruppo di loro che ascolterà la colonna sonora Rocky e faranno in modo che un altro gruppo non ascolti nulla. In generale, ascoltando una sorta di musica motivazionale prima di eseguire un'attività del genere, aumenta le tue prestazioni.

Parlando del libro, la maggior parte dei corridori, se stanno facendo un sacco di allenamento serio, probabilmente hanno una playlist. Probabilmente passano un po 'di tempo ad aggiungere canzoni, a sottrarre canzoni perché tutti noi abbiamo sperimentato che essere stanchi e all'improvviso la canzone giusta si accende e ti fa davvero sollevare in un certo senso.

Peter: Dan, parli della visualizzazione di prove mentali di auto-conversazione. In questa categoria di Keys to Confidence, mi chiedo se l'hai provato. Recati anche a Daniel Kahneman, che parla di System 1 e System 2. È questo comportamento di risposta immediato rispetto alla concentrazione più lenta e attenta. Mi chiedo se la visualizzazione mentale delle prove di auto-gestazione possa funzionare contro di noi, nel senso che quando inizi a visualizzare qualcosa, mentre inizi a provarlo mentalmente, in realtà ti rende più stressato. Invece di farti entrare nella zona, ti fa uscire dalla zona.

Ricordo di aver letto Martin Buber, "Io e te", filosofo ebreo, che parlava di questi momenti "io-io" contro i momenti "io-tu". Un momento "io-tu" è quando sei completamente perso in connessione con l'oggetto a cui ti stai relazionando e un momento "io-io" è quando hai un dialogo interno. Lo stai guardando, ma non ne sei analitico o pensieroso, non sei necessariamente in quella zona.

L'ho riferito alle zone di Kahneman, giusto? Il che è che se sei in un momento "io-tu", sei davvero solo uno con qualunque cosa tu stia facendo. Questa è una lunga domanda, ma mi chiedo se la visualizzazione mentale di ripetizione dell'auto-collo ci porti fuori dalla zona e fuori dall'I-tu "connesso" un momento e ci porti in una piccola distanza che potrebbe effettivamente aumentare il nostro stress .

Daniel: Questa è una domanda interessante, e capisco. Fondamentalmente, la preoccupazione è che in molti contesti eseguiremo il nostro meglio, se saremo davvero presenti, e ci stiamo adattando, e forse siamo anche un po 'improvvisati per le circostanze. Se proviamo eccessivamente mentalmente possiamo creare una rigidità e una mancanza di adattabilità improvvisativa che riduce le nostre prestazioni? Posso certamente pensare a situazioni in cui ciò potrebbe essere vero, ma penso che sia necessario considerare il rischio al rialzo e il rischio al ribasso.

Per quanto mi riguarda, tendo a focalizzarmi maggiormente sui rischi al ribasso, e preferisco fare un certo grado di visualizzazione mentale, prove mentali e provare a immaginarmi nell'ambientazione facendo molto bene prima del tempo. Forse non ossessionare troppo su specificamente quali saranno le circostanze. Cerca di rimanere un po 'di flessibilità.

Per quanto mi riguarda, penso che sia probabilmente meglio prepararsi troppo e poi prepararsi. In termini di quanto faccio io stesso questa roba. Mi trovo come se guidassi la mia auto sulla strada per un incontro importante, passerò un po 'di tempo a pensare in modo piuttosto diretto su come voglio che la riunione vada, ma tendo anche a fare cose più retrospettive. Sono molto più propenso a ripensare all'ultima volta che ho avuto un incontro in cui l'ho schiacciato e riflettuto su come è andata.

Per me, è tanto riflettere sul successo passato per innescare me stesso quanto piuttosto ossessionare il dettaglio di ciò che sarà il prossimo incontro.

Peter: Adoro questo capitolo successivo e mi concentro sul fatto di arrabbiarmi perché è così insolito e ha molto senso, ma posso capire perché potrebbe anche essere inquietante o impegnativo. Questa idea che se parli di rifiuti, se ti arrabbi, in realtà potrebbe aiutare le prestazioni. Puoi parlarne un po '? Ovviamente, inserire un disclaimer del pericolo.

Daniel: Sì. Penso che per me riferire quel capitolo sia stato particolarmente interessante. Il punto più ampio qui è che ci sono molte tecniche nel libro e ne hai toccate molte. Tutti sono diversi e la musica potrebbe non funzionare per te, ma funziona per me. Un entusiasmo per una folla ironica, non coinvolta, che potrebbe non funzionare così bene per te. Potrebbe funzionare bene per me.

Ho scritto un intero capitolo su ostilità, rabbia e discorsi spazzatura. Ho esaminato la ricerca al suo interno. Non è una tecnica che è molto efficace per me. La rabbia è molto raramente un'emozione produttiva per me. Non sono concentrato sulla rivalità, quindi per me, non funziona molto bene. Ci sono persone e ci sono dei contesti. Se sei in vendita, usano le classifiche. C'è un sacco di misure. Ci sono molte cose di compensazione della curva forzata.

Persone in un certo tipo … L'atletica leggera, ovviamente, prospera sulla rivalità. Le persone in determinati contesti incontreranno la rabbia e l'ostilità e il parlare spazzatura come un dispositivo che può motivarli, ma sicuramente maneggiare con cura. Per me, non funziona molto bene.

Peter: Giusto. Uno dei temi che sto ascoltando nella nostra conversazione, di cui sono davvero affezionato, è questo tema, penso che sia affettuosamente chiamato me-search, ma questa idea è che qui ci sono un sacco di cose che le persone fanno per avere successo persone e pensa e pensa a te stesso su cosa funzionerà. La musica, se vuoi davvero usarla come una droga che migliora le prestazioni legali, devi ascoltare un po 'di musica e capire che cosa ti eccita e che cosa ti eccita.

Ho avuto un recente podcast con Bill Burnett e Dave Evans … "Designing Your Life", di Stanford. Un sacco della nostra conversazione era proprio questo, il che è che se hai intenzione di pensare al design, si tratta di un pregiudizio verso l'azione e la sperimentazione e la riflessione e vedere cosa funziona e vedere cosa non funziona. Quello che ci hai fornito in "Psyched Up" è un numero di strumenti che hanno funzionato per un numero di persone e che ci sono gli ingredienti per aiutarci a migliorare le nostre prestazioni al momento. La domanda è: quali funzioneranno meglio per noi. Questo è il lavoro che il lettore deve fare. Sto pensando a questo correttamente?

Daniel: Sì. Decisamente. Lo considero un menu di scelte e sicuramente ha senso provarne alcuni. Penso, ancora una volta, se torni alle emozioni che stai cercando di modificare. In generale, cosa dovresti fare emotivamente prima di entrare in un'atmosfera di performance? Bene, dovresti generalmente cercare di abbassare la tua ansia. Aumenta la tua sicurezza e assicurati che il tuo livello di energia sia corretto.

Per ognuno di noi, è probabile che una di queste tre cose sia più problematica di un'altra. Se sei qualcuno per cui l'ansia è un problema, il tuo set di tecniche probabilmente sarà migliore o diverso da qualcuno che tende a non essere molto ansioso, ma ha bisogno di aumentare la loro fiducia. Cercando di capire quale sia la regolazione emotiva soggiacente che stai cercando di fare e le tecniche che scegli, dipenderà in qualche modo da ciò.

Peter: Mi viene anche in mente, in relazione a quello che hai appena detto, che devi pensare all'evento che stai per esibirti e cosa ti aiuterà a massimizzare le tue prestazioni. Quello a cui sto pensando è che ho corso una gara con mia figlia. E 'stata la prima gara che abbia mai corso, ed era ansiosa, e stava facendo tutte queste cose su di sé. Lei scattò fuori dal cancello. Nel giro di mezzo miglio, aveva finito.

In un certo senso, devi dire, okay, mi arrabbierò, ma mi sto eccitando per uno sprint. Sono eccitato per una maratona? Di cosa mi sto preoccupando? Qual è il tipo di energia che ho bisogno di nutrire perché in quella situazione, potrei davvero cercare di convincerla a nutrire un'energia di sostegno e persistenza e misurando le prestazioni rispetto alle prestazioni eccitabili.

Daniel: Sì. Questo è un ottimo esempio di quanto spesso i nostri istinti naturali in termini di cosa dovremmo fare in queste situazioni di ansietà sono sbagliati. Ho una storia con mia figlia della stessa cosa. Mia figlia è un'adolescente più grande. L'ho presa per il test dell'autista qualche anno fa ed era molto nervosa. È una specie di rituale di punta dei tuoi anni adolescenti che prenderà il test di guida. Mi sono imbattuto in questo schema naturale in cui stavo dicendo, non c'è nulla di cui essere nervosi perché se fallisci, possiamo tornare tra due settimane e riprenderlo. Nessuno deve sapere che hai fallito. Non è un grosso problema. Chiamano quel pessimismo difensivo, che si concentra sullo scenario peggiore e poi cerca di discutere sul perché non sarà così male.

Una volta che guardi alla ricerca, in generale, è un modo terribile di approcciare queste cose. Sta innescando la persona per il fallimento. Sta piantando il seme di ciò che fallirà nella loro mente, ma è davvero il modo in cui io … ho un pregiudizio al ribasso. Provo a proteggere il lato negativo. È così che mi sono avvicinato a queste situazioni di posta in gioco con i miei figli. Uno dei risultati della segnalazione di questo libro è che non lo faccio più. Tendo a concentrarmi sul lato positivo, sul positivo. Costruisco la fiducia per ridurre l'ansia.

Peter: È passata?

Daniel: Lei è passata.

Peter: Va bene, perché altrimenti, ora tutti lo saprebbero.

Daniel: è passata. Il mio secondo figlio è passato adesso solo di recente. Siamo in due per due nei test condotti dalla famiglia McGinn.

Peter: Va bene, dammi 30 secondi su ciò che hai fatto per preparare questa conversazione.
Daniel: Sono seduto in un ufficio in cui sono circondato da grandi esempi del mio precedente lavoro di scrittura. Ho ascoltato un'intervista radiofonica che ho fatto prima di questo, che è stata pesantemente modificata, abbattuta e brunita. È una clip di tre minuti. Lo faccio su Google prima di andare in show come questo. Mi hanno solo lucidato per farmi sembrare così intelligente e articolato. Molto più di quanto non sia nella vita reale, quindi lo ascolto prima di venire in uno spettacolo come questo. Mi ricorda che quando mi godo una buona giornata, posso fare un buon lavoro in situazioni come questa. Ho solo pensato a quale meravigliosa opportunità. Provo a pensare al bicchiere mezzo pieno. Non penso a cosa potrebbe andare storto. Penso al lato positivo dell'opportunità che mi ha presentato oggi … per parlare del mio lavoro.

Peter: Beh, ha funzionato davvero bene, Dan. È stato un piacere averti nello show.

Il libro è "Psyched Up: come la scienza della preparazione mentale può aiutarti ad avere successo". Daniel McGinn è l'autore e chi è stato con noi in questo podcast. Dan, grazie mille per essere stato al podcast di Bregman Leadership.

Daniel: Grazie. È stato fantastico

Peter: Se ti è piaciuto questo episodio del Bregman Leadership Podcast, ti preghiamo di iscriverti e lasciare una recensione su iTunes. Per ulteriori informazioni su Bregman Leadership Intensive, nonché sull'accesso ai miei articoli, video e podcast, visitare peterbregman.com.

Grazie a Clare Marshall per aver prodotto questo episodio e a Brian Wood che ha creato la nostra musica. Grazie per l'ascolto e restate sintonizzati per la prossima grande conversazione.

Solutions Collecting From Web of "Rituali specifici possono verificarsi prima di un evento?"