Ritratto di un cercatore di lavoro di successo

Un caso di studio sullo sviluppo della carriera.

Una mia cliente, la chiamerò Christine, ha recentemente ottenuto un contratto a sei cifre con una società globale. Questo è stato il secondo contratto a sei cifre in cui è atterrato in tanti anni. Ogni volta che cambiava lavoro negli ultimi anni era in grado di rilasciare interviste come se fosse facile come schioccare le dita.

Contrasti l’esperienza di Christine con quella di Robert. Robert è stato nel mercato del lavoro per un anno. Atterrò solo poche interviste – posizioni a cui non era particolarmente interessato – e non ricevette mai offerte. Robert si sentì così frustrato dal processo di ricerca del lavoro che lo abbandonò del tutto e tornò a scuola.

Christine e Robert sono simili in quanto entrambi sono di mezza età e hanno entrambi oltre un decennio di esperienza alle spalle. Hanno diverse specializzazioni ma per mantenere le cose semplici diciamo che sono entrambi nel marketing. Un campo che richiede creatività quotidiana, flessibilità, comunicazione saggia e capacità di presentare le idee con sicurezza. Quest’ultima frase è importante ed è qui che le loro storie divergono.

Quando Christine vede un’apertura di lavoro interessante, si candida con un curriculum forte e una lettera di presentazione che è breve ed entusiasta. Poi salta su LinkedIn. Il suo profilo è chiaro e conciso. Leggendolo, hai la sensazione che capisca i problemi che le aziende hanno e lei sa come risolverli. Legge con sicurezza ed esperienza. Contiene le parole chiave giuste per la sua industria, ma non è gagliardamente inondato da esse. Di conseguenza, sembra che ogni settimana venga contattata da reclutatori che hanno trovato il suo profilo, invitandola a partecipare alle proiezioni telefoniche.

Su LinkedIn cerca connessioni reciproche presso le aziende per le quali presenta la domanda. Se lei non trova alcuna connessione, lei li fa. Legge i profili dei dipendenti e invia le richieste di connessione a coloro che hanno lavori simili o a coloro che potrebbero essere influenti nel dipartimento pertinente. Lei ricerca a fondo l’azienda ed è armata di informazioni e domande ponderate se il telefono squilla.

Ma Christine non aspetta solo che si aprano offerte di lavoro su Indeed o su LinkedIn. Cerca aziende interessanti a una distanza commutabile e si rivolge a loro. Si posiziona in modo proattivo sui loro schermi radar. Invia loro brevi messaggi amichevoli, professionali e mirati. Come alcuni dei miei altri cercatori di lavoro di successo, quando è particolarmente entusiasta di una società o di un’apertura lavorativa, potrebbe chiedere al direttore per qualche minuto del loro tempo di saltare una telefonata. Funziona spesso.

Il suo curriculum è impeccabile. Ha incorporato il feedback degli altri, ma l’ha scritto lei stessa – è la sua voce. È tradizionalmente formattato, due pagine, bianco e nero, font sans-serif e facile da leggere. È fiducioso ma non arrogante. Ha trucchi nulli: nessun colore, vortici grafici, bordi, immagini, caratteri fantasiosi, riquadri di richiamo o qualsiasi altra cosa che siamo stati erroneamente indotti a credere aiuterà il nostro curriculum a distinguersi dalla massa. Lascia che le prove mostrino: più e più volte sono i curricula semplici e tradizionali che vanno lontano.

Quando atterra un’intervista, pianifica una telefonata con me per parlare di eventuali dubbi e formulare una strategia. Pratichiamo le risposte a domande difficili e le chiamate aiutano a rafforzare una mentalità positiva e sicura. Lei sa cosa vuole trasmettere in un’intervista e lei pratica come dirlo senza inciampare. Sa che deve sembrare sicura senza suonare provato. Insieme a ciò, ha imparato a essere più se stessa nelle interviste. Capisce che i datori di lavoro vogliono ascoltare non solo la sua lista di successi, ma anche la sua unicità, la sua prospettiva, il suo umorismo, il suo calore, la sua volontà di essere flessibile e crescere nel nuovo ambiente. In effetti, i datori di lavoro vogliono gli umani. Nizza a quello.

Dopo le sue interviste, Christine invia a tutti gli interessati una nota di ringraziamento che ribadisce la sua stima per l’azienda e il suo interesse per il lavoro. Se lei non risponde al reclutatore o al responsabile delle assunzioni sulla posizione, li contatta per un aggiornamento. Se è passata per quella particolare posizione, tiene un piede nella porta assicurandosi che abbia sfruttato le opportunità per le connessioni di LinkedIn e chiede di essere presa in considerazione per le opportunità future.

Robert ha un forte attaccamento al suo curriculum. Era un modello che ha scaricato dopo essere stato attratto dalle intestazioni colorate e dalle icone dei social media. Dopo mesi di una caccia al lavoro infruttuosa e mesi in cui il curriculum non è riuscito a fargli rilasciare le interviste, è venuto da me per chiedere aiuto. Ho suggerito di creare un nuovo curriculum partendo da zero utilizzando un formato cronologico tradizionale. Ha detto di aver compreso il mio fondamento logico, ma ha ritenuto che il suo curriculum fosse fantastico e ha apportato pochissimi cambiamenti.

Ha aggiornato il suo profilo di LinkedIn, ma alcune delle lingue erano scomode e contenevano un paio di errori di ortografia. Ha detto di aver consultato regolarmente LinkedIn per le offerte di lavoro, ma non era un fan di usarlo come strumento di networking.

Abbiamo discusso le domande di intervista ma ho avuto l’impressione che non stesse facendo i compiti. Aveva difficoltà a formulare risposte confidenziali e concise. Ha applicato senza entusiasmo dozzine e dozzine di posti di lavoro anziché dare un numero limitato di aperture alla sua massima attenzione. La sua frustrazione per il processo di ricerca del lavoro era percepibile nella sua voce. La sua stanchezza lo portò a rinunciare a provare nuove strategie o a rielaborare i suoi documenti. A poco a poco ha ammesso di essere stato bruciato nel campo del marketing e che era solo per lo stipendio. Sono sicuro che i datori di lavoro potrebbero percepire la sua mancanza di entusiasmo.

Due fattori significativi nel successo di Christine sono la sua flessibilità e il suo entusiasmo. È sempre disposta a rinnovare i suoi materiali di candidatura, a connettersi con nuove persone e a modificare il suo approccio anche se inizialmente si sentisse a disagio. Quando un colloquio non procede così bene come spera, lo seziona ed esplora modi per presentarsi in modo diverso la prossima volta. E anche quando si sente scoraggiata, lo lascia fuori dalla porta. Si connette con il suo entusiasmo e la sua competenza per fare un ottimo lavoro ed è ciò che porta al tavolo delle interviste.