Ritorno dai morti

Tornando alla fine degli anni '90 e all'inizio del 2000, scrivevo regolarmente per la rivista britannica Bizarre . Uno dei miei articoli che hanno pubblicato era sulle "esperienze di pre-morte" ed è stato durante le mie ricerche su quell'argomento che mi sono imbattuto per la prima volta in quella che è stata definita la "Sindrome di Lazzaro" (a volte indicata come Fenomeno di Lazzaro). La sindrome prende il nome da Lazzaro (che secondo il Nuovo Testamento fu resuscitato dai morti da Gesù) e si riferisce al ritorno spontaneo della circolazione del sangue dopo che la persona è stata dichiarata morta. La condizione è molto rara e negli ultimi 30 anni ci sono stati meno di 30 casi documentati nella letteratura medica. Il termine "Fenomeno di Lazzaro" è relativamente recente ed è stato usato per la prima volta dal Dr. J. Bray in un articolo pubblicato nel 1993 sulla rivista Anestesiologia.

Nel febbraio 2012, sulla stampa britannica è apparsa una storia su una donna scozzese che è tornata dalla morte dopo il collasso durante il giardinaggio. Il giornale ha riportato:

"Una donna dichiarata morta dopo aver subito un massiccio attacco cardiaco ha stupito i medici e la sua famiglia in lutto quando è tornata improvvisamente in vita. I parenti di Lorna Baillie sono stati devastati quando una squadra di medici ha ritirato le cure dopo aver passato tre ore a cercare di rianimarla. La famiglia si è riunita intorno al suo letto d'ospedale per salutarsi dopo che i medici hanno detto che la nonna 49enne era "tecnicamente morta" … 45 minuti dopo, il marito disabile della signora Baillie, John, 58 anni, ha sussurrato: "Io amo tu 'a sua moglie. E quando le palpebre della signora Baillie tremolarono e lei apparve per stringere la mano della figlia maggiore Leanne, l'infermiera assicurò di nuovo alla famiglia che erano previsti "movimenti involontari". Non convinti, la famiglia ha chiesto l'infermiera chiamata da un medico, che ha trovato un impulso e ha portato la signora Baillie in terapia intensiva. Seguirono i miracolosi segnali di guarigione della signora Baillie, ma i medici avvertirono che le sue possibilità di sopravvivenza rimanevano scarse perché i suoi reni avevano fallito e lei era in coma. Ma le condizioni della signora Baillie continuarono a migliorare e furono trasferite dalle cure intensive a un reparto medico. Una scansione MRI di ieri non ha rivelato danni cerebrali evidenti ".

Le cause di come apparentemente le persone morte tornano in vita non sono chiaramente comprese nella comunità medica. Una spiegazione che è stata suggerita è che come conseguenza della rianimazione cardiopolmonare, vi è l'accumulo di pressione nel torace come conseguenza della rianimazione cardiopolmonare (CPR), e che il rilassamento della pressione (post-CPR) avvia impulsi elettrici che riavviare il battito cardiaco. Altri fattori fisiologici che sono stati suggeriti includono i soggetti affetti che hanno elevati livelli di (i) elettroliti di potassio (cioè iperkaliemia) o (ii) adrenalina (epinefrina). Ecco alcuni esempi "tipici" riportati nella letteratura medica:

* Dopo aver subito un aneurisma addominale, un uomo americano di 66 anni è stato dichiarato morto dopo 17 minuti di trattamento fallito. Tuttavia, 10 minuti dopo, uno dei medici ha sentito un battito cardiaco e ha recuperato completamente senza problemi medici di lunga durata (Segnalato in Anestesia e Analgesia , 2001).
* Dopo insufficienza renale secondaria all'embolia dell'arteria mesenterica superiore, una donna americana di 93 anni è stata dichiarata morta dopo 6 minuti di trattamento di rianimazione fallito. Cinque minuti dopo essere stato dichiarato morto cardiaco è stato osservato sul monitor cardiaco, e ha fatto un recupero completo (segnalato in anestesia e analgesia , 2001).
* A seguito di un attacco di cuore per overdose di droga, il 27enne britannico è stato dichiarato morto dopo 25 minuti di trattamento fallito. Poco dopo l'annuncio della morte, un'infermiera notò che il cardiofrequenzimetro stava di nuovo mostrando i ritmi cardiaci, quindi il tentativo di rianimazione continuò e l'uomo fece un completo recupero senza complicazioni mediche a lungo termine (riportato in Emergency Medical Journal , 2001).
* Un uomo di 65 anni con sordità e stupidità congenita è stato trovato privo di sensi nella sua stanza in una casa pubblica. Dopo 35 minuti di trattamento di rianimazione è stato dichiarato morto. Circa 20 minuti dopo, un agente di polizia ha trovato l'uomo che si muoveva nell'obitorio. Ha vissuto per altri quattro giorni. (Segnalato in Forensic Science International , 2002)

Nel 2010, il Dr. K. Hornby e colleghi (tutti alla McGill University, Montreal, Canada) hanno pubblicato una revisione sistematica della letteratura sull'auto-rianimazione dopo gli arresti cardiaci nella rivista Critical Care Medicine . Sono partiti dalla posizione che c'era una mancanza di consenso su quanto tempo dopo la circolazione ha superato per la morte da determinare dopo l'arresto cardiaco. Allo stato attuale, e a causa della sindrome di Lazzaro, la letteratura medica raccomanda che la morte non venga certificata fino a 5-10 minuti dopo che il CPR fallito ha avuto luogo. La condizione solleva anche questioni e questioni etiche interessanti su quando devono essere eseguite le procedure post-mortem (es. Raccolta di organi, autopsie, ecc.)

Gli autori hanno individuato 32 casi (età compresa tra 27 e 94 anni in 16 paesi diversi) pubblicati nella letteratura medica (da 27 articoli diversi, quindi la maggior parte erano studi di casi singoli). Hanno poi sistematicamente raccolto tutti i dati relativi a una serie di fattori diversi tra cui (i) caratteristiche del paziente, (ii) durata della rianimazione cardio-polmonare, (iii) ritmi cardiaci terminali, (iv) tempo al ritorno non assistito della circolazione spontanea, (v ) monitoraggio e (vi) risultati.

Gli autori consideravano i documenti "di qualità molto bassa" (tutti erano case report o lettere all'editore). Tutti i 32 casi hanno riportato auto-rianimazione in seguito a CPR fallito. I tempi variavano da pochi secondi fino a 33 minuti. Hanno anche notato che c'era molta incongruenza nei metodi di segnalazione e che solo otto dei casi riportavano il monitoraggio continuo dell'elettrocardiogramma e tempi esatti. In questi otto casi, l'auto-rianimazione non si è verificata oltre la barriera di 7 minuti. Hanno anche notato che non c'erano casi di auto-rianimazione in assenza di RCP. I risultati della loro revisione suggeriscono quindi che la fornitura di RCP può influenzare il verificarsi di auto-rianimazione. Il loro studio ha concluso che non vi erano prove sufficienti per sostenere o confutare l'attuale periodo di attesa raccomandato di 5-10 minuti per determinare la morte a seguito di un attacco di cuore. Conclusioni simili sono state raggiunte dal dott. Vedamurthy Adhiyaman e colleghi, in una recensione della letteratura del 2007 pubblicata sul Journal of the Royal Society of Medicine. Hanno esaminato più ampiamente l'auto-rianimazione e hanno individuato 38 casi pubblicati nella letteratura medica. Hanno anche esaminato i risultati a lungo termine e hanno riferito:

"Diciassette pazienti (45%) hanno raggiunto un buon recupero neurologico in seguito al ROSC [ritorno della circolazione spontanea]. Tre di questi pazienti sono successivamente deceduti durante la degenza ospedaliera a causa di sepsi e embolia polmonare e 14 (35%) sono stati alla fine dimessi senza gravi conseguenze neurologiche. Diciassette pazienti (45%) non hanno raggiunto il recupero neurologico dopo ROSC e sono morti poco dopo. Il risultato non è noto in quattro pazienti (10%). Non c'era alcuna correlazione significativa tra il risultato e la durata della RCP, l'intervallo di tempo per il ROSC o la diagnosi. "

Il documento sottolinea soprattutto che "la morte non è un evento, ma un processo … un processo durante il quale vari organi che sostengono la continuazione della vita falliscono". Come sottolinea la loro recensione, la cessazione della circolazione e della respirazione è un buon esempio. Ovviamente, l'assenza di battito cardiaco e respirazione sono il "criterio tradizionale e il più usato" per certificare che qualcuno è morto, ma il fenomeno di Lazzaro dimostra che da soli non sono un segno di morte definitiva.

(Nota: il lavoro di Adhiyaman e colleghi rileva anche molti altri contesti e condizioni mediche in cui la parola "Lazzaro" è stata usata per descrivere molti altri fenomeni inattesi e scientificamente inspiegabili.Per esempio: "Il complesso di Lazzaro descrive la sequenza psicologica nel sopravvissuti all'arresto cardiaco, alle esperienze di pre-morte e alla remissione inattesa in AIDS La sindrome di Lazarus è descritta nelle cure palliative pediatriche, quando si prevede che un bambino muoia, ma inaspettatamente va in remissione.Il movimento spontaneo nei pazienti con lesioni cerebrali e del midollo spinale è stato descritto come segno di Lazzaro La sopravvivenza delle specie dopo l'estinzione di massa è stata chiamata effetto Lazzaro.Il termine fenomeno di Lazzaro è stato utilizzato anche per la sopravvivenza inaspettata di pazienti con trapianto renale " ).

Solutions Collecting From Web of "Ritorno dai morti"