Ritardo ingiustificato colpevole: Esiste un'app per questo?

"Una volta che diventa chiaro che la procrastinazione, come ritardo colpevole ingiustificato, coinvolge una mens rea (mente colpevole), vengono rilevati aspetti importanti del fenomeno e significative opportunità di intervento" (p.51).

La frase sopra è stata scritta da Joel Anderson (Università di Utrecht, Paesi Bassi) nel suo contributo al nostro recente libro Procrastinazione, salute e benessere . Nel suo capitolo intitolato Structured Nonprocrastination: Impalcature volte a resistere alla tentazione di ricostruire ritardi ingiustificati , Anderson svolge un brillante lavoro nel mettere a nudo l'autoinganno che è inerente alla procrastinazione.

Il suo focus è sui vari modi in cui i procrastinatori evitano la verità su ciò che stanno facendo. Ancora più importante, egli inizia chiarendo che quando procrastiniamo, siamo a un certo livello consapevoli della verità. Riconosciamo la follia della nostra scelta, tutto sommato, e siamo colpevoli di un ritardo ingiustificato. Abbiamo una mente colpevole.

Certo, siamo fortemente motivati ​​a non riconoscere o vivere con questa colpa o consapevolezza di essa. Come scrive Anderson,

"I procrastinatori si lasciano credere da cose che sanno non sono vere. . . Ricostruendo la situazione in un modo che la distorce, i procrastinatori possono preservare un'autovalutazione positiva. Possono ritardare pur continuando a pensare di non essere una di quelle persone pigre che procrastina tutto il tempo " (pp. 51-52).

Questo è un processo di ricostruzioni auto-indulgenti su cui si basano i procrastinatori. È interessante notare che Anderson spiega come queste strategie di autoprotezione siano ben note ai criminologi e agli psicologi sociali. C'è una ricca letteratura che documenta come tutti noi, compresi i criminali, "neutralizziamo" le nostre azioni o la nostra inazione. Ad esempio, questa ricerca mostra che i criminali meno abili sono in grado di ricostruire le trasgressioni che stanno contemplando, meno è probabile che siano per violare la legge.

Sulla base di questo processo, Anderson ritiene che se non riusciamo a ricostruire la nostra procrastinazione per ridurre la dissonanza che sentiamo, siamo meno in grado di "auto-licenziare" per continuare. Quanto meno riusciamo a ricostruire il nostro ingiustificato ritardo come "non così male", tanto più forte è l'incentivo ad attenerci alle nostre intenzioni.

Come scrive Anderson, ". . . limitare le possibilità di aiuto alla ricostruzione aiuta i potenziali procrastinatori a mantenere la pressione per conformarsi a ciò che sanno, a un certo livello, per essere veri " (pagina 54).

Come limitiamo queste possibilità?
Anderson propone che strutturare l'ambiente possa essere un modo per esternalizzare parte di questo lavoro. Invece di dipendere dalle nostre risorse interne di volontà, ad esempio, possiamo appoggiarci alla "struttura" dell'ambiente per aiutare. Nella misura in cui l'ambiente ci offre questo sostegno, abbiamo una "nonprastastinazione strutturata" – la tesi del suo capitolo. [Nota: per coloro che sono interessati a un uso precedente di un termine simile, vedi un post sul blog molto presto su "Procrastinazione strutturata". Anderson scrive su questa distinzione, ma non l'ho affrontato in questo breve post del blog.]

Ho scritto del precedente lavoro di Anderson (con Joe Heath) sulla nozione di "volontà estesa", e qui egli disegna distintamente questo concetto. In breve, l'estensione si prenderà a prestito dal concetto di "mente estesa" con l'idea centrale di essere in grado di estendere le nostre capacità mentali usando il mondo esterno.

Ad esempio, possiamo fare tanta matematica "nelle nostre teste", ma con l'uso dell'ambiente come una matita, carta o calcolatrice, estendiamo le nostre menti ad essere capaci di fare ancora di più. Quindi è con la volontà estesa. Usare l'ambiente per sostenere la nostra volontà significa che siamo più propensi a seguire le nostre intenzioni. Per esempio, un amico potrebbe aiutare a sostenere la mia forza di volontà smarcandomi spostandomi dal tavolo del dessert al buffet per aiutarmi a raggiungere il mio obiettivo di "perdere 10 sterline".

Anderson fornisce esempi di come potremmo usare l'ambiente per resistere con maggior successo alla tentazione di impegnarci in ricostruzioni auto-indulgenti che consentano la nostra procrastinazione. Applicando questa analisi ai processi psicologici di attenzione, motivazione e giudizio, egli fa un caso convincente che questa possa essere effettivamente una strategia efficace per ridurre la procrastinazione. Prenderò uno dei tre come esempio in modo da poterlo applicare nella tua vita.

Dato che nella mia ricerca abbiamo scoperto che i procrastinatori tendono a utilizzare la distrazione al massimo come strategia di riduzione della dissonanza, mi concentrerò sulla discussione sull'attenzione di Anderson. Sostiene che i procrastinatori in genere ingannano se stessi (abilitando il ricostruttivo) semplicemente mettendo il compito fuori dalla mente (o, se lo si considera più passivamente, "lasciandolo scivolare" dalla mente). Ricordo, naturalmente, che sono d'accordo con Anderson che la procrastinazione implica necessariamente il requisito di una mente da uomo – una mente colpevole. Siamo consapevoli a un certo livello della follia della nostra scelta, o se volete l'irrazionalità della nostra scelta o, addirittura, essere sinceri, che siamo i nostri colpevoli. Il fatto è che siamo molto bravi a non prestare attenzione a ciò e a non pensare alla nostra intenzione.

Come, quindi, manteniamo il compito nelle nostre menti? Come possiamo evitare di cedere alla tentazione di ricostruire il nostro ritardo in modo egoistico?

Pianificare ed essere specifici su quando farai le cose sarà d'aiuto, così come strumenti concreti che rappresentano questi piani come calendari, datebook o promemoria dalle nostre app.

Anderson scrive,

"Per fare un'illustrazione dal contesto della salute, considera Gary, che ha notato che ha avuto frequenti raffreddori e pensa che sarebbe opportuno fissare un appuntamento con un medico di base per fare alcuni esami medici. Eppure, si ritrova a rimandare. Gary pensa a se stesso come coscienzioso e certamente non a qualcuno che non vuole prendersi cura di sé, in particolare dato che ha una giovane famiglia. A suo avviso, a un certo punto, se telefonare al dottore o rimandarlo per un giorno, la mancanza di specificità nelle sue intenzioni gli dà molto spazio per pensare che stia ancora andando a prendere l'appuntamento "presto". . . In tali contesti, inserendo nel proprio calendario un momento specifico per effettuare la chiamata e un promemoria automatico, Gary può creare una struttura attenzionale che gli rende difficile trascurare il fatto che non riuscire a effettuare la chiamata all'ora stabilita è un caso di ritardo " (pagina 56, corsivo aggiunto).

Sì, certo, c'è sempre la possibilità che Gary possa procrastinare nel fare l'iscrizione al calendario (una forma di procrastinazione di secondo grado) o fare una ricostruzione auto-indulgente sul motivo per cui sta ignorando l'allarme sulla sua app. Nessuna panacea qui, ma questi sono strumenti importanti per aiutarci ad essere più onesti con noi stessi, se vogliamo.

C'è di più nel capitolo di Anderson e molto più lavoro empirico da fare per esplorare i suoi contributi teorici sul ruolo delle ricostruzioni auto-indulgenti in procrastinazione. Vorrei solo enfatizzare una cosa fondamentale in chiusura.

Anderson ha colpito il chiodo sulla testa quando ha sinteticamente sintetizzato la procrastinazione come ritardo colpevole ingiustificato. Nessuno fino ad oggi è stato così chiaro, e questo è di per sé un contributo importante che avvierà molte più discussioni e ricerche.

Inoltre, per ciascuno di noi, ha evidenziato un processo chiave che deve essere indirizzato per ridurre questi ritardi ingiustificati nelle nostre vite. Dobbiamo semplicemente imparare a identificare quando ci stiamo impegnando in ricostruzioni auto-indulgenti, poiché solo questo riconoscimento potrebbe servire a rafforzare il nostro incentivo ad attenerci alle nostre intenzioni.

Riferimento

Anderson, JH (2016). Nonprocrastinazione strutturata: sforzi dell'armatura per resistere alla tentazione di ricostruire ritardi ingiustificati. In FM Sirois & TA Pychyl, (a cura di), procrastinazione, salute e benessere (pagine 43-63). New York: Elsevier.

Solutions Collecting From Web of "Ritardo ingiustificato colpevole: Esiste un'app per questo?"