Risveglio alla realtà della sindrome da stanchezza cronica

Sono trascorsi venti anni da quando la sindrome da stanchezza cronica era riconosciuta dalle principali organizzazioni mediche come una condizione medica legittima. Tuttavia, ci sono molti nella professione medica che dubitano della sua esistenza.

Pertanto, il Centers for Disease Control (CDC) sta intraprendendo uno sforzo per aumentare la consapevolezza tra i medici, in modo che possano sapere come identificare i pazienti affetti da sindrome da stanchezza cronica, consentendo un avvio più tempestivo della terapia. Si spera che un intervento precedente possa svolgere un ruolo cruciale nel miglioramento, se non nell'eliminazione, dell'esaurimento cronico e del dolore che affligge i pazienti.

Questo non è un compito da poco, in quanto si stima che solo il 16% dei 1 milione di americani che hanno la sindrome da stanchezza cronica sono diagnosticati con sindrome da stanchezza cronica. Non sorprende quindi che diagnosticare la sindrome da stanchezza cronica possa essere un processo lungo e laborioso, poiché si tratta di una di quelle "diagnosi di esclusione": cioè, il medico deve accertarsi che non vi siano altre cause di affaticamento e dolore. Le altre cause di affaticamento e dolore sono certamente entità che un paziente non vorrebbe che il suo medico non si accorga: cancro, malattie neurologiche, disturbi della tiroide, depressione e così via. Nel momento in cui queste malattie sono state escluse o sono state imposte, potrebbe essere trascorso un po 'di tempo, con visite al laboratorio, al dipartimento di radiologia e ad altri specialisti. I pazienti devono avere pazienza.

Quindi, cosa caratterizza un paziente con sindrome da stanchezza cronica? Secondo il Gruppo di studio sulla Sindrome da Stanchezza Cronica Internazionale, un paziente con sindrome da stanchezza cronica di solito ha un affaticamento inspiegabile per almeno sei mesi. Questa è la fatica non migliorata con il riposo. Questa è la fatica che si traduce in una riduzione dell'interazione sociale e della produttività dei dipendenti. Almeno quattro dei seguenti devono accompagnare la fatica: mal di gola, dolori muscolari, dolori articolari, mal di testa e difficoltà con la memoria.

Sfortunatamente, non esiste un tipico paziente affetto da sindrome da affaticamento cronico. Le lamentele dei pazienti possono variare di giorno in giorno, poiché i sintomi si riducono e diminuiscono. Inoltre, molti pazienti affetti da sindrome da stanchezza cronica soffrono anche di fibromialgia. E molti pazienti della sindrome della Guerra del Golfo alla fine sviluppano la sindrome da stanchezza cronica. Non sorprende che tali problemi di sovrapposizione inducano molti professionisti a sentirsi a disagio con la sindrome da stanchezza cronica come diagnosi in sé e per sé.

Il trattamento della sindrome da stanchezza cronica comporta generalmente il trattamento dei sintomi della sindrome da stanchezza cronica e il comportamento di coping nei pazienti.

Il CDC sostiene i tentativi aggressivi di massimizzare l'igiene del sonno, evitando sonnellini diurni, caffeina e pasti abbondanti prima di andare a dormire. Esercizio con moderazione è utile. Gli antidepressivi possono aiutare quei pazienti che soffrono anche di depressione. I farmaci antinfiammatori sono utili per eliminare il dolore. Lo stimolante psicostimolante Provigil può aumentare l'energia, ma consente comunque ai pazienti di dormire la notte.

Rimedi alternativi come l'agopuntura e integratori a base di erbe funzionano per alcuni, e la consulenza psicologica può aiutare con i meccanismi di coping. Sempre, lavorare con il paziente consente il benessere, migliora l'umore del paziente ed è qualcosa che, come i medici dovrebbero sapere, rende ora migliori prospettive e risultati per il paziente.

Solutions Collecting From Web of "Risveglio alla realtà della sindrome da stanchezza cronica"