Risultato errato di auto-valutazione dall'uso di criteri errati

Gli individui che soffrono di depressione o PTSD generata da violenza interpersonale in genere mostrano di rivivere gli eventi traumatici (ad esempio, ricordi intrusivi, pensieri e flashback relativi a tali violenze, intimidazioni e / o abusi nelle situazioni interpersonali). L'approccio CBT convenzionale tende a considerare auto-concetti negativi, interpretazioni negative, negatività esagerata per quanto riguarda il sé, il mondo e il futuro, o la mancanza di regolazione emotiva come responsabile dei pensieri e delle emozioni intrusive correlati al trauma. Di conseguenza, i metodi terapeutici basati su queste ipotesi mirano a ridurre o terminare la ruminazione della persona o le interpretazioni negative dei traumi, che sono visti come un fattore di rischio per la depressione (ad esempio, Cohen, Mor, & Henik, 2015; Joormann, Waugh, & Gotlib , 2015).

Tuttavia, l'approccio CBT convenzionale alle valutazioni / emozioni maladattive può essere solo effimero ma a lungo termine manca di sostenibilità.

Parliamo del caso di una donna come esempio. Era una donna di mezza età con molti successi. In apparenza, sembrava felice e fiduciosa nelle situazioni interpersonali, almeno per chi la incontrava in occasioni normali. Le questioni che riguardava riguardavano alcune questioni globali (ad esempio, l'assistenza ai bambini impoveriti le cui vite erano state rovinate da guerre o malnutrizione, conflitti in Medio Oriente). Ciò che non rivelava erano le sue angosce emotive. Da bambina, è stata abusata sessualmente da suo padre. Da giovane, la sua rivelazione dell'abuso all'autorità fu accolta con antipatia e accusa di tradimento da parte di altri membri della famiglia, che smisero di comunicare con lei da allora in poi. Sebbene abbia represso i suoi dolorosi ricordi in situazioni sociali, nel profondo, tuttavia, ha portato nuove cicatrici emotive e confusioni cognitive. Soffriva di incubi regolari e frequenti flashback della violenza perché voleva dare un senso all'esperienza acquisendo una nuova comprensione del mondo sociale e del comportamento umano. Con sessioni di terapia cognitiva e formazione per le regole emotive, è stata in grado di gestire la maggior parte dei suoi pensieri ed emozioni concentrandosi su qualcosa di più grande o nobile. Tuttavia, i suoi dolori emotivi non sono andati via semplicemente perché lei potrebbe spostare la sua attenzione e regolare le sue emozioni. Questo perché non aveva capito la "perché" domanda sul suo trauma interpersonale e non aveva sviluppato cognizioni più accurate che l'avrebbero guidata a soddisfare i suoi bisogni fondamentali alla presenza.

Le sue condizioni non sono un'eccezione. Molte persone hanno problemi simili; anche se hanno imparato a reprimere ricordi dolorosi di violenti traumi interpersonali che li hanno colpiti più di 30 o 40 anni fa, rivivono ancora l'incubo o si svegliano spesso nel cuore della notte, riflettendo sulle orribili esperienze (Sun, 2013 ).

Questo post sostiene che la ragione stessa delle ruminazioni, tuttavia, non è dovuta alla loro mancanza di motivazione o capacità di focalizzarsi sui sé positivi regolando le loro emozioni, ma perché non hanno riconosciuto quell'auto-concetto (schemi) o autointelligente -le valutazioni sono regolate dalle loro distorte rappresentazioni cognitive di schemi o criteri che governano l'interazione umana. Solo identificando e correggendo schemi di pattern distorti (criteri) la persona può veramente modificare auto-valutazioni distorte (Sun, 2014).

Disimparare le ferite passate e raggiungere la pace mentale implica la comprensione che sono gli schemi che regolano le auto-valutazioni.

L'approccio CBT convenzionale considera l'auto-schema, sia negativo che positivo, come il mediatore tra gli stimoli e il benessere mentale, quindi considera l'auto-schema negativo o maladattivo come il luogo delle cognizioni distorte che servono come fonte principale di conflitto mentale. L'approccio di interazione (uniting) degli schemi qui descritto, tuttavia, postula che le nostre strutture cognitive delle interazioni umane comprendono tre rappresentazioni mentali interconnesse: l'auto-schema, schemi (schemi o regole percepite che governano il comportamento umano e le interazioni) e schemi interpersonali (cognizioni su altri e situazioni in interazione con il sé). Sono gli schemi di un modello che regolano le valutazioni di sé e degli altri (Sun, 2014).

Proprio come la percezione di un semaforo che tutte le persone nel contesto devono seguire, gli schemi di schemi sono le rappresentazioni cognitive di modelli / criteri ultimi che sono percepiti come governanti sia il sé che gli altri in interazione e contesti. Possono essere resi operativi come una conoscenza accurata o distorta delle forze sottostanti che controllano sia il sé che gli altri interagenti, come la moralità, l'amore, la violenza, lo stato sociale, la perfezione fisica, la ricchezza o la comprensione scientifica dei mondi sociali e fisici, nonché comportamento umano, che, se collegato o violato, può spiegare le proprie esperienze di successo o fallimento / invalidazione nell'interazione. Le persone sono implicitamente o esplicitamente consapevoli del fatto che la violazione degli schemi è ritenuta in grado di generare gravi conseguenze, mentre seguire i modelli consentirà alla persona di superare tutte le invalidazioni e raggiungere i propri obiettivi.

I risultati delle auto-valutazioni (indipendentemente dal fatto che siano automatici o intenzionali) derivano dai seguenti processi: (1) confrontare gli attributi / comportamento del sé con i propri schemi o criteri, (2), valutare le relazioni (coerenza o incongruenza) tra gli attributi e i criteri e (3) auto-valutazioni positive derivano dalla coerenza percepita mentre auto-valutazioni negative derivano dall'inconsistenza percepita o dalla deviazione dai criteri. In altre parole, il tentativo di modificare un concetto di sé distorto sarà futile senza capire come schemi di modelli distorti modifichino le autovalutazioni, perché le auto-valutazioni implicano i processi di confronto. Ad esempio, per modificare gli attributi di depressione di una persona (ad esempio, sentirsi eccessivamente vergognosi e colpevoli) concentrandosi sui sintomi o sugli auto-schemi negativi sarà inefficace senza capire come i suoi pattern pattern inaccurati (cioè la moralità) e la sua percezione della violazione di la moralità risulta nel sentirsi vergognosi e colpevoli. In altre parole, le auto-valutazioni sono solo sintomi; gli schemi del modello sottolineano o spiegano le ragioni o le cause percepite per le proprie esperienze.

Dovrebbe essere notato che sebbene gli schemi siano percepiti, si suppone che i loro contenuti rappresentino schemi oggettivi nella realtà che trascendono il sé e gli altri. Gli schemi di sé e schemi sono due cognizioni distintive. Pertanto, è impossibile per una persona rivedere semplicemente i criteri (ad esempio, perfezione fisica, ricchezza, status sociale o altri criteri socialmente desiderabili), senza una nuova comprensione della realtà umana, al fine di modificare le auto-valutazioni. Inoltre, gli individui sono tipicamente inconsapevoli del fatto che i loro schemi sono inaccurati o distorti, assumendo ciecamente i loro schemi distorti come il potere più elevato che spiega le esperienze e il comportamento (Sun, 2014). Neanche la persona può risolvere i problemi di soddisfare i propri bisogni fondamentali accettando semplicemente la propria devianza dai criteri, perché accettare criteri disponibili e distorti non può fornire nuove linee guida per liberare la mente dall'incomprensione delle esperienze del sé. Lo sviluppo di schemi di pattern più accurati richiede l'integrazione di nuove prove interpersonali con la comprensione della natura del sistema cognitivo olistico e delle sue funzioni.

Bisogna anche sottolineare che gli schemi di pattern discussi qui sono totalmente diversi dal tipo di "regola" descritta nella CBT convenzionale, che include un esempio come "Se lo provo, fallirò". Questo tipo di "regola" include se stesso supposizioni o autogiustificazioni, ma non ha nulla a che fare con le leggi valide che regolano l'interazione umana oi meccanismi psicologici.

Inoltre, secondo il modello degli schemi di interazione, riflessione o ruminazione di esperienze negative possono essere o meno disadattive, perché le persone sono motivate ad apprendere dall'esperienza, in particolare per conoscere le regole o i modelli che governano e spiegano il comportamento umano e le esperienze, come così come i rapporti del sé con le regole (la violazione o conformità). Di conseguenza, le auto-valutazioni negative derivano dalle violazioni percepite mentre le auto-valutazioni positive derivano dalla conformità percepita ai modelli.

Quali sono gli esempi di schemi di pattern distorti?

Come discusso in precedenza, le auto-valutazioni vengono eseguite secondo i propri schemi di pattern e le relazioni percepite tra gli attributi di sé (ad esempio, difetti fisici, appartenenze a categorie indesiderabili, violazioni morali) e gli schemi di pattern. Si tratta di rappresentazioni cognitive distorte degli schemi che generano auto-valutazioni distorte. Schemi di schemi distorti possono essere definiti come cognizioni di schemi sul mondo e meccanismi psicologici privi di validità bilaterale. In altre parole, schemi di schemi distorti portano solo validità unilaterale per la persona che li segue, ma possono essere invalidati mentalmente dagli altri in interazione. Esempi di schemi di modelli distorti includono standard di perfezione o desiderabilità sociale, moralità, violenza, intimidazione, ricchezza, bellezza, fisica o altri tipi di perfezione che sono visti come leggi che governano le interazioni umane. Questi schemi sono distorti, non perché alcuni di essi non sono valori utili, lo sono, ma perché quelle regole apparenti rappresentano equivoci sul comportamento e le interazioni umane, incapaci di spiegare accuratamente le esperienze di invalidazioni e frustrazioni delle persone nelle situazioni interpersonali anche se li usano come le linee guida nell'interazione umana. Bene, l'intimidazione o la minaccia della violenza possono far sì che gli altri agiscano in un certo modo per evitare il dolore, ma non ha alcuna validità mentale per i destinatari.

In sintesi, le persone con PTSD o depressione hanno difficoltà ad espurgare le ferite passate o ad eliminare i flashback, le elucubrazioni o le riflessioni, non perché hanno opinioni negative sul sé, sul mondo o sul futuro, o sono carenti nella regolazione emotiva, che sono solo sintomi, ma a causa del loro travisamento dei modelli che regolano e spiegano il comportamento umano e le interazioni e il loro uso come criterio per le auto-valutazioni. D'altra parte, la guarigione risulta dalla comprensione e dall'applicazione di schemi di pattern accurati per valutare il sé e le situazioni.

È solo un primo passo per identificare schemi di schemi distorti. Tuttavia, è necessario comprendere schemi di schemi accurati e veri nei domini umani prima che le persone possano essere potenziate dalla nuova cognizione. Avrebbe bisogno di un altro articolo per esaminare la questione degli schemi di pattern accurati nei dettagli.

Riferimento:

Cohen, N., Mor, N., & Henik, A. (2015). Collegamento tra controllo esecutivo e risposta emotiva: una procedura di formazione per ridurre la ruminazione. Scienze psicologiche cliniche, 3 (1) , 15-25. doi: 10,1177 / 2167702614530114

Joormann, J., Waugh, CE, & Gotlib, IH (2015). Modifica della bias cognitiva per l'interpretazione nella depressione maggiore: effetti sulla memoria e reattività allo stress. Scienze psicologiche cliniche, 3 (1) , 126-139. doi: 10,1177 / 2167702614560748

Sun, K. (2013). Consulenza rettale: una prospettiva di crescita cognitiva (2a ed.). Burlington, MA: Jones & Bartlett Learning.

Sun, K. (2014). Trattare la depressione e il PTSD dietro le sbarre: un approccio agli schemi di interazione. In RC Tafrate e D. Mitchell (Eds.), Forense CBT: un manuale per la pratica clinica (Cap. 22, pp. 456-470). Hoboken, NJ: Wiley-Blackwell.

Solutions Collecting From Web of "Risultato errato di auto-valutazione dall'uso di criteri errati"