Risposta a "La scuola non ha fatto nulla per fermare la bugia del bullismo"

Innanzitutto, lasciami dire, credo che questo sia uno degli articoli più importanti che ho letto sul bullismo.
Come professionista che è stato coinvolto in più di un programma antibullying, come autore di un libro di pressa universitaria sul bullismo e di un intervento scolastico elementare, e come relatore e consulente sui piani di azione scolastici, ho avuto occasione di assistere di prima mano, l'implementazione di una varietà di metodi, protocolli, workshop, "attività" e codici comportamentali.
E gran parte di ciò che riporta Kalman è assolutamente corretto: l'imperatore non ha vestiti nuovi.

Prendi in considerazione le politiche di tolleranza zero. Non erano mai in grado di affrontare il vero comportamento minaccioso – le umiliazioni pubbliche – ma erano invece focalizzati a tenere le scuole al sicuro da violenze fisiche e violenze. Dopo molte spese e alcune gaffe molto pubbliche, molti silenziosamente svanirono. Altri programmi implementavano nuovi codici comportamentali a cui gli studenti rispondevano come se fossero nuove sfide Xbox, trovando modi creativi per aggirare, se non sovvertire, le loro intenzioni. Infine, un certo numero di scuole incentrate sulle tasse scolastiche hanno un conflitto di interessi quando si tratta di sorvegliare i figli delle persone che firmano i propri stipendi. Ne sono un esempio le infrazioni gravi, ma è "al di fuori del solito" sotto il radar, dove le crudeltà continuano a proliferare e prosperare.

Detto questo, dobbiamo stare attenti a non gettare il bambino con l'acqua sporca.
Giustapponendo l'emergere del bullismo come un problema sociale contemporaneo contro l'emergere dell'abuso sponsale come un problema sociale durante gli anni '60 e '70, si delineano alcuni paralleli istruttivi.
Durante il periodo di massimo splendore dei diritti civili, la violenza domestica è stata elevata allo status di "problema sociale", anche se le percosse e gli abusi coniugali della moglie non erano affatto nuovi.
Varie corti statali hanno giudicato le questioni di violenza domestica per oltre 150 anni.
La novità era la consapevolezza, il reportage e il campione sociale degli abusati.
Man mano che crescevano sempre più problemi, quando si formavano gruppi di supporto, venivano firmate le petizioni, le politiche cambiavano ei dati raccolti.

Ma cosa hanno riflettuto questi dati?

Un aumento delle percosse coniugali (bullismo) o un aumento di proteste e di reportage?
E, per la cronaca, cosa costituiva esattamente l'abuso domestico (bullismo)?

Considerate le sfide poste da queste due semplici domande a fatti e cifre, possiamo solo supporre che durante gli anni '60 sarebbe stato un errore prendere i numeri suggeriti dai dati come misura precisa dell'eventuale protesta contro la violenza domestica ( a) efficace.
Suggerisco di procedere con la stessa cautela nell'interpretazione dei dati sulle iniziative antibullismo.

Più di ogni altra cosa, aumentare la consapevolezza sta facendo affondare nuove norme nella coscienza culturale, qualcosa che tuttavia non accadrà durante la notte.

Nel frattempo, questi costosi e non ottimali interventi devono, da soli, essere visti come i piani di azione preventiva che hanno fallito sotto il fuoco, ma devono essere riconfigurati in modo che possiamo continuare ad avanzare e spianare la strada per il cambiamento sia la coscienza che lo status quo. Al fine di spostare le norme culturali di una frazione di un pollice, questi programmi si estendono.

Solo il tempo scuoterà l'eccesso e ci insegnerà come ridurre l'aggressività sociale quando tutte le altre modalità di competizione sono sostenute dalla nostra cultura. Dobbiamo imparare quanto segue:
Come sostenere la tolleranza nei nostri studenti quando l'educazione genitoriale incentrata sul bambino può essere un'incubazione delle tendenze narcisistiche
Come negoziare il rifiuto quando il nostro cervello può essere cablato con "bisogni di appartenenza"
Come elaborare il dolore dell'umiliazione in una cultura che nega sé stessa e si allontana dalla vergogna.

Solutions Collecting From Web of "Risposta a "La scuola non ha fatto nulla per fermare la bugia del bullismo""