Risparmia quell'albero!

Per quanto riguarda i nomi dei marchi, Imprelis è una scelta iconica. Sottopone subliminalmente un ordine arcaico di rango nobiliare, forse uno dei giocatori di Game of Thrones. Proprio come nella serie televisiva via cavo sugli imperiali spietati, tuttavia, sembra che tu non voglia che questo personaggio faccia visita al tuo maniero. Imprelis è un erbicida paesaggistico nuovo, presumibilmente "eco-compatibile" legato a un olocausto emergente dell'orticoltura.

Il moniker chimico di DuPont per il principio attivo del prodotto è "aptexor". Dal momento che questo nome alternativo richiama specie di specie di dinosauri aggressivi, è logico che l'azienda abbia optato per qualcos'altro sulla sua etichetta. Peggio ancora, il nome generico della formula chimica è un vero boccone: "aminocyclopyrachlor". Come riportato nel New York Times il 15 luglio, Imprelis (alias aptexor, ovvero aminocyclopyrachlor) è stato implicato nella morte di migliaia di alberi in tutto il paese. Altri sopravvivono, a seconda ovviamente di quanto fogliame diventi mortalmente marrone o, come è stato detto da un vivaio, come se qualcuno avesse portato un lanciafiamme sugli alberi (http://www.nytimes.com/ 2011/07/15 / scienza / terra / 15herbicide.html).

Il nuovo erbicida è stato promosso per l'uso del paesaggio su aree coperte di prato. Gli alberi intorno ai campi da golf hanno sofferto particolarmente, ma lo sono anche quelli delle residenze private. Gli alberi più a rischio sono noti per i tipi con radici poco profonde, ma la lunghezza dell'elenco dei risultati è poco rassicurante, tra cui salice, abete rosso, pino e pioppo. Imprelis è pubblicizzato come il primo erbicida in una classe completamente nuova. In effetti, si ritiene che la sua modalità di azione sia molto simile alla maggior parte degli altri erbicidi chimici presenti sul mercato. Uccide le sue vittime operando attraverso percorsi di crescita delle piante che sono governati da una classe di ormoni naturali chiamati "auxine". Gli erbicidi sintetici che sfruttano quest'arma interna, una quinta colonna che danneggia la vegetazione causando la morte delle piante attraverso un'eccessiva stimolazione, sono indicati come " superauxins”. L'erbicida ideale è quello che agisce in questo modo in modo selettivo, uccidendo alcuni tipi di piante risparmiando gli altri. L'episodio di Imprelis ci ricorda, nel caso avessimo dimenticato, che non viviamo in un mondo ideale.

Finora DuPont, in una lettera di "Dear Turf Management Professional", ha solo sollecitato il ritiro delle applicazioni del suo prodotto vicino all'abete rosso o al pino bianco, dal momento che questi sono gli alberi coinvolti in "una maggioranza di segnalazioni" In un sottile eco-twist , DuPont sembra dare la colpa non al suo prodotto, ma piuttosto al riscaldamento globale: "In molte aree geografiche, negli ultimi anni le condizioni ambientali hanno stressato gli alberi, in particolare gli abeti rossi. Abbiamo osservato sintomi sfavorevoli sugli alberi su proprietà che non sono state trattate con un erbicida. Buone condizioni di crescita e cure adeguate per minimizzare lo stress permetteranno a molti alberi di provare segni di stress per riprendersi e tornare in buona salute. "È un bel riff sul tema" la colpa degli alberi "di Reagan, suggerendo che Spruce Stress è la prossima grande cosa, sorta della controparte forestale di PTSD (http://www2.dupont.com/Professional_Products/en_US/assets/downloads/pdfs/Letter_to_Imprelis_Customers_061711.pdf).

Una linea di difesa che gli alberi hanno è l'EPA degli Stati Uniti, che è tenuto a rivedere i pesticidi candidati prima dell'approvazione e a seguire le sue decisioni qualora emergano nuove informazioni che suggeriscono che un prodotto non dovrebbe rimanere sul mercato. L'EPA ha approvato solo Imprelis lo scorso autunno. Secondo varie notizie, l'EPA ha tenuto una teleconferenza con vari funzionari dell'agricoltura statale il 6 luglio per discutere il problema. Il New York Times ha citato un portavoce senza nome dell'agenzia dicendo "L'E.PA. lo sta prendendo molto sul serio. "United Press International, in una storia di filo conduttore prima del pezzo del Times, ha citato Kate Childress (identificata come una portavoce di DuPont) dicendo:" Lo prendiamo sul serio. "Nel frattempo, l'unica fonte governativa che documenta che la teleconferenza dell'EPA ha effettivamente avuto luogo il "Daily Open Source Infrastructure Report" del Dipartimento della Sicurezza Nazionale (http://www.dhs.gov/xlibrary/assets/DHS_Daily_Report_2011-07-12.pdf). È rassicurante che tutti siano così seri, persino Homeland Security sta seguendo questa storia.

C'è un rivestimento d'argento. La California, che ha il proprio processo di revisione dei pesticidi oltre a quello dell'EPA federale, non ha approvato Imprelis , almeno finora. Sfortunatamente, la recente raccomandazione dello Stato di procedere con un pericoloso e controverso fumigante agricolo, lo ioduro di metile, dopo essere stato un ostacolo di fronte a un precedente bando EPA per quel prodotto, mette un'oscurità oscura sull'argento. Non è l'ascia del boscaiolo che dobbiamo temere, ma l'errore del regolatore.

Solutions Collecting From Web of "Risparmia quell'albero!"