Risolvere il cancro in dieci anni?

Ricercatori Microsoft a Cambridge, in Inghilterra, propongono di "risolvere" il "puzzle del cancro" tra dieci anni.

Pexels
Fonte: Pexels

Come lo faranno?

Trattare le cellule come "programmi" piuttosto come software. Il risultato sarà trasformare le cellule in "computer viventi" che possono essere riprogrammati – per curare il cancro o qualsiasi altra malattia. Il lavoro è iniziato su un Bio Model Analyzer, un modello computerizzato per simulare le interazioni tra farmaci. Uno degli architetti del modello, il professor Jasmin Fisher a Cambridge, ha spiegato al quotidiano britannico The Telegraph, "" Se siamo in grado di controllare e regolare il cancro, allora diventa come qualsiasi malattia cronica e quindi il problema è risolto. "Ha continuato "Penso che per alcuni dei cancri cinque anni, ma sicuramente entro un decennio. Allora avremo probabilmente un secolo senza cancro. "

Speranza o campagna pubblicitaria?

Pochissimi ricercatori sul cancro ritengono che il cancro "risolverà" e tanto meno "guarirà" in dieci anni. Una ragione è la storia. La guerra al cancro ha oltre quarant'anni. Più apprendi sul cancro, più appare complicato. Molti ricercatori riconoscono che il "cancro del polmone" in un dato individuo può essere di sei o dieci cloni tumorali separati, e che i "cloni del cancro" stanno muovendo obiettivi costantemente imparando dall'ambiente – come come evitare i farmaci antitumorali.

Quindi prima c'è il problema della complessità. I programmi per computer possono simulare la vita? Scopriranno le dozzine di sistemi di informazione biologici che nessuno ha ancora notato e riconosceranno cosa faranno? Capiscono come funziona una cellula, agganciata ai dieci trilioni di particelle virali umane e quaranta trilioni di batteri e quasi infiniti che fanno parte del suo ambiente?

Non illuderti. È come insegnare a un bambino cinque lettere dell'alfabeto e chiedergli di spiegare l'importanza di Shakespeare.

Quindi il fattore di eccitazione qui è, come direbbe Donald Trump, "enorme". Nessuna vera sorpresa. Questa è una società tecnologica di cui stiamo parlando. Microsoft può avventurarsi nei regni biologici senza le preoccupazioni o i dolorosi ricordi delle aziende farmaceutiche, che sanno quanto sia difficile manipolare i processi biologici anche quando hai una buona idea di come funzionano.

Poi c'è il prossimo numero: la biologia funziona come un software? I modelli di computer attuali operano con gli stessi vincoli e ridondanze che la biologia fa, in particolare quando non sappiamo realmente cosa succede nelle celle millisecondo per millisecondo, come possiamo fare con i chip dei computer.

Potrebbe richiedere che nuovi tipi di modellazione inizino a comprendere questi processi biologici. Molti saranno informati dai modelli evolutivi, che sono stati costruiti in alcuni dei nuovi paradigmi di "machine learning".

Ma le cellule possono imparare in modo molto diverso dalle macchine.

Qual è il positivo?

Ci sono ancora notizie terrificanti in questo sviluppo. La biologia sta finalmente diventando una "scienza dell'informazione", proprio come la fisica e la chimica. Vedere il mondo come informazione, piuttosto che come massa ed energia, proteine ​​e grassi, ti fa pensare molto più efficacemente su come le cose accadono realmente. Vedere la vita come una forma di "elaborazione delle informazioni" ti consente di mettere insieme tutti i tipi di cose che normalmente le persone non fanno.

Come se guardassimo a dozzine di variabili interagenti simultaneamente, qualcosa che nemmeno i migliori giocatori di scacchi fanno come alcuni computer. Come allontanarsi da puramente "tangibile", significa intoccabile come l'unico modo per eseguire una diagnosi medica.

In futuro, il tumore potrebbe essere annunciato meno dalla biopsia tissutale che dai campioni di sangue analizzati per i modelli di geni attivati. Dopotutto, possiamo formare centinaia di cancri ogni giorno o settimana. Il problema è quali "saltare il recinto" e fare effettivamente qualcosa che potrebbe danneggiarci e ucciderci. Come abbiamo imparato dal cancro alla prostata, sapere di avere un "cancro" può produrre più danni che benefici; negli studi europei, 50-100 persone sono trattate inutilmente per ogni persona la cui vita è "salvata". L'attenta attesa del cancro alla prostata mostra attualmente lo stesso tasso di mortalità del trattamento immediato tramite chirurgia e radiazioni. Inoltre conoscere le cellule tumorali attraverso i metodi di informazione potrebbe non obbligarci a trovarle e biopsiarle, se troviamo un modo per distruggerle rapidamente.

Meglio, una visione del cancro e della biologia in generale come informazione, può aprire nuovi modi di guardare alla salute e alle malattie. Il vero trucco è insegnare all'organismo – cioè a te – come rigenerare e regolare il suo sistema di informazione per respingere i tumori prima che inizino. Potrebbe essere molto più utile insegnare al tuo corpo ciò di cui ha bisogno per combattere il cancro piuttosto che curarlo.

Meglio ancora, capire come funziona la biologia come un problema di informazione dovrebbe rendere più facile creare non solo migliori programmi per computer ma anche migliori computer. La biologia utilizza senza dubbio sistemi diversi di come le informazioni vengono elaborate e utilizzate, molto diverse da quelle dei chip di silicio e dell'ingegneria standard.

Linea di fondo

Il cancro non è vicino a leccare. Gran parte di ciò che provoca è probabilmente non ancora sugli schermi radar dei teorici. I sistemi di informazione coinvolti nella biologia umana sono molto più complicati dei diagrammi di Venn e non saranno manipolabili rapidamente.

Ma una visione delle informazioni sul cancro e sulle malattie, informerà un modo molto migliore per affrontare malattie di ogni tipo. Sei informazioni, gente. Abituati, perché quella vista può aiutarti molto. Anche se i ricercatori Microsoft non risolvono il cancro in dieci anni, almeno guardano al problema in modo risolvibile.

Solutions Collecting From Web of "Risolvere il cancro in dieci anni?"