Riscaldando al tocco sensuale: la scienza dei preliminari

Noi umani siamo creature sensuali. La confusione divertita dei capelli di un bambino, la carezza incoraggiante sulla schiena, la protuberanza alla spalla giocosa, o la dolce carezza della guancia di un amante, tutti comunicano accettazione e rassicurazione – e sono generalmente accolti da un caloroso sorriso. Ma a volte il tocco ben intenzionato incontra un ostacolo.

Questo perché, come individui unici, non troviamo tutte le stesse cose piacevoli o gratificanti.

Negli anni '50 e '60, gli esperimenti dello psicologo David Premack con ratti in gabbia alla fine diedero origine alla nozione comunemente indicata nei circoli di psicologia comportamentale come principio di Premack, cioè che un comportamento può essere usato per rinforzarne un altro.

In altre parole, possiamo tutti scaldare il potere sensuale del tatto, dato abbastanza (per mancanza di una parola migliore) "preliminari" – un termine spesso usato per ciò che generalmente percepiamo come una sorta di comportamento "corteggiamento" che porta ad un aumento sociale incollaggio in una forma o nell'altra. La progressione intuitiva e graduale dei preliminari, si scopre, ha una base scientifica costruita sull'associazione positiva.

Quello che Premack ha scoperto è che, mentre i rinforzi individuali – come il tatto – sono relativi e molto soggettivi, possiamo tutti venire a sperimentare uno stimolo particolare come più rinforzante nel tempo.

Se un topo lasciato a se stesso mangiava più spesso di quanto bevesse, e beveva più spesso di quanto non avesse corso su una ruota per esercizi, allora per quel topo individuale, l'opportunità di bere poteva essere usata per rafforzare il comportamento meno desiderabile della corsa. Allo stesso modo, l'opportunità di mangiare potrebbe rinforzare il comportamento del bere da parte del ratto sperimentale meno frequentemente.

Le nozioni di ricompensa di Premack erano valide sia per gli umani che per i ratti, come dimostrato da un esperimento con bambini.

Nell'esperimento, a un gruppo di bambini è stato dato libero accesso sia a caramelle che a un flipper. Una volta registrate le loro preferenze individuali, i bambini erano divisi in due gruppi, uno dei quali era tenuto a mangiare caramelle per poter accedere al flipper, mentre all'altro gruppo era richiesto di giocare a flipper per poter mangiare caramelle.

Nei bambini che preferivano le caramelle al flipper, l'opportunità di mangiare rinforzò (e quindi aumentò la frequenza) giocando, ma non il contrario. Per coloro che preferivano il flipper alle caramelle, giocando a mangiare rinforzato, ma non viceversa.

Torna, per un momento, al potere del tocco fisico.

Recentemente stavo parlando con un addestratore di animali che ha tenuto un certo distacco per i proprietari di cavalli che – sembrava a lui – offrivano cibo "bustarelle" di carote e mele in cambio di modi educati equini.

Ha detto che i cavalli sotto la sua cura sembravano "offrire di più" in termini di buon comportamento perché si basava invece sul potere di legame del tocco fisico attraverso pacche pacche e stronzate.

Nel lungo periodo, ovviamente, una buona relazione non dovrebbe dipendere dai premi alimentari. Ma alcune essenze importanti dell'esperienza umana sono state distillate e tramandate attraverso le generazioni in termini quali "La via più veloce per il cuore di un uomo passa attraverso lo stomaco".

Significa, naturalmente, che in definitiva relazioni vere e profondamente significative sorgono spesso da punti di partenza basati su payoff esterni che soddisfano le pulsioni naturali. Cibo, sesso e sonno sorgono immediatamente quando si tratta di primarie pulsioni biologiche. Infatti, il corteggiamento umano inizia spesso con una data di cena.

"Mi piaci", ci sembra di dire. "Incontriamoci e formiamo associazioni positive mentre realizziamo un impulso primario. Chissà? Potrebbe portare a una serata di riproduzione seguita da un buon sonnellino. "Provalo come una linea di raccolta prima o poi. Ti sfido.

Naturalmente, l'arte dei preliminari alla ricerca di un legame sociale più profondo consiste nel prevedere con precisione le risposte alle domande di quando e quanto.

Come ex addestratore di delfini della Marina degli Stati Uniti, ho appreso che i buoni istruttori fanno attenzione a evitare di immergersi in un compito che i loro animali potrebbero considerare scoraggianti. Invece, un allenatore astuto tende ad approssimare l'animale verso un compito difficile, nuovo o impegnativo con una serie di comportamenti piccoli, consolidati e rinforzanti.

Supponiamo che un delfino novizio abbia imparato a saltare goffamente attraverso un cerchio sospeso diversi metri sopra la linea di galleggiamento. All'inizio di una sessione di allenamento in cui l'allenatore spera di sollevare il telaio di diversi centimetri, l'animale potrebbe prima chiedergli di fare qualcosa di completamente estraneo.

A titolo di preliminare, l'allenatore potrebbe scaldare l'animale per una sessione chiedendo prima una rinuncia alla pinna pettorale, o un pallonetto di coda che squarcia la superficie. Potrebbero essere seguiti diversi comportamenti rapidi, tutti di cui l'animale ha una lunga storia di successo. Questi comportamenti ormai sono già saldamente associati alla ricompensa, al punto che alcuni dei comportamenti che il delfino trova gratificanti per il loro stesso interesse. Accoppiando il nuovo e più difficile compito del salto con il canestro con i comportamenti più consolidati e gratificanti, si formano associazioni positive con il salto del canestro.

Un approccio simile può essere assunto con il condizionamento di una risposta accogliente al senso del tatto – anche di fronte a una reazione iniziale di frenata. I comportamentisti chiamano questo condizionatore un rinforzo secondario, e il processo è semplice di associazione positiva.

Ogni volta che il delfino nervoso o cavallo fiducioso consente il contatto fisico – anche in minima parte – una ricompensa di pesce o carota segue rapidamente. Nel tempo, il nervosismo scompare e l'animale diventa gradualmente e sempre più ricettivo a un contatto più prolungato. Nel corso di settimane e mesi, i premi alimentari possono gradualmente svanire, per essere sostituiti da carezze lenitive che contribuiscono a una nuova dinamica verso un legame sociale duraturo.

È un'esperienza umana comune accettare un primo appuntamento con l'ambivalenza, solo per trovare le nostre risposte tiepide che si sbiadiscono nel tempo con ripetute esposizioni agli incantesimi precedentemente nascosti e al crescente senso di collaborazione con il nostro nuovo compagno. I racconti felici e contenti possono emergere in questo modo. Aprendoci a, e costruendo su, esperienze di associazione positiva, possiamo tutti scaldare il potere sensuale del tatto – non sono richiesti spuntini di pesce o bastoncini di carota.

Copyright © Seth Slater, 2016

Solutions Collecting From Web of "Riscaldando al tocco sensuale: la scienza dei preliminari"