Riposare o non riposare dopo un trauma cranico?

Un consiglio sfortunato tramandato nel corso dei decenni ha molte persone credendo di sapere già delle commozioni cerebrali, compreso se riposare o meno dopo aver subito un trauma cranico (TBI). Ad esempio, abbiamo ascoltato le raccomandazioni per tenere sveglio il paziente ferito per 24 ore, in modo che il cervello non cadesse in un sonno profondo e non si svegliasse mai.

Ora, una nuova ricerca pubblicata martedì sul Journal of American Medical Association afferma che i bambini guariscono più rapidamente dalla commozione cerebrale quando sono fisicamente attivi entro sette giorni dalla lesione.

Quindi, cos'è, ti riposi o no dopo una commozione cerebrale?

In primo luogo, la risposta è altamente individuale poiché si basa sulla salute del cervello prima della lesione, nonché sulla forza sostenuta.

In secondo luogo, raccomando il "riposo relativo" all'interno di un piano di recupero dello sforzo progressivo. Lasciatemi spiegare: durante le prime 24 ore, il cervello ha bisogno di riposare il più possibile, compresa la riduzione della stimolazione mentale e fisica. Il cervello ha bisogno di riposo dopo un infortunio, praticamente come qualsiasi altro infortunio. Durante questo periodo, osserva i sintomi comuni come mal di testa, nausea, perdita di memoria tra gli altri sintomi, poiché tendono a materializzarsi per diversi minuti, ore o persino giorni dopo la lesione. Durante questo processo di recupero, raccomando di avere un sistema di monitoraggio dei sintomi in modo che sia possibile identificare la provocazione dei sintomi e monitorare il recupero.

Dopo 24 ore, se il ferito è privo di sintomi, è possibile iniziare il protocollo di recupero progressivo di "riposo relativo". Il riposo relativo si riferisce all'evitare qualsiasi attività mentale o fisica che provoca i sintomi correlati alla concussione dell'atleta. Quindi, se l'infortunato riceve un mal di testa durante una breve passeggiata, quindi interrompere la passeggiata.

Supponendo che la ferita guarisca il sintomo libero, ogni giorno puoi aggiungere più sforzo fisico e mentale, purché le attività non provochino sintomi di commozione cerebrale. Inoltre, l'attività progressiva dovrebbe includere anche gli sforzi di riabilitazione adattati specificamente ai sintomi. Per esempio, se c'è disequilibrio, è appropriata la riabilitazione focalizzata sulle abilità vestibolo-oculari.

Quanto tempo ci vuole per guarire da una commozione cerebrale?

Mentre non vi è alcun tempo standard di recupero da una commozione cerebrale, le linee guida dell'American Academy of Neurology e approvate dalla NFL Players Association indicano che gli atleti sono maggiormente a rischio di lesioni ripetute nei primi 10 giorni post-concussione. E la ricerca suggerisce che più le lesioni alla testa di una persona soffre, più è probabile che soffrano di sindrome post-concussione e Encefalopatia cronica traumatica (CTE).

È possibile morire da una commozione cerebrale?

Un'altra grave preoccupazione è la condizione nota come Second Impact Syndrome, o improvviso rigonfiamento cerebrale che può verificarsi quando si verifica una seconda commozione cerebrale mentre il cervello si sta riprendendo da un precedente trauma cranico. La maggior parte delle persone non si rende conto del tasso di mortalità del 50 per cento tra le persone che soffrono questo evento fortunatamente raro. Dei sopravvissuti, il 100 percento avrà disturbi neurologici permanenti.

L'ultima tecnologia del casco può prevenire commozioni cerebrali?

Il casco può prevenire lesioni al cranio, ma non al cervello. Il cervello è un tessuto molle, come il tuorlo dentro un uovo, non attaccato e racchiuso nel liquido. Un effetto "colpo di frusta" può provocare una commozione cerebrale anche indossando un elmetto e quando nessun contatto è sostenuto.

Dovresti consultare un medico dopo una commozione cerebrale?

Oggi, la maggior parte degli istruttori atletici può determinare se una visita al pronto soccorso è appropriata. Ma in generale, meglio prevenire che curare. Aspettatevi di ricevere una TAC per escludere emorragie o danni al cranio. Successivamente, iniziare il protocollo di recupero dello sforzo progressivo "riposo relativo" descritto sopra, dopo che il ferito è privo di sintomi.

Quali sono i sintomi di una commozione cerebrale?

Una varietà di segni accompagnano la commozione cerebrale comprendente sintomi somatici (come mal di testa e vertigini), disturbi cognitivi (come difficoltà di memoria o concentrazione), estremi emotivi (come problemi di preoccupazione, umore o rabbia) e segni fisici anormali (come la perdita di coscienza, intorpidimento, debolezza e perdita di equilibrio). Una spiegazione dettagliata di tutti i sintomi e il protocollo di recupero si trova nel mio libro Concussion-ology: Redefining Sports Concussion Management for All Levels , così come descritto in "View Concussion as a Brain Sprain", pubblicato su Psychology Today all'inizio di quest'anno.

  • Come rallentare il tempo
  • Perché potresti avere problemi di intimità dopo il trauma
  • Studenti traumatizzati in Educazione Speciale in America, Seclusion, Restraint e Aversives
  • Lettere a un giovane studente: parte 3
  • C'è una differenza tra privacy e segretezza
  • Razzismo in America: aiutare il tuo bambino ad essere resiliente
  • Riesci a capire, tollerare e superare la tua ansia sociale
  • Vieni qui, vai via; le dinamiche di attaccamento spaventoso
  • Cosa puoi fare per gli adolescenti esposti a eventi traumatici?
  • La tua memoria sta scivolando? La ragione potrebbe sorprenderti.
  • Sviluppo della resilienza
  • I recenti progressi nella comprensione dell'alienazione dei genitori
  • I 3 tipi di bambini che fanno arrabbiare i loro genitori
  • Robert Foltz su Adolescent Residential Treatment
  • Sei anche molto meglio delle altre persone?
  • Roadblock to Intimacy & Trust V Fratelli: adorazione e abuso
  • Concussione: quali sono i rischi?
  • Il danno al cervelletto può essere la radice del PTSD in combattenti
  • I boia della prigione affrontano un trauma correlato al lavoro
  • Comprensione del successo di PTSD, TBI, suicidio e studenti
  • L'alta incidenza di post terapia intensiva (ICU) Ansia e depressione
  • Ci sono nomi di animali davvero fortunati e sfortunati?
  • Il ruolo della sensualità nel grande sesso
  • 6 Hack di felicità
  • Segui questi quattro principi per conquistare la tua paura
  • Morire per accettazione: tassi di suicidio nella comunità LGBTQ
  • La paura della felicità è reale?
  • Puoi perdonare?
  • Terapia assistita da equino, parte 1
  • L'amore devozionale di Natalie Merchant
  • Obesity è un problema di salute mentale?
  • Avere un bambino significa rinunciare ai bisogni di base
  • Salute mentale e gravidanza
  • Svegliarsi dalla guerra e guarire i nostri guerrieri feriti
  • Crescita spirituale attraverso le principali avversità
  • Recupero da dispiacere, perdita e angoscia