Ripensare l'intero Burrito

È venerdì sera, meglio conosciuto come Burrito Night nella mia famiglia. Non vedo l'ora che arrivi questa notte più di quanto dovrei ammettere, ma dopo una lunga settimana di lavoro, genitorialità e costrizione a indossare pantaloni che non hanno la vita elastica, cerco comodità. Di solito non faccio le mezzezze a cena, quindi il pasto gigante in un morbido pacchetto di tortilla è mio. Tutto mio.

Tuttavia, poiché a volte mi piace pensare a me stesso come una signora raffinata, cerco di mettere da parte quel pensiero goloso e sostituirlo con uno più moderato: questo burrito è enorme; Mangerò solo a metà e non vedo l'ora di mangiare il resto di domani. Il burrito ha le dimensioni di un piccolo cane, quindi questo non è un pensiero folle e in realtà non dovrebbe essere una tale sfida.

Ma è. In men che non si dica, ho centrato la bontà del centro. Non intendo essere eccessivamente vivido, ma ha un sapore così buono e ha un effetto di riscaldamento e sostegno sul mio corpo che, semplicemente, preferisco continuare a mangiare piuttosto che smettere. E qui sta la mia normale sfida del venerdì: seguo il percorso all-in o quello più moderato?

Desiderare un momento di benessere dopo una lunga settimana è umano. Sia che siamo in ufficio oa casa, i giorni e le settimane possono sentirsi a lungo e lo stress senza fine. In quei momenti esausti, è normale voler lasciare andare e semplicemente sentirsi felici. E così, ci troviamo alla ricerca della felicità – nel modo in cui la felicità è tradizionalmente definita – attraverso esperienze di piacere e gratificazione.

Ma la felicità può anche essere definita in un altro modo: cioè, come la ricerca del vivere una vita significativa e appagante. Lavorare per vivere una vita significativa potrebbe non essere immediatamente gratificante. In realtà, potrebbe dare origine a sentimenti spiacevoli, perché, naturalmente, una vita vissuta comprende pienamente l'intera gamma di emozioni. Eppure questo tipo di ricerca della felicità fornisce un soddisfacente senso di una vita ben vissuta che può rimanere con te, anche in quei momenti di provare emozioni indesiderate.

La differenza in queste due definizioni di felicità è una caratteristica fondamentale di un trattamento moderno, scientificamente sostenuto, chiamato terapia di accettazione e impegno (o ACT, pronunciato come una singola parola). Questo trattamento, sviluppato dallo psicologo Dr. Steve Hayes, promuove la ricerca della felicità attraverso una vita significativa. Nel dare priorità alla vita significativa su una gratificazione emotiva più immediata, ACT lavora per interrompere la "trappola della felicità" (così soprannominata dal Dr. Russ Harris nel suo libro di auto-aiuto su ACT) che può tenerti bloccato in quel ciclo senza fine.

Poiché la felicità ricercata attraverso il piacere e la gratificazione è così fugace, la ricerca di queste forme di felicità ti spingerà naturalmente verso comportamenti eccessivi. E mentre il consumo di burrito può essere per te un esercizio più semplice di quello che è per me, la maggior parte di noi lotta con qualche forma di questo dilemma. Indipendentemente dal fatto che tu ti spinga a impegnarti più duramente nel lavoro, completa una lista di cose da fare per garantire una cucina incontaminata (e acquistare i contenitori di scorta, ovviamente), o iscriviti ai tuoi figli per lezioni settimanali di calcio, tennis e salsicce, l'aspettativa è che la felicità e la soddisfazione verranno se cerchi di più. Ma il circuito non finisce mai e non ci sentiamo mai pienamente soddisfatti.

Ma anche concedere gli aspetti negativi di più-è-più-vivere non rende facile innamorarsi dell'idea di moderazione. Per molti di noi, la parola "moderazione" riporta alla mente un senso di ordinarietà e mediocrità; una rinuncia all'eccellenza, al successo o anche a quel semplice percorso di grande piacere.

Eppure, cosa succederebbe se evitare l'eccesso avesse il potenziale per aprire una vita più ricca facendo spazio a più mondi di impegno significativo e appagante? In questo modo, la moderazione nella tua vita lavorativa potrebbe dare più spazio alla vita familiare. Forse la moderazione nell'acquisto della casa dei tuoi sogni lascerebbe più soldi per il viaggio. E forse evitare di abbuffare guardando la prossima versione di Netflix ti darebbe il tempo di fare una conversazione – forse anche sesso – con quel tuo vecchio compagno.

Quindi, piuttosto che continuare a cercare il prossimo high felice, potresti invece lasciarti guidare dalla ricerca della tua vita più significativa. In tal modo, considera di aprirti al potere della moderazione. Certo, non è certo cakewalk smettere di fare qualcosa che ti fa sentire bene. Ma se intrattenere comportamenti moderati e orientati verso una vita significativa può aiutarti a uscire dal ciclo infinito di inseguimenti del piacere, potrebbe valere la pena di sperimentare. Con moderazione, ovviamente.

Abbracciare la moderazione può assumere molte forme. Ma, un primo passo in questo esperimento è di fare una pausa prima di impegnarsi nel tuo tipico comportamento di ricerca della gratificazione. Durante questa pausa, rifletti su ciò che fai normalmente e prova un comportamento più moderato. Questo potrebbe significare che torni a casa dall'ufficio in tempo per la cena, decidi di rinunciare al lussuoso party di compleanno di tuo figlio (o forse semplicemente annullare le cavalcate dei pony), e forse smettere di mangiare il burrito a metà strada.

Provare nuovi comportamenti è più che probabile per suscitare sentimenti sgraditi. Ma, come suggerisce l'esilarante titolo di auto-aiuto, F * ck Feelings suggerisce, può essere molto più efficace lasciare che i tuoi valori guidino le tue scelte comportamentali piuttosto che lasciare i tuoi sentimenti pienamente al comando. Inoltre, i vantaggi di lasciare spazio a più pezzi di vita che sono significativi per te possono rendere questo disagio utile.

Perché, dopo tutto, mangiare solo metà del burrito ti lascerà più spazio per il dessert.

© Rafer | Dreamstime.com - Fresh Mexican Burrito Photo
Fonte: © Rafer | Dreamstime.com – Fresh Mexican Burrito Photo

1. Harris R. La trappola della felicità: come smettere di lottare e iniziare a vivere: una guida per agire. Boston, MA: Trumpeter Books; Del 2008.

2. Bennett M, Bennett S. F * ck Sentimenti. New York: Simon & Schuster; 2015.

Solutions Collecting From Web of "Ripensare l'intero Burrito"