Ripensare a SAD: creare un'oasi invernale

Una cosa che potrei trovare più frustrante del vortice polare è l'assalto annuale degli articoli di notizie mainstream sul disordine affettivo stagionale (SAD). Solo perché è lo stesso consiglio anno dopo anno: fai esercizio fisico, acquista una lampada solare e chiedi al tuo medico di controllare il tuo livello di vitamina D. Ok, l'ho fatto, sentendoti ancora un po 'schifoso. E ora?

Penso che quello che mi infastidisce di più è che gli articoli spesso contengono frasi cortesi come "abbattere la depressione", "mettere lo smackdown su SAD" o "battere il blues". Non so voi, ma quando sono sentirsi schifoso Non sono esattamente dell'umore per saltare sul ring per dare alla depressione un pugno TKO. E quando trattiamo il nostro "cattivo umore" come se fosse il nemico, potremmo semplicemente prepararci per un incontro lungo e difficile sul ring.

Credo che la nostra cultura tenda a fare un errore fondamentale quando concettualizza gli stati d'animo negativi come intrusi che dobbiamo allontanare. Credo che possiamo fare molto meglio nel vedere la nostra intera gamma di stati d'animo come parti di noi stessi per essere visti e vissuti. E se reimmaginassimo l'umore più come un compagno di ballo che come un compagno di sparring? Permettendo a tutti i nostri stati d'animo di presentarsi al tavolo da pranzo metaforico, non come ospiti non invitati, ma come saggi anziani con lezioni da condividere.

I nostri stati d'animo e le nostre emozioni si intrecciano con il mondo che ci circonda e l'ambiente dentro di noi. Li considero infiniti fili invisibili che intrecciano i nostri comportamenti con i nostri ricordi, le associazioni, le connessioni con il nostro ambiente e le relazioni reciproche. Ogni thread ha uno scopo, ha una storia.

Ricordo un inverno più di un decennio fa, quando mi sentivo particolarmente impantanato nella lunga stagione grigia. Quell'inverno ho veramente imparato cosa significasse testimoniare e onorare tutti i miei stati d'animo e i messaggi del mio corpo, al contrario di odiare quelle parti che sembravano sofferenze. Ho imparato a testimoniare e ballare con il disagio di uno stato d'animo depresso senza giudicarlo così duramente per essere scoperto sul pavimento.

Questa era la danza: nel corso di quell'inverno, ho lavorato con un consulente per ridefinire le mie convinzioni rigide sull'inverno e trovare un ritmo in cui potevo passare a modi personali per dare un senso alla stagione. In primo luogo, ho imparato come testimoniare, onorare e apprezzare gli aspetti dell'inverno piuttosto che coprire l'intera stagione con risentimento. Quindi, per notare e apprezzare i messaggi che il mio corpo inviava e per darmi il permesso di accettare un ritmo più lento e delicato. Alla fine, ho imparato come incorporare oggetti simbolici nella mia casa che fanno riferimento a ciò che amo delle stagioni più calde e che desidero in inverno. Questo, un processo a cui ora mi riferisco come a creare un'oasi invernale

1. Coinvolgi i tuoi sensi. Incorporare intenzionalmente nel proprio ambiente modi per coinvolgere frequentemente i propri sensi di vista, suono, tatto, olfatto e gusto. Queste sono strutture per aiutarti a sentirti connesso al tuo ambiente e stimolato quando le cose si sentono "bla".

Il primo inverno che ho sperimentato con il concetto di oasi, ho comprato gli oli essenziali calmanti. Ora brucio incenso di legno naturale che crea la piacevole associazione di un accogliente fuoco di legna. Ascolto anche musica rilassante ed edificante, o gruppi che evocano affettuosi ricordi estivi.

Questo cactus natalizio illumina al momento la mia oasi invernale.

2. Connettiti con gli elementi.

Brainstorming modi per incorporare nella vostra casa i classici quattro elementi della vita: terra, acqua, fuoco e aria. Si potrebbe anche considerare la tradizione cinese di Wu Xing, dove l'attenzione si concentra sulle cinque virtù: acqua, legno, fuoco, metallo e terra.

La mia casa attuale ha un camino, così il focolare è dove accendo l'incenso e ho anche messo una piccola fontana d'acqua decorata con pietre lisce e legni che ho scelto dalla spiaggia. Nelle vicinanze, ho messo un cactus natalizio che fiorisce in modo prolifico durante l'inverno. In questo spazio, gli elementi di legno, fuoco, terra e acqua coinvolgono i sensi della vista, del suono, dell'olfatto e del tatto. È la mia principale area di soggiorno ed è la mia oasi invernale, specialmente in quei giorni grigi in cui non voglio nemmeno intravedere la neve fuori!

La mia fontana d'acqua incorpora diversi elementi "estivi".

3. Resta presente. Questo è vero per ogni stagione, qualunque sia l'umore. Coltivare un senso di consapevolezza quotidiana ci aiuta a evitare il rimuginare il passato e l'ansia del futuro. L'attenzione attenta a un compito a portata di mano può aumentare la produttività e placare la disperazione per la primavera.

4. Rimani connesso. Dobbiamo assumerci la responsabilità per il nostro impegno con il mondo che ci circonda. Questo è particolarmente importante in inverno quando molte persone hanno maggiori probabilità di isolare. Si tratta di raggiungere quando siamo nel bisogno e di estendere una mano quando vediamo gli altri soffrire. Trova i modi per ridere, e raggiungere e abbracciare qualcuno.

Si tratta anche di cercare opportunità in cui potremmo aver precedentemente pensato che non ce ne fossero. Ad esempio, essere più aperti alle attività all'aperto in inverno. Un modo di coinvolgere è quello di adottare un "occhio del fotografo" e iniziare a scattare foto di scene bellissime che solo l'inverno può fornire; magari condividendoli sui social media. Ho intrapreso escursioni invernali e birdwatching e ho sempre a portata di mano la mia fotocamera. Ho anche investito in vestiti caldi, così ho potuto rebrand spalare la neve come cardio. Mi fa uscire di casa, incontro nuovi vicini e mi collego con la natura. Inoltre, odio andare in palestra.

Pensavo all'inverno come a un simbolo di cose che finiscono o muoiono; e non fraintendermi, alcuni giorni invernali possono essere ancora difficili. Ma mi sono anche allenato a pensare all'inverno mentre la Terra si preparava per la primavera … la mia stagione preferita. I fiori di primavera non sanno fiorire senza ricevere una stecca dal freddo. Quindi prendo spunto dalla natura e ascolto il bisogno del mio corpo di rallentare le cose, di riposare di più e di fare più sforzi per rimanere impegnato con la vita. E per onorare quegli infiniti fili invisibili che ci tengono connessi alla vita, indipendentemente dalla stagione.

Una nota finale, in nessun modo voglio diminuire il valore di parlare con un medico di carenza di vitamina D o di usare una lampada solare. E il movimento fisico è imperativo. Credo che questi siano tutti strumenti preziosi nel toolkit per coloro che affrontano gli stati d'animo stagionati. In effetti, ho scritto questo intero articolo sotto il fedele faro della mia Happy Lite!

Brad Waters, MSW fornisce coaching e consulenza sulla vita professionale ai clienti a Chicago e all'estero tramite telefono e Skype. Aiuta le persone ad esplorare la direzione della carriera e ad agire sulle transizioni di carriera. Brad ha conseguito un master in servizio sociale presso l'Università del Michigan e la certificazione del Master in salute olistica presso la Western Michigan University. Brad è anche uno scrittore di sviluppo personale i cui libri sono disponibili su Amazon e BradWatersMSW.com

Copyright, 2014 Brad Waters. Questo articolo non può essere riprodotto o pubblicato senza il permesso dell'autore. Se lo condividi, ti preghiamo di dare credito all'autore e non rimuovere i link incorporati.

Solutions Collecting From Web of "Ripensare a SAD: creare un'oasi invernale"