Riordina la mania: fai confusione, perdona le persone

wikipedia.org
Fonte: wikipedia.org

La mania rassodante sembra essere un approccio diverso al feng shui, il movimento minimalista che promuove l'armonia nello spazio, nelle relazioni e nella vita. Da lungo tempo devoto di "Feng Shui Your Life", di Jayme Barrett, non ho ancora letto "La magia che cambia la vita di riordinare" di Marie Kondo. Ecco perché. Alcune persone con cui ho parlato stanno portando il movimento di riordino a un passo troppo lontano. Prendono la decisione di eliminare amici, parenti e persino familiari perché queste persone non "suscitano gioia".

Mentre può essere importante evitare le relazioni tossiche, quando si decide di portare armonia nella propria vita, creare l'atmosfera di serenità dovrebbe essere l'obiettivo. Per farlo spesso è necessario trovare un posto nella casa per esprimere gratitudine, meditazione, preghiera.

Decluttering ha i suoi meriti. Kondo e Gretchen Rubin hanno pensieri diversi. Per me, quando si tratta di oggetti, mi riferisco spesso alle domande di chiarimento di Barrett:

  • Lo amo?
  • Lo uso?
  • Ne ho bisogno?
  • Evoca un sentimento positivo e mi fa sorridere?

Nel commentare il motivo per cui non è d'accordo con il concetto di gioia di Marie Kondo, Gretchen Rubin ha sottolineato:

"Lei raccomanda di chiedersi se un oggetto" fa scintille ". Questa è una domanda fantastica e può essere molto utile. Ma non penso di poter realisticamente aspettarmi di avere un rapporto gioioso con ogni oggetto del mio appartamento. Trovo faticoso persino contemplare una reazione emotiva a tanti oggetti comuni. È vero, però, che per molte persone, la "scintilla di gioia" è stata una rivelazione. Conosci te stesso."*

Il pezzo d'opinione di Stephanie Land sul New York Times , il 17 luglio 2016, ha evidenziato un aspetto interessante del riordino di "The Class Politics of Decluttering". Come ha sottolineato Land:

"Ma il minimalismo è una virtù solo quando è una scelta, e sta dicendo che i suoi fan sono raggruppati nella classe media benestante. Per le persone che non sono così benestanti, l'idea di optare per avere ancora meno non è davvero un'opzione ".

In effetti, io sono una di quelle persone in grado di acquisire troppo. Il suo articolo è stato puntuale per me perché la scorsa settimana ho deciso di fare un viaggio a Goodwill con mia sorella. Possedevo troppi vestiti con gonne a matita che, nonostante una moltitudine di diete, non mi facevano sorridere. Ma dal momento che molti degli abiti erano ancora indossabili e di buona qualità, ho messo tutto su grucce e borse di plastica, quindi mi sembrava che condividessi piuttosto che rigirarmi. E speravo che quelli che sceglievano i vestiti da indossare li avrebbero goduti.

Per quanto riguarda le scarpe, c'erano troppi classici che stavano prendendo un intero bagagliaio in attesa di essere abbinati con l'abito giusto per l'occasione giusta. E naturalmente c'erano delle borse. E così li ho messi al test di disordine e ho riempito due sacchi.

Quando siamo arrivati ​​a Goodwill, ero angosciato nel vedere quanti sacchetti per la spesa di carta erano gettati in pile nella parte anteriore della stanza. Quando ho detto alla donna che tutto quello che stavo donando è stato pulito e lavato, qualcuno è venuto, ha preso tutti i vestiti sulle grucce e li ha portati immediatamente ad appenderli sugli scaffali. E questo mi ha dato gioia.

Passo spesso a fasi decrescenti o di ridimensionamento. Ogni volta, accedo con attenzione a cosa dovrebbe rimanere e cosa dovrebbe andare. Ne ho discusso in due post collegati sotto Risorse: "Confessioni di un ripetitore" e "Crea uno spazio solitario e trova la tua gratitudine".

Che dire dell'eliminazione delle persone? Questa è una domanda complicata e soggetto per un follow-up. Ma in breve, quando le persone delle nostre vite ci trascinano giù, spesso non abbiamo altra scelta che tollerarle. Le persone potrebbero essere colleghi, amici bisognosi o familiari che ci stressano. Tuttavia, ciò che possiamo fare è dare un'occhiata a noi stessi e chiedere: "Queste persone sono un riflesso del mio lato oscuro, quella parte della mia personalità che vorrei rimanere sepolta?

Spesso la risposta è "sì". Il modo di riordinare quella relazione è perdonare noi stessi e coloro che ci irritano. Quindi auguro a queste persone benedizioni perché non sappiamo quale pesantezza abbiano nei loro cuori.

Copyright 2016 Rita Watson

risorse:

Confessions of a Repeat Mover (Rita Watson – Psychology Today)

Crea uno spazio solitario e trova la tua gratitudine (Rita Watson – Psychology Today)

Class Politics of Decluttering: Stephanie Land, New York Times, il 17 luglio 2016

Gretchen Rubin non è d'accordo con Marie Kondo

Solutions Collecting From Web of "Riordina la mania: fai confusione, perdona le persone"